Abbonamento Annuale Completo al canale di informazione libera

Ritratto di Redazione
Autore Redazione :: 2 Febbraio 2021

David Fincher non crede nella teoria degli autori di "francesissima memoria", tra cui ricordiamo i registi della Nouvelle Vague

David Fincher

Dall'inizio delle riprese, una delle maggiori domande sull'arte del cinema si riduce a quanto peso hanno le varie persone coinvolte nella realizzazione di un film per il prodotto finale. 

La teoria dell'"auteur" (dal francese autore) sostiene che il cinema è un processo altamente centralizzato e che la vera arte cinematografica può essere raggiunta solo se l'intero film e tutte le persone coinvolte nel farlo aderiscono strettamente alla visione e alla voce del regista, che è visto come il vero autore del progetto.

Naturalmente, coloro che vedono il cinema come un processo più collaborativo mettono in discussione la teoria dell'autore. David Fincher è un regista noto per esercitare uno stretto controllo su ogni aspetto dei suoi film. Eppure, sorprendentemente, Fincher ha rivelato in una recente intervista a Collider di non credere al cinema "d'autore".

"Non credo alla celebre politica degli autori, perché alla fine non credo che qualcuno possa informare un momento in modo così esplicito, che ciò a cui tutti sono al servizio è semplicemente l'idea di quella persona".

La verità è che il processo di creazione del film è troppo caotico per consentire a qualsiasi voce centrale di avere il sopravvento in ogni momento. Secondo Fincher, ci sono troppi fattori che contribuiscono a far accadere la magia sullo schermo, molti dei quali fuori dal controllo umano, per dare credito al solo regista per aver fatto accadere tutto.

"Come ben sai, e come sa chiunque abbia trascorso del tempo su un set, c'è molto sudore, bestemmie, inganni e manipolazioni, e devi essere altrettanto bravo nei traumi da forza contundente quanto nello scolpire i chicchi di riso. Chirurgia cerebrale, pittura di interni, gettare le fondamenta e psicologia infantile. Sono tutte cose che accadono simultaneamente. È una cosa molto difficile per chi non lo sapesse immaginare il tipo di meccanismo autocontrollato che ci vuole per realizzarlo. E a volte accade per caso, a volte accade per un disegno frattale esplicito. E a volte qualcuno stravolge una linea nel miglior modo possibile, e cambia la copertura e il significato di quella scena ".

Tuttavia, resta il fatto che molti registi, da Tim Burton a Wes Anderson a Quentin Tarantino, sono riusciti a creare un cinema che riflette profondamente la loro visione personale e la loro abilità artistica. Fincher ha anche affermato la sua convinzione che il cinema d'autore possa essere portato a termine occasionalmente, ma mai in modo molto netto, o con completa soddisfazione del regista.

"L'auteurismo potrebbe funzionare se avessi mai visto qualcuno avere il potere di essere in grado di spiegare perfettamente ciò che vuole, e poi altre ottantacinque persone per fornire esattamente ciò che è. E poi potresti sicuramente voltare e indicare a quella persona. Ma se sei un fottuto scultore di talento, avrai dei successi e avrai degli errori. E avrai cose con cui stai ancora cercando di lottare, e alla fine essere un processo che coinvolge molte persone, molta sporcizia e molti rifiuti. E, come diciamo sempre, "I film non sono finiti, vengono abbandonati".

Fonte: Movieweb.com

Categorie generali: 

Facebook Comments Box

Per condividere o scaricare questo video: TV Animalista