Abbonamento Annuale Completo al canale di informazione libera

Ritratto di Redazione
Autore Redazione :: 23 Luglio 2021

La rivista Indiewire, in occasione del festeggiamento dei suoi 25 anni, ha provato a fare il punto della situazione necessità e senso dei festival di cinema che continuano a svolgersi in tutto il mondo...

Una classica scena da un palco di festival del cinema

La rivista Indiewire, in occasione del festeggiamento dei suoi 25 anni, ha provato a fare il punto della situazione necessità e senso dei festival di cinema che continuano a svolgersi in tutto il mondo...

Noi abbiamo già da molti anni sostenuto l'inutilità dei festival a favore di una cultura cinematografica che deve essere sostenuta in maniera capillare sui territori, come si faceva in passato, attraverso le attività importanti delle associazioni... Ma, se una volta sembrava che potevano coesistere le due realtà... quando l'argent, sì, il vile denaro è venuto meno... la prima cosa che è stata tagliata sono state i circoli che sostenevano il famoso cinema d'essai. I festival continuavano a fare il loro lavoro, ma si sono trasformati in vetrine e carrozzoni convenienti solo per i soggetti organizzatori che percepivano lauti compensi, soprattutto i vari direttori... eterni!

Ma, a parte queste brevi riflessioni passiamo la parola all'articolo di Indiewire, che è condivisibile solo in poche parti... L'impresssione è che l'obiettivo sia quello di mantenere la posizione dei festival, sfruttando anche l'espansione attraverso la rete, visto che il tormentone globale è proprio improntato alla partecipazione virtuale in tutti i settori... Ma forse questo non è l'unico punto... Il fatto fondamentale è che i festival devono soprattutto specializzarsi, i festival generici sono davvero improponibili oggi, sono baracconi confusionari che fanno programmi di proiezioni ancora basati su differenze geografiche o altro che davvero lasciano il tempo che trovano, per non parlare dei vari concorsi i cui premi non contano più nulla, se non a infarcire di icone le locandine...

IndieWire compie 25 anni quest'anno. Per celebrare l'occasione, stiamo pubblicando una serie di saggi sul futuro di tutto ciò che tratteremo.

A metà del Festival di Cannes, le strade sono esplose di attività. Festaioli ubriachi affollavano le strade appena fuori dal Palais des Festival. Alcuni presero i motorini, suonando il clacson all'unisono e sventolando bandiere a tre colori mentre lanciavano un grido trionfante: "Italia!"

Quello non era un film, ovviamente. Il campionato europeo di calcio ha fornito l'ennesimo promemoria di quanto poco spazio occupino i film nella più ampia conversazione culturale, anche al festival cinematografico più importante del mondo.

E questo è stato in Francia, dove il governo sovvenziona la forma d'arte e il cinema è celebrato come un aspetto chiave della storia della nazione. Dall'altra parte dell'Atlantico, la situazione è molto più disastrosa.

I festival cinematografici americani hanno affrontato una crisi di identità anche prima della pandemia. Un panorama mediatico impenetrabilmente denso, la proliferazione di contenuti on-demand e l'instabilità del mercato hanno creato un crescente senso di incertezza: cosa dovrebbero fare esattamente i festival e come possono continuare a farlo?

I festival celebrano i film, sostengono la loro esistenza e quelli di noi che hanno investito in quell'obiettivo sostengono la loro sopravvivenza anche quando è un caso difficile da sostenere. I festival hanno plasmato la mia carriera di giornalista e critico; Ho fatto affidamento sulla loro comunità per sviluppare storie e tenere traccia delle sfide in corso affrontate da film e registi.

Eppure la mitologia del festival cinematografico che il Sundance ha portato alla ribalta negli anni '90 ha fatto il suo corso. Sundance e altri festival curano ancora nuove voci e lavori entusiasmanti, ma siamo molto lontani dai giorni stellati delle storie sulle origini di Quentin Tarantino e Robert Rodriguez o persino dallo shock trasgressivo del New Queer Cinema. Quelle voci e altre sono ancora presenti e contabilizzate, ma per certi versi è un mercato maturo. La maggior parte dei titoli dei festival va agli streamer, dove possono raggiungere il pubblico più ampio, ma è improbabile che vedano molta vita nei teatri, tanto meno i momenti culturali dello spirito del tempo vissuti una volta da "Sex, Lies and Videotape" o "Clerks".

Oggi, la maggior parte delle città americane ha festival cinematografici, ma molte lottano per individuare il loro scopo. La pandemia ha costretto la maggior parte del circuito ad abbracciare festival ibridi, una gradita spinta al di fuori delle loro zone di comfort. Il perno di Sundance per lo streaming gli ha permesso di esplorare metodi per espandere il suo marchio al pubblico a livello nazionale, ma ha anche risorse che pochi altri festival possono eguagliare.

Le 11 idee seguenti sono un tentativo di trovare soluzioni a vantaggio di tutti i festival e delle persone che servono: registi, pubblico e industria. Il loro futuro dipende dal riconoscere che ci sono parti di questo sistema che non funzionano e dall'essere aperti a manovre radicali che potrebbero affrontarle. Andare avanti significa che i festival cinematografici devono adattarsi a nuovi modelli, con alcune idee che richiedono un livello di collaborazione che potrebbe sembrare un anatema. Preparati e continua a leggere.

Costruisci una piattaforma di distribuzione universale.

I festival riflettono la crisi della distribuzione. Ogni anno, i film e i registi più importanti vengono acclamati come scoperte all'interno della bolla del festival, ma di solito si verifica molto prima che il film possa essere visto dal pubblico. Le principali aziende raccolgono i punti salienti della programmazione, con molti altri film ignorati una volta che diventano più ampiamente disponibili.

"È urgente", ha affermato Keri Putnam, CEO uscente del Sundance Institute, che gestisce il festival da oltre un decennio. "È urgente che ci riuniamo tutti e pensiamo a come i festival possono svolgere un ruolo nel modo in cui non solo gli artisti vedono il loro lavoro, ma come i festival interagiscono con l'intera portata delle loro uscite".

Sundance ha sperimentato la distribuzione attraverso la sua Creative Distribution Fellowship, che fornisce ai registi risorse per aiutare a navigare nell'auto-distribuzione, mentre SFFILM di San Francisco ha creato la sua sezione Launch per collegare i film non distribuiti con gli acquirenti. Queste iniziative e poche altre hanno prodotto solidi casi di studio, ma non catturano il potenziale del clamore del festival. Più di una persona nella comunità del festival mi ha detto, spesso in via ufficiosa, per evitare contraccolpi da parte dei colleghi, che ci deve essere un modo solido per la rete americana di cinema e festival d'autore per creare una strategia di rilascio attorno alla sua programmazione, incluso uno streaming -Componente VOD.

Più facile a dirsi che a farsi. La scorsa estate, il veterano della distribuzione Ira Deutchman ha contestato le uscite del cinema virtuale per il loro approccio frammentato: "Dal momento che nessuna piattaforma offre attualmente una soluzione end-to-end adattabile alle esigenze di tutti, la tecnologia è improvvisata", ha scritto. “Richiede la creazione di collegamenti specializzati per ogni teatro. In alcuni casi, i distributori devono caricare i film più volte. Non esattamente scalabile.”

Questo si estende ai festival. "Attraverso una collaborazione più solida, i festival cinematografici potrebbero costruire un sistema che aggrega, cura e porta il pubblico a questi film su base continuativa, assicurandosi che i registi ottengano un equo taglio delle entrate", mi ha detto il consulente cinematografico Brian Newman. "Non che abbiamo bisogno di un altro servizio di streaming in questo momento, ma so che molti spettatori apprezzerebbero un sistema che porti una cura affidabile di film di qualità nei loro salotti e di persona nei cinema, tutto l'anno. Mettiti insieme e costruiscilo.”

Il che ci porta all'elemento successivo...

L'uscita di un film inizia al festival. I rapporti dovrebbero riflettere questo.

Il successo di un film è storicamente giudicato dal botteghino, ma questa misurazione dovrebbe iniziare al festival del cinema. "Il botteghino del festival dovrebbe essere contato come un normale botteghino", ha affermato Barbara Twist, direttore associato della Film Festival Alliance. "Forse un film è stato bombardato perché è stato proiettato in due cinema nel weekend di apertura in modo da poter adempiere all'obbligo contrattuale di andare su HBO Max o da qualche altra parte - quando in realtà, ha fatto esplodere la porta ai festival con proiezioni esaurite".

Quando i festival hanno iniziato a guardare alle presentazioni virtuali lo scorso marzo, la FFA ha iniziato a ospitare chiamate strategiche settimanali e ha appreso che non esisteva un sistema per mostrare il successo. Sundance ha riportato 251.331 visualizzazioni dei suoi lungometraggi, cortometraggi e serie indipendenti nel 2021, ma tale cifra è stata basata in parte sulla decisione di Sundance che presume che la maggior parte dei film abbia almeno due spettatori. Non tutti i festival lo facevano.

"I festival stanno ancora cercando di capire come contare i bulbi oculari", ha affermato il direttore esecutivo della FFA, Lela Meadow-Conner. “Ognuno lo fa in modo diverso. Alcune persone stanno contando mezzo bulbo oculare”.

Netflix ha ridotto la sua definizione di singola visualizzazione a due minuti; come si applicano queste metriche ai film dei festival? Con un sistema universale per la segnalazione delle visualizzazioni, i festival possono identificare i film popolari e suscitare l'interesse del resto del circuito. Tutto questo sarà sempre più prezioso per sostenere i film del festival, perché…

Il mercato del festival non è sostenibile. Lasciarlo andare.

Acquirenti e venditori hanno rotto dall'ecosistema del festival e si sono adattati a un mercato online nell'ultimo anno. Dovrebbe rimanere così. A Cannes, le proiezioni di mercato erano per lo più vuote poiché la maggior parte delle vendite avveniva settimane prima del festival. Il dramma delle anteprime dei festival che ispirano affari multimilionari è una buona copia, ma crea terribili aspettative.

In passato, Miramax e October Films hanno portato molte acquisizioni al successo commerciale e di critica. Nel 2006, Searchlight ha speso 10 milioni di dollari per “Little Miss Sunshine”, che alla fine ha incassato oltre 100 milioni di dollari e ha vinto due Oscar. Ha superato il proprio record di acquisti aggiudicandosi "The Birth of a Nation" nel 2016 per $ 17,5 milioni, che Neon e Hulu hanno battuto per pochi centesimi con il suo sfacciato accordo del 2020 per "Palm Springs". Nel bel mezzo del Sundance virtuale di quest'anno, Apple ha battuto quel record con i suoi 25 milioni di dollari spesi per la selezione della serata di apertura "CODA".

Queste vendite non riflettono un mercato. Sono entità distinte: acquirenti specifici con le proprie ragioni per avere un impatto, spesso con una considerazione limitata per i ritorni finanziari. Quando la più grande compagnia del mondo butta soldi folli per un film che uscirà sulla sua piattaforma mesi dopo, non è una testimonianza della potenza della macchina del festival; è una mossa di potere aziendale.

Questo problema ha preceduto a lungo lo streaming. Ho partecipato al mio primo Sundance nel 2007 con copie sbiadite di "Down and Dirty Pictures" e "Spike, Mike, Slackers and Dykes", desideroso di vedere l'affare prendere forma. Quello è stato l'anno in cui tutti volevano "la prossima 'Little Miss Sunshine'". Gli acquirenti hanno continuato a spendere $ 50 milioni in 15 affari, dal musical lo-fi di John Carney "Once" (Searchlight, di nuovo) allo sciatto dramma sulla guerra in Iraq di John Cusack "Grace è andata" (Miramax). "'Little Miss Sunshine' sembra essere penetrato nella coscienza di tutti gli studios", ha detto all'epoca Howard Cohen di Roadside Attractions a IndieWire. "Immagino che solo uno debba funzionare e tutto accadrà di nuovo nel '08."

Quello che ho trovato più notevole quell'anno è stato il drammatico divario tra le infinite conversazioni sulla "prossima 'Little Miss Sunshine'" e i film più eccitanti che ho visto: l'umorismo sovversivo dell'horror corporeo di "Teeth", l'avvincente doc-fiction di Craig Zobel l'ibrido "Great World of Sound" e l'incredibile rapimento di Jason Kohn nella vita reale di "Manda Bala". Questi film avevano bisogno del festival molto più dei film che hanno ottenuto i maggiori affari.

L'ibrido non va abbastanza lontano.

Un intero settore di servizi B2B è sorto quando aziende come Shift72, Eventide e Cinesend hanno fornito servizi front-end e back-end per migrare la programmazione online. Risultati incoraggianti suggeriscono che la tendenza continuerà, ma non a scapito di eventi fisici che gli sponsor aziendali favoriscono. "La maggior parte dei festival di valore può essere vissuta solo di persona", ha affermato Eric Rossett di Cinesend. "Allo stesso tempo, crediamo che i festival continueranno a offrire una componente virtuale".

Ha citato il successo del Tribeca Festival del giugno 2021, in cui 53 lungometraggi sono stati proiettati in spettacoli sold-out in tutti e cinque i distretti di New York City con una selezione più piccola disponibile per la visione domestica. Una strategia simile sembra essere in gioco per Toronto, New York e Sundance.

I festival online creano anche il potenziale per le collaborazioni per raggiungere un pubblico più ampio. Lo scorso ottobre, il Boston Underground Film Festival, il Brooklyn Horror Film Festival, il North Bend Film Festival e l'Overlook Film Festival hanno creato il festival horror online Nightstream . Ogni festival ha contribuito con il proprio pubblico e la propria sensibilità, ma insieme hanno creato un evento nazionale che ha attratto più fan di quanto chiunque avrebbe potuto raggiungere da solo.

“Una volta che inizi a diventare ibrido, devi renderti conto che festival come il Nightstream sono probabilmente il futuro dei festival", ha detto Newman. “In futuro, i festival cinematografici di maggior successo non saranno legati a una location fisica. Il pubblico si aggrega online per fandom, genere e ciò che ama, non per geografia".

Il cinema non è l'unico futuro.

La programmazione episodica appare in molti programmi di festival, così come i videogiochi e i contenuti XR. Tribeca ha programmato giochi per un decennio e Sundance ha iniziato a includere la realtà virtuale nella sua formazione per quasi altrettanto tempo. Questi programmi non hanno ottenuto la stessa trazione dei lungometraggi, che ancora dominano le iscrizioni. Tuttavia, qualsiasi festival che non riconosca una narrazione di impatto oltre il film rischia l'irrilevanza.

Tribeca ha infastidito la comunità cinematografica quando ha eliminato "film" dal suo nome quest'anno, ma altri festival potrebbero trarre vantaggio dal farlo considerando la logica in gioco. La sezione New Frontier del Sundance è stata in anticipo sulla curva per anni e la disponibilità online si è rivelata un enorme segnale in più: le presenze nel 2021 sono passate da 2.000 a ben 33.000. "Voglio sostenere il cinema come focus per i festival, ma c'è molto spazio anche per altre forme", ha detto Putnam.

L'espansione dell'ambito del festival cinematografico consente di sfruttare la natura espansiva della narrazione, indipendentemente dal fatto che i festival abbiano o meno "film" nei loro nomi. Cannes XR di quest'anno è stata una produzione congiunta con Tribeca e il NewImages Festival con sede a Parigi. SXSW ha creato una sorprendente versione VR del suo festival , in cui chiunque abbia un visore di livello consumer può provare la sua programmazione XR. Ci sono molte più opportunità per i festival di creare vetrine di nuovi media sostenibili.

“Finché ci sono creatori di contenuti e pubblico affamato, i festival cinematografici hanno un lavoro da fare", ha affermato Janet Pierson, la cui sezione SXSW Film mette in mostra anche TV e VR. "Il compito è curare con un occhio a ciò che è vitale ora, mantenendosi in sintonia con le mutevoli esigenze e maree". (Nota: la società madre di IndieWire Penske Media ha acquistato una partecipazione di controllo in SXSW all'inizio di quest'anno.)

L'esclusività non è il punto.

Ci sono due festival in grado di attrarre importanti anteprime mondiali negli Stati Uniti: Sundance, con la sua formidabile presenza sui media e il primo timing sul mercato; e Telluride, che può lanciare film da Oscar. Il New York Film Festival ha una manciata di slot che gli studios trovano interessanti per le anteprime mondiali (anche se non le inseguono), e festival internazionali come Cannes, TIFF e Venezia continueranno a battersi su chi deve giocare per primo. Questo è tutto. Il pubblico vuole vedere film buoni o almeno memorabili; a loro non interessano le battaglie interne.

Sì, ci sarà sempre la pressione per offrire eventi accattivanti che generino l'attenzione dei media e che soddisfino i membri del consiglio esigenti. Ma questi possono essere affrontati con una serie di programmi aggiuntivi: premi alla carriera, tavole rotonde, spettacoli dal vivo, ecc.

Non tutti devono diventare nazionali.

I festival virtuali hanno creato una nuova opportunità per i festival regionali: invece di nazionalizzare il loro pubblico, possono espandere la portata locale.“Puoi essere un festival a Seattle e attirare il pubblico a Miami, ma non lo vedo come un forte richiamo per i festival ", FFA's disse Meadow-Conner. “Il marketing per i festival regionali è così radicato nelle loro comunità che il loro vantaggio è quello di attirare già più pubblico nelle loro regioni.Il virtuale apre opportunità a un nuovo pubblico che forse non è interessato a partecipare a un evento di persona o non può per una serie di motivi”.

Diversificare ad ogni livello.

Sundance, SXSW, SFFILM, New York, TIFF e Telluride sono tutti gestiti da donne o persone di colore. La maggior parte dei festival americani si impegna a fondo per diversificare le proprie formazioni e creare parità di genere, ma molti festival regionali continuano a essere programmati da e per il pubblico bianco. “Se non vogliamo seguire la strada dell'opera e della musica classica, dobbiamo spendere seriamente energie per assicurarci che i festival portino un pubblico più giovane e diversificato, e questo inizia con lo staff che programma i festival ", ha affermato Newman. . Ciò richiede anche un approccio migliore alla promozione del personale di programmazione a lungo termine, il che significa...

I curatori hanno bisogno di benefici migliori.

Se un festival ha programmatori, è già basato su produzioni cooperative. Anche i festival americani più importanti tendono a fare affidamento su staff regionali che mettono insieme una carriera lavorando per più festival come freelance. Questo è complicato quando devono determinare le alleanze poiché considerano i film per giocatori diversi. Significa anche partecipare a un'economia sommersa che crea ricorrenti difficoltà finanziarie e poche opportunità di avanzamento, il che significa che spesso non restano sul campo.

Riconosci la verità - nessun festival esisterebbe senza risorse condivise - e usala come un passo verso una più ampia collaborazione. “I dipendenti stagionali non sono tecnicamente dipendenti e non ricevono un'assicurazione sanitaria", ha affermato Meadow-Conner. “E se avessi un paio di festival in California insieme e assumi un freelance per un momento specifico e trovi un modo per farli diventare dipendenti? Abbiamo visto diversi festival mostrare interesse a riunirsi su questo.

I festival online creano democrazia. Rendili convenienti.

I festival cinematografici sono accessibili solo a chi può permetterseli. “Partecipare di persona è diventata un'esperienza esclusiva", ha affermato Nicole Guillaumet, che ha lavorato come co-direttrice del Sundance dai suoi primi giorni nel 1985 fino al 2002. "È molto costoso ed esclude molti, molti giovani che non possono permettersi di pagare per viaggio, alloggio e abbonamenti.”

In qualità di consulente di festival che lavora con clienti che vanno dal Costa Rica all'Egitto, Guillaumet vede il passaggio ai festival ibridi come uno spostamento verso un accesso democratizzato. “L'impatto sul pubblico futuro e sui futuri registi sarà enorme", ha affermato. "Abbiamo bisogno di festival virtuali e di persona".

I festival devono dare la priorità alla scoperta rispetto alla celebrità.

I festival cinematografici sono pieni di leggende, ma questo corrisponde alla verità: lanciano carriere. Tarantino, "The Blair Witch Project", Taika Waititi, Ryan Coogler, il compianto Lynn Shelton, Ana Lily Amirpour, Shaka King, i fratelli Duplass, Lena Dunham, Steven Soderbergh... la lista potrebbe continuare. Praticamente ogni cineasta degno di nota era una volta una scoperta del festival, indipendentemente dal fatto che i loro film avessero o meno successo commerciale.

“I festival sono organizzati per ordinare le presentazioni di nuove voci. È un nucleo della loro esperienza", ha detto Putnam. “L'enorme quantità di lavori in arrivo nelle prime fasi è davvero la linfa vitale dei festival. Le reti e gli studi tendono a guardare al lavoro in fasi successive".

I festival possono mostrare talenti affermati, ma mantenere la rilevanza significa raddoppiare la scoperta. Formule come il “Sundance road trip movie” non trovano posto nel futuro dei festival cinematografici. Le Rom-com funzionano in streaming, ma gli studi possono occuparsene. Gli autori audaci possono stimolare successi a sorpresa e incoraggiare l'industria a muoversi in direzioni diverse. Considera come buoni esempi film come "Mandy", "La strega", "Zola" o "Una ragazza torna a casa da sola di notte". Idem per documenti come "Honeyland", "Time", "Hale County, This Morning This Evening" o "Exit Through the Gift Shop". Queste opere visionarie e tante altre ispirano conversazioni e creano entusiasmo attorno ai loro creatori come risultato diretto del lancio del loro festival, anche se sulla carta sembravano cose difficili.

"Sarebbe un errore, in un ambiente così in rapida evoluzione, che i festival ballino costantemente intorno ai cambiamenti nel settore invece di cercare di trovare le proprie stelle del nord", ha detto Putnam. "Se un festival conosce il suo scopo, è probabile che trascenda alcuni dei cambiamenti nel modo in cui viene eseguita l'attività".

Categorie generali: 

Facebook Comments Box

Per condividere o scaricare questo video: TV Animalista