Ritratto di Erika Favaro
Autore Erika Favaro :: 12 Ottobre 2015

Il nuovo film in stop motion del regista avrà come protagonisti i cani, animali che ha sempre inserito nei suoi lavori

Wes Anderson

La notizia è questa: Wes Anderson, dopo il successo di Grand Budapest Hotel (2014) girerà un film d’animazione in stop motion e protagonista della pellicola sarà la razza canina.

Fino a qui niente di strano, considerando anche che il regista texano aveva già lavorato con la medesima tecnica per Fantastic Mr. Fox (2009). La cosa che fa sorridere, che colora la notizia di quella sottile ironia tipica dei suoi film, è che esiste un articolo del Newyorker scritto nel 2012 intitolato "Does Wes Anderson Hate Dogs?", che al giorno d’oggi è un po’ come l’accusa più grande che si possa rivolgere a qualcuno.

E in effetti ci si pensa e con un minimo di memoria ritornano in mente diversi episodi tragicomici:  Eli Cash (Owen Wilson) che arriva strafatto e investe il cagnolino dei figli di Chas (Ben Stiller) ne I Tenenbaum (2001),  il cane a tre zampe ne Le avventure acquatiche di Steve Zissou (2004), i beagle di Fantastic Mr. Fox o il fox terrier infilzato da una freccia in Moonrise Kingdom (2012).

I dettagli sono ancora sconosciuti, ma probabilmente si potrebbe trattare di un film a episodi. Wes Anderson dice di volersi ispirare a L’oro di Napoli di Vittorio De Sica, film che ha lodato al Lisbon & Estoril Film Festival. Durante la sua masterclass, che si può rivedere al seguente link, ha rivelato di aver visto il film del 1954 e di averci trovato un sacco di cose che ha intenzione di “copiare”.

[Leggi anche: 5 video per analizzare e capire il cinema - universo - mondo di Wes Anderson]

Gli animalisti in ogni caso possono stare tranquilli, si tratterà di un lungometraggio d’animazione, nessun cane sarà molestato durante la lavorazione del film. E vista l’eleganza di Fantastic Mr. Fox non c’è che da avere buone aspettative.

Moonrise Kingdom

Categorie generali: 

Facebook Comments Box

Video Dominion