Ritratto di Andrea Caramanna
Autore Andrea Caramanna :: 23 Luglio 2020

Provare a stilare una classifica dei film di Stanley Kubrick in base a preferenze è difficile. Eccone una possibile

Barry Lyndon

Stanley Kubrick è uno dei più grandi registi di tutti i tempi. Ha lavorato duramente ed è sempre stato ossessionato da ogni dettaglio di ogni fotogramma. 

I suoi film migliori non solo trasudano questo controllo autoritario, ma parlano anche del nostro rapporto con il mondo che presenta. Come regista d'autore, Kubrick si è assicurato di far finire sullo schermo parte della sua grande visione. Tutti i suoi film hanno qualcosa da dire. Ma siamo onesti, alcuni sono semplicemente migliori di altri. 

Come fan di Kubrick, volevamo dare uno sguardo critico ai suoi 13 film e classificarli in ordine di grandezza. Questa è solo una delle tante opinioni. 

Kubrick è uno dei pochi registi di cui molti abbiamo visto più volte l'intera filmografia, quindi è abbastanza facile e divertente stilare una classifica.

Senza ulteriori indugi, tuffiamoci nella classifica dei film di Stanley Kubrick. Qual è il miglior film di Stanley Kubrick? 

Al 13 ° posto Killer's Kiss - Il bacio dell'assassino (1955) Questo è stato il film che ha davvero dato il via a Kubrick. È stato ben rivisto e ha dimostrato di poter lavorare all'interno del sistema di studio. Lo consideriamo al 13mo posto quindi per ultimo perché pensiamo che sia stato meno avvincente degli altri. Anche se ha avuto più successo del suo lavoro precedente, non c'è molto da imparare su di lui come uomo o regista. Il critico cinematografico del New York Times Janet Maslin ha recensito il film e ha scritto: "Killer's Kiss ha portato il regista in un territorio più convenzionale, con una trama noir di film su un pugile, un gangster e una ragazza da sala da ballo. Usando Times Square e persino la metropolitana come sfondo, Mr. Kubrick ha lavorato in uno stile insolitamente naturalistico nonostante il materiale di genere, con risultati contrastanti ma ancora affascinanti. L'attrice che interpreta la ragazza della sala da ballo, definita Irene Kane, è la scrittrice Chris Chase, il cui lavoro è apparso spesso in The New York Times: Jamie Smith interpreta il pugile, la cui carriera è descritta come "una lunga promessa senza appagamento". Nel caso della carriera del signor Kubrick, l'adempimento è arrivato dopo. Ma ecco la promessa".

12. Fear and Desire (1953) Kubrick odiava il suo primo film. Ha lavorato instancabilmente per assicurarsi che non fosse mai visto. Molto potrebbe essere andato storto in questo film, ma pensiamo che si possa vedere anche un Kubrick correre rischi. Qui si può vedere il suo incredibile lavoro con la fotografia. Vediamo temi che diventeranno più importanti in seguito. Paul Mazursky ha recitato nel film, e anche se non è eccezionale, Mazursky ha scritto. “Stanley ha fatto tutte le riprese. Qualunque sia il problema, Kubrick sembrava sempre avere una risposta. Per me, non c'è mai stato il dubbio che Stanley fosse già padrone del suo universo".

11. Lolita (1962) Un romanzo salutare, un regista accanito e un autore che voleva scrivere la sceneggiatura. Lolita era una cavalcata di cose che andavano bene quando le probabilità erano disposte contro di loro. La rivoluzione sessuale non era ancora arrivata quando Kubrick voleva prendere un romanzo di successo e trasformarlo in un film. Non è stato facile, ma amava la sfida. Kubrick ha dichiarato in un'intervista: "C'è stata una tale rivoluzione nel trattamento del sesso di Hollywood negli ultimi anni che è facile dimenticare che quando mi sono interessato a Lolita, molte persone hanno pensato che un film del genere non potesse essere realizzato — O almeno non poteva essere mostrato. Come si è scoperto, non abbiamo avuto problemi, ma c'era molta paura e ansia. E le riprese in Inghilterra ovviamente non avevamo altra scelta che fare affidamento principalmente sulle riprese in studio".

10. Full Metal Jacket (1987) Ecco un film che sembra due storie diverse. Uno riguarda l'apprendimento su come cedere la propria individualità per necessità militari e diventare parte di un'unità, l'altro riguarda il modo in cui far parte di quell'unità ti rende responsabile della perdita della tua umanità. Un altro film di guerra per Kubrick e un altro sguardo alla disumanità dell'uomo - alle domande più grandi che ci poniamo - perché accadono queste cose e cosa fa reagire le persone alle atrocità in modo diverso? Alla domanda sul film del Washington Post, Kubrick ha dichiarato: "Non credo che il film sia anti-americano. Penso che provi a dare un senso alla guerra e alla gente e al modo in cui li ha colpiti. Penso con qualsiasi opera d'arte, se posso chiamarla così, che rimane intorno alla verità ed è efficace, è molto difficile scrivere una bella spiegazione dell'argomento di cui si tratta". 

9. Eyes Wide Shut (1999) Sex e Stanley Kubrick sono sempre andati di pari passo, ma non ha mai esplorato completamente l'idea come ha fatto in questo film. Nel cast della coppia nella vita reale Tom Cruise e Nicole Kidman, l'ultimo film di Kubrick è uno scorcio verso l'ignoto. Inoltre il regista è morto prima della sua uscita, Eyes Wide Shut dà uno sguardo complicato al matrimonio. Anche con due belle persone, una relazione può diventare stantia. Tuttavia, pensare che l'erba sia sempre più verde può diventare pericoloso. Martin Scorsese ha scritto del film "Quando Eyes Wide Shut è uscito pochi mesi dopo la morte di Stanley Kubrick nel 1999, è stato gravemente frainteso, il che non è stato una sorpresa. Se torni indietro e guardi le reazioni contemporanee a qualsiasi altro film di Kubrick ti rendi conto che è successa la stessa cosa con altri film come Barry Lyndon o 2001 o Shining".

8. The Shining (1980) Forse il secondo film più famoso dei film di Kubrick, non credo che riusciremo mai a eliminare dalla mente le immagini con l'ascensore pieno di sangue. 
Il film è intenso, spaventoso e ci mostra una discesa nella follia che si potrebbe pensare che a volte Kubrick si sia sentito addosso. Kubrick cambiò la fine del libro originale di Stephen King, concentrandosi sul puro male che è Jack. Il critico cinematografico horror Peter Bracke ha recensito il film in High-Def Digest e ha scritto: "Proprio come le apparizioni spettrali del finto film Overlook Hotel avrebbero giocato brutti scherzi alla mente del povero Jack Torrance, così anche il passare del tempo ha cambiato la percezione dello stesso Shining. Molti degli stessi recensori che hanno agitato il film per "non essere abbastanza spaventoso" nel 1980 ora lo classificano tra i film horror più efficaci mai realizzati, mentre il pubblico che odiava il film allora ora ricorda vividamente di essere "terrorizzato" "dall'esperienza. The Shining è in qualche modo sorto dalle ceneri della sua stessa cattiva stampa per ridefinirsi non solo come un'opera fondamentale del genere, ma forse l'horror più maestoso e abile mai realizzato".

7. Spartacus (1960) Forse l'unico film di Kubrick che ha una linea di dialogo più famosa del suo lavoro nel film, questa è stata la prima incursione di Kubrick nei film di successo in studio. Ha lavorato con Kirk Douglas per la seconda volta, concentrandosi sull'eredità e sull'impatto di un uomo. Tuttavia, questo film non era in realtà quello di Kubrick: era di Douglas. 
Kubrick ha detto del film: "La realizzazione di qualsiasi film, qualunque sia l'ambientazione storica o le dimensioni dei set, deve essere affrontata più o meno allo stesso modo. Devi capire cosa sta succedendo in ogni scena e qual è il modo più interessante di interpretarlo. Con Spartacus, sia che una scena avesse centinaia di persone sullo sfondo o che fosse contro un muro, ho pensato prima a tutto come se non ci fosse nulla lì. Una volta provato, abbiamo creato lo sfondo Quando Spartacus era in fase di discussione, ho discusso questo punto con Olivier e Ustinov ed entrambi hanno detto che sentivano che i loro poteri si stavano semplicemente spostando nello spazio quando stavano lavorando fuori di casa. Le loro menti non erano acute e la loro concentrazione sembrava evaporare. Hanno preferito quel tipo di messa a fuoco che è tipica di uno studio con le luci che puntano su di loro e le scenografie intorno a loro. Mentre fuori tutto svanisce, dentro c'è una specie di messa a fuoco interna di energia fisica."

6. Barry Lyndon (1975) È difficile trovare un film più bello da guardare di Barry Lyndon. Con scene illuminate esclusivamente a lume di candela, riprese lunghe e incredibili costumi, siamo sprofondati in una storia sul destino. A volte, sembra che Kubrick stia testando il proprio destino. Cercare di fare cose che nessun altro farebbe, mettendo alla prova il proprio destino e le scelte che lo hanno portato qui. Lo storico e critico cinematografico Richard Schickel ha scritto del film su Time, dicendo: "In esso, [Kubrick] dimostra le qualità che sfuggivano a Thackeray: singolarità della visione, padronanza matura del suo mezzo, coraggio quasi spericolato nel far valere attraverso il suo lavoro un pretendere non solo dalla distinzione che i critici gli hanno già concesso, ma alla grandezza che solo il tempo può - e probabilmente lo farà - confermare".

5. A Clockwork Orange - Arancia meccanica (1971) Se gli umani sono davvero la fusione delle loro esperienze, allora come possiamo descrivere Kubrick? La cosa più sorprendente di Clockwork è quanto sia sincero con il sesso e la violenza. Ci vengono presentati esempi di atti davvero orribili e siamo quasi desensibilizzati ad esso. Li vediamo come fa il protagonista. E in qualche modo, Kubrick fa questo trucco magico in cui iniziamo a sentirci male per Alex De Large. Vogliamo che migliori, ma non tramite il lavaggio del cervello. E temiamo che più gli viene fatto il male, più ne sarà capace di farlo in seguito. Kubrick ha scritto questo su A Clockwork Orange, "La satira sociale che affronta la questione se la psicologia comportamentale e il condizionamento psicologico siano nuove armi pericolose che un governo totalitario può usare per imporre ampi controlli ai suoi cittadini e trasformarli in poco più che robot".

4. The Killing - Rapina a mano armata (1956) Non c'è niente di più elettrizzante di un film di rapina, e The Killing offre risultati su tutti i fronti. Ma questo può anche essere visto come un film in cui il senso di amara ironia e commedia oscura che Kubrick ha amato così tanto è emerso per la prima volta. Dove avrebbe significato il suo stile con lunghe riprese e sequenze incentrate solo sullo storytelling visivo. Roger Ebert ha usato questa storia per descrivere le tendenze di Kubrick, iniziate con The Killing, "La mia idea di farlo come una commedia da incubo è venuta nelle prime settimane di lavoro sulla sceneggiatura. Ho scoperto che nel tentativo di mettere carne sulle ossa e immaginare le scene in modo completo, si doveva continuare a lasciarne fuori cose che erano assurde o paradossali, al fine di evitare che fossero divertenti; e queste cose sembravano essere vicine al cuore delle scene in questione. " 

3. Dr. Strangelove (1964) - Dottor Stranamore Una commedia sull'annientamento nucleare? Sembra difficile da realizzare. Ma Stanley Kubrick amava una sfida. L'Età Atomica aveva gli americani arrivati a un punto di rottura.
Avevamo visto la devastazione della bomba, ma grazie a molti film di propaganda, eravamo stati anche desensibilizzati. Kubrick ha detto che la ragione per realizzare questo film è stata quella di sfidare queste nozioni. "La mia idea di farlo come una commedia da incubo è venuta nelle prime settimane di lavoro sulla sceneggiatura. Ho scoperto che nel tentativo di immaginare le scene in modo completo, si doveva continuare a lasciare fuori da esso quelle cose che erano assurde o paradossali, per evitare che diventasse tutto troppo divertente; e queste cose sembravano essere vicine al cuore delle scene in questione".

2. 2001: Odissea nello spazio (1968) Pochi film hanno avuto un impatto maggiore sul cinema rispetto a 2001. Il film è stato un fenomeno. Uno che ha indotto la gente a pensare che Kubrick abbia contribuito a simulare l'atterraggio sulla luna e uno che ha messo i teatri e le piazze yuppie fumanti nei cinema uno accanto all'altro. Questo è stato un film su dove sono stati gli umani e dove stavano andando. Del finale enigmatico, Kubrick ha dichiarato in un'intervista: "L'idea doveva essere quella di essere accolto da entità divine, creature di pura energia e intelligenza senza forma. Lo hanno messo in quello che suppongo tu possa descrivere come uno zoo umano per studiarlo, e tutta la sua vita passa da quel punto in poi in quella stanza e lui non ha senso del tempo ... [Quando] finiscono con lui, come accade in tanti miti di tutte le culture nel mondo, viene trasformato in una sorta di superessere e rimandato sulla Terra, trasformato e reso una sorta di superuomo. Dobbiamo solo indovinare cosa succede quando torna indietro. È lo schema di una grande quantità di mitologia, ed è quello che stavamo cercando di suggerire". 

1. Paths of Glory  - Orizzonti di gloria (1957) Esistono pochi film migliori su una bussola morale personale rispetto a Paths of Glory. La storia è semplice Gli uomini sono sotto processo per aver fatto la cosa giusta, rifiutando di attaccare una posizione nemica. Se ammettono la colpa, le loro vite saranno risparmiate. In caso contrario, verranno giustiziati.
Questo è l'enigma centrale del film, un passo avanti ai suoi tempi. Questo è anche uno dei pochi film contro la guerra mai realizzati. Uno su umanità e giustizia. Kubrick ha affermato che la ragione per cui ha realizzato il film è stata la seguente: "Una delle attrazioni di una storia di guerra o di crimine è che offre un'opportunità quasi unica per contrastare un individuo o la nostra società contemporanea con una solida struttura di valore accettato, che il pubblico diventa pienamente consapevole e che può essere usato come contrappunto a una situazione umana, individuale, emotiva. Inoltre, la guerra agisce come una specie di serra per l'allevamento forzato e rapido di atteggiamenti e sentimenti. Gli atteggiamenti si cristallizzano e si manifestano all'aperto. Il conflitto è naturale, quando dovrebbe essere introdotto in una situazione meno critica quasi come un espediente, e apparirebbe quindi forzato o, peggio ancora, falso". Forse il suo film più profondo, resiste alla prova del tempo.

(Fonte: NoFilmSchool)

Categorie generali: 

Facebook Comments Box

Video Dominion