ABBONATI AL CANALE DI INFORMAZIONE LIBERA DI MORRIS SAN

Ritratto di Andrea Caramanna
Autore Andrea Caramanna :: 8 Marzo 2021
A Month Of Single Frames

A Month Of Single Frames di Lynne Sachs è l'eredità visionaria di Barbara Hammer che in quei giorni lasciava la terra... ammirandola e innamorandosi di ogni elemento della Natura

Dal 1998 la regista Barbara Hammer risiedeva in una isolata capanna senza acqua né elettricità. Nel 2018, Barbara Hammer ha iniziato a prepararsi per la sua morte. Ha consegnato il suo materiale a Lynne Sachs, che ha indagato sull'esperienza di solitudine di Barbara. Lynne pone il testo sullo schermo in contrasto con un cinema dei personaggi e si riunisce in stanze e tempi diversi.

Lynne Sachs così registra l'alito di vita di Barbara Hammer che ancora una volta, come in tutta la sua vita di artista creatrice, coincide con una testarda contemplazione della Natura (delle cose). Ma in primis, proprio la Natura, con i suoni, i colori, le ombre, gli animali piccoli, e più grandi, e tante, ma tante piante. E poi i cieli, le nuvole che corrono, il sole, la luna, il mare...

Il mondo della Hammer non si ferma mai in questo attimo di eternità, tanto che la riflessione principale "Ci agitiamo tanto nella vita, dobbiamo fare sempre qualcosa, perché abbiamo paura di contemplare la Natura? Unica cosa che dovremmo fare"... è il vero nodo estetico del film.

Fare nulla significa vivere in perfetta simbiosi con gli elementi naturali, immersi negli odori, i sapori, le sensazioni tattili, le percezioni di tutto quello che ci circonda e che è la vita stessa in ogni suo "frame" (fotogramma).

Un film di appena pochi minuti che si dilata subito nella percezione di chi lo vede e lo rende immenso, infinito e commovente, pensando alla regista che confessa il suo stupore, anche di fronte alla morte, anche di fronte alla consapevolezza di essere un corpo di 57 anni, ma che non arriverà mai a 60, quegli anni che cita come dato. Mancano 3 anni ai 60... afferma, ma si sente in lei la consapevolezza di non arrivarci e quindi la calma nell'accettazione di una vita che si è tutta compiuta in quell'arco di tempo.

E con tutti questi colori, queste visioni, rarefatte, amplificate pure dallo strumento di una vecchia pellicola, immagini che ruotano nella mente senza fine, in associazione libera come deve essere la vita...

Qui è possibile visionare parte del film

Voto della redazione: 

4

Facebook Comments Box

Per condividere o scaricare questo video: TV Animalista