Abbonamento Annuale Completo al canale di informazione libera

Ritratto di Redazione
Autore Redazione :: 10 Dicembre 2020

Sulla paranoia tanti film hanno costruito interessanti e fantastiche trame. Questa di Taste of Cinema è una bella classifica con titoli tutti da rivedere. Da The Game a Repulsion a La cosa al Dottor Stranamore più altri forse meno conosciuti come Pi

The Game

Il concetto di paranoia è tipicamente associato ad aspetti come fantasie di persecuzione, gelosia ingiustificata, eccessiva importanza personale ed altro ancora. Naturalmente sono sentimenti non certo positivi da provare o sperimentare, e sebbene questi attributi siano spiacevoli, ci sono innumerevoli film su questa "condizione psicologica".

Peraltro ricordiamo lo stesso titolo di Umberto Lenzi Paranoia, thriller abbastanza contorto che potrebbe esser aggiunto alla classifica di Taste

L'idea di paranoia consente ai registi di affrontare concetti come paura, sospetto e sfiducia che possono innescare discussioni intriganti, narrazioni complesse e immagini sorprendenti. La paranoia può risiedere nelle relazioni, in se stessi, nelle istituzioni o persino nella politica. Con una moltitudine di argomenti e temi a cui si riferisce la paranoia, ecco un elenco di alcuni dei migliori film sulla paranoia.

Scopriamo dunque questa classifica:

1. The Game (1997) [Il gioco]
Sebbene non sia considerato uno degli straordinari capolavori di David Fincher, The Game è un film estremamente divertente che fa indovinare il pubblico fino alla fine. Racconta la storia di un ricco banchiere di investimenti di nome Nicholas Van Orton (Michael Douglas). Orton riceve un regalo misterioso da suo fratello (Sean Penn). Il presente è un gioco che si infiltra nella sua vita quotidiana. Mentre i confini tra la realtà del banchiere e il gioco iniziano a confondersi, Michael inizia a preoccuparsi che questo dono di un gioco sia diventato un incubo a cui non può sfuggire.

Uno dei fattori principali che rende avvincente The Game è l'amore e la comprensione di Fincher per l'ossessione e la paranoia. Nel film, ogni personaggio è ripreso attraverso una lente di sospetto che gli spettatori possono sentire intensamente. Il modo in cui Fincher usa l'oscurità e l'ombra per creare confusione e dubbio è abile ed è paragonabile all'abilità artistica di Hitchcock e all'intraprendenza di Jacques Tourneur. Oltre alle tecniche di regia, Fincher sa anche come giocare con il suo pubblico. Durante il film, sembra che gli spettatori possano essere in grado di capire esattamente cosa sta succedendo. Il pubblico si sente così vicino a scoprire la verità, e proprio quando ha un'idea, viene delusa. È vero quando si risponde a una domanda, vengono visualizzate altre 50 domande.

La caratterizzazione di Orton è un altro elemento chiave che rende emozionante il gioco. Il trauma passato, la paura e la natura appartata di Orton mostrano il suo bisogno di controllo. Fincher lo evidenzia attraverso un'intelligente sottigliezza. Gli accenni alla situazione finanziaria di Orton che gli consentono di stabilire le proprie regole e lo scatto della sua villa che ne rivela il vuoto e la freddezza consentono al pubblico di mettere insieme i pezzi. Con la necessità di controllo che è prominente e riconoscibile, è affascinante vedere il mondo di Orton iniziare a sgretolarsi. Douglas fa un ottimo lavoro nel catturare tutte le emozioni che Orton attraversa. Paura, tristezza, preoccupazione e rabbia sono tutte mostrate dall'incertezza di Orton nel suo ambiente e Fincher si dedica a catturarne ogni minuto. Il Gioco sa esattamente come creare paranoia e affascinare gli spettatori.

 

2. The Thing La cosa (1982)
Sebbene appaia come una bomba al botteghino nel 1982, una rivalutazione di The Thing dimostra che è un incredibile esame di sfiducia e paranoia. The Thing raffigura un gruppo di ricercatori americani in Antartide che scoprono un extraterrestre parassita. Quando la forma di vita ostile inizia a penetrare nel gruppo di ricercatori, gli uomini sono sopraffatti dalla cautela e apprendono che non possono più fidarsi di nessuno. Il film vede Kurt Russell nel ruolo del pilota dell'elicottero della squadra e del protagonista principale, RJ MacReady. The Thing presenta anche un notevole cast di supporto che include A. Wilford Brimley, TK Carter, David Clennon, Keith David, Peter Maloney e Thomas G. Waites.

Questo film è uno dei migliori esempi del potere dell'atmosfera. Mentre i personaggi sono amichevoli e spensierati all'inizio, c'è sempre la presenza di un timore incombente a causa dell'ambientazione e della colonna sonora che lo accompagna. La vasta apertura dell'artico crea una sensazione di isolamento e desolazione che è sempre presente. L'isolamento e il terrore crescono sempre di più mentre l'atmosfera si riempie di tensione a causa del crescente livello di sospetto. Carpenter, Russell e il resto del cast non mollano.

L'alieno stesso è anche fonte di paranoia. Può imitare perfettamente il suo ospite e non è mai chiaro quando si mostrerà l'implacabile forma di vita. Quando appare nella sua forma più estranea, gli effetti grotteschi e innovativi, eseguiti da Rob Bottin, sono scioccanti e brillantemente eccessivi. Di conseguenza, il pubblico è costantemente nervoso a causa dell'elemento sorpresa.

Infine, The Thing deve essere applaudito anche per il suo intelletto. La sua visione del terrore nichilista che discute dell'erosione della fiducia tra amici, comunità e persino nel proprio corpo non è solo intelligente ma senza età. La paranoia espressa in The Thing è rilevante e può essere applicata a diverse situazioni di vita reale nel corso della storia, da The Red Scare all'era post-Vietnam.

Con una carriera che dura da molti anni, il remake di The Thing from Another World di John Carpenter è ancora il suo più grande capolavoro.

 

3. Repulsion (1965) [Repulsione]
Il primo film in lingua inglese di Polanski è un film imperdibile che esplora la follia che racchiude la paranoia. La trama di Repulsion ruota attorno a una giovane manicure, Carole (Catherine Deneuve) e alla sua paura degli uomini. Quando sua sorella e coinquilina, Helen (Yvonne Furneaux), lascia il loro appartamento di Londra per andare in vacanza con il suo fidanzato sposato (Ian Hendry), la fobia di Carole diventa più evidente e mette a repentaglio la sua sanità mentale.

Le tattiche usate in Repulsion lo rendono un viaggio intimo e tumultuoso nella psicosi. Che si tratti dei movimenti della telecamera o della colonna sonora piena di suoni disordinati come campane, battiti cardiaci e ticchettii, il pubblico sente la natura sopraffatta e delirante che si nasconde dentro Carole. Insieme ai suoni e ai movimenti specifici, le immagini simboliche della follia di Carole sono creativamente impressionanti. Il modo in cui una crepa crescente su un muro nell'appartamento di Carole e Helen può rappresentare la psiche incrinata di Carole o il modo in cui il cibo marcio, in questo caso un coniglio, può ritrarre la mente di Carole che marcisce è l'uso perfetto del mezzo del film che richiede di più mostrando e meno dicendo.

Infine, Repulsion continua a far riflettere gli spettatori anche dopo che il film è finito. C'è ambiguità nel risentimento di Carole per gli uomini e nel suo crollo che viene lasciato al pubblico per riflettere.

Lo sguardo approfondito di Repulsion sulla mania di una donna lascia gli spettatori disorientati e storditi nel migliore dei modi.

 

4. La conversazione (1974)
Un film quasi perfetto, The Conversation è un film da non perdere non solo per gli amanti dei thriller, ma anche per gli ammiratori del cinema. L'esperto di sorveglianza Harry Caul (Gene Hackman) viene assunto per origliare la giovane coppia, Mark (Frederic Forrest) e Ann (Cindy Williams). Caul e il suo partner Stan (John Cazale) finiscono per registrare una conversazione criptica tra la coppia. Perseguitato da un precedente incarico terminato in modo terribile, Caul si rifiuta di consegnare i nastri all'assistente del suo cliente (Harrison Ford) e diventa determinato a capire perché la coppia è in pericolo.

Va detto che il ritratto di Harry Caul da parte di Gene Hackman è un punto culminante della carriera per Hackman. Mentre la trama e le rivelazioni sono forti, il film sembra più uno studio approfondito del personaggio. La comprensione del trauma di Caul da un precedente caso andato a male e la sfiducia che ha non solo per l'umanità, ma il mondo intorno a lui è commovente. È straziante vedere che l'unica volta in cui Caul può sentirsi a suo agio e abbassare la guardia è quando suona il sassofono da solo nel suo appartamento. Con il talento recitativo di Hackman insieme alla scrittura e alla regia stellari di Coppola, Caul è uno dei personaggi più impattanti e tragici nella storia del cinema.

Oltre alla performance di Hackman, l'intuizione avanzata è profonda. Coppola attinge all'importante concetto di sorveglianza vs partecipazione. In relazione alla storia di Caul, sono i nastri di Caul che possono causare sofferenza. Pertanto, Coppola implica che Caul non può discutere apertamente e richiede al pubblico di pensare sinceramente al ruolo pericoloso che la tecnologia può svolgere nella società.

La conversazione è un film culturalmente e storicamente significativo che dimostra veramente l'immenso potere del film.

 

5. Parallax View (1974) [La vista parallasse]
Non sarebbe un elenco corretto sulla paranoia se Alan J. Pakula non si fosse presentato. Come seconda puntata della trilogia "Paranoia" di Pakula, The Parallax View segue il giornalista politico Joe Frady (Warren Beatty). Dopo che un senatore viene assassinato, Frady inizia a credere che la misteriosa Parallax Corporation possa essere coinvolta. Più Frady indaga, altri che condividono il suo punto di vista iniziano a incontrare la loro scomparsa, incluso il suo capo, Bill Rintels (Hume Cronyn). Alla fine, Frady scopre una cospirazione e deve impedire a Parallax di uccidere un altro bersaglio.

A differenza di un film come La Conversazione, questo film deve essere più incentrato sui colpi di scena che sull'analisi del personaggio. Tuttavia, questo non significa che Frady sia un personaggio unidimensionale. Beatty riceve dialoghi spiritosi e talvolta divertenti. C'è anche un fascino e una sicurezza che trasuda da Beatty che è innegabilmente divertente da testimoniare.

Con diversi richiami ravvicinati e dettagli che si svolgono mentre la trama si infittisce, la tensione non viene mai meno. La sceneggiatura di Lorenzo Semple Jr. e David Giler utilizza la struttura del gatto e del topo a proprio vantaggio, e il suo commento sociale sembra spaventosamente realistico e interessante piuttosto che selvaggiamente assurdo e pretenzioso.

The Parallax View affronta la cospirazione politica e la paranoia come solo Alan J. Pakula sa fare.

 

6. L'ora del lupo (1968)
Con un approccio d'essai, L'ora del lupo di Ingmar Bergman esplora in modo unico i temi della paranoia e della follia. La trama ruota attorno alla scomparsa del pittore Johan Borg (Max Von Sydow), che viveva su un'isola con sua moglie Alma (Liv Ullmann) e soffriva di immagini sorprendenti e insonnia prima del suo atto di sparizione.

Dopo aver visto il film, è evidente che L'ora del lupo non è un film destinato a fornire intrattenimento a un vasto pubblico. Il film sembra troppo personale per raggiungere questo obiettivo. Questo film richiede la sospensione dell'incredulità che potrebbe risuonare solo con un pubblico limitato. L'ora del lupo è più interessata a dare vita a idee astratte. Gli aspetti del surrealismo, dell'espressionismo e dello stile gotico si traducono in una fruizione visiva che potrebbe benissimo essere ricordi soppressi, un sogno febbrile o forse allucinazioni vampiriche della mente di Johan. Qualunque sia la realtà, Bergman non si preoccupa di una risposta definitiva.

Ciò che fa funzionare così bene L'ora del lupo è la sua capacità di prosperare sull'interpretazione piuttosto che sulla struttura.

 

 

7. Jacob's Ladder  - Allucinazione perversa (1990) 
Come indicato meglio dallo slogan di Jacob's Ladder, "La cosa più spaventosa dell'incubo di Jacob Singer è che non sta sognando". Dopo essere tornato a casa dalla guerra del Vietnam, il veterano Jacob Singer (Tim Robbins) fatica a mantenere la sua sanità mentale. Sebbene la sinossi fornita possa sembrare piccola e poco descrittiva, è solo perché più dettagli rivelerebbero troppo. Questo è un film che è un film migliore con il minor numero di informazioni possibile.

Immediatamente, è necessario riconoscere la performance di Tim Robbins come protagonista. Insieme alle notevoli esibizioni di Elizabeth Pena e Danny Aiello, Tim Robbins mostra in modo spettacolare il suo talento recitativo. Il ritratto di Robbins di Jacob come un uomo comune è qualcosa con cui gli spettatori possono entrare in empatia. Robbins rende Jacob così umano e reale che la sua angoscia e incertezza per le cose orribili che sta vedendo diventano strazianti per il pubblico.

In accompagnamento alla performance di Robbin, la regia di Adrian Lyne e la sceneggiatura di Bruce Joel Rubin offrono allo spettatore una base disorientante con uno scopo. Le immagini paranoiche muovono la storia e non consentono al film di trascinarsi. Il viaggio caotico di Singer e le immagini non sembrano fuori luogo, e questo è estremamente importante in particolare per questo film. La scala di Giacobbe è certamente difficile da guardare. Si crogiola in sentimenti di tristezza, dolore e disperazione con solo pochi barlumi di speranza che svaniscono rapidamente. Tuttavia, l'esperienza dolorosa e deprimente che è in mostra non proviene da una percezione meschina. C'è un messaggio vittorioso che dà luce ai suoi spettatori alla fine del tunnel.

Sebbene a volte sia un'esperienza apparentemente brutale, è una rappresentazione di uno stato schizofrenico paranoico che è stato molto ben recitato, scritto e diretto.

 

8. Dr. Stranamore o: Come ho imparato a smettere di preoccuparmi e ad amare la bomba (1964)
Non ha bisogno di presentazioni, Dr. Stranamore o: Come ho imparato a smettere di preoccuparmi e ad amare la bomba è una delle satire più famose mai create sulla paranoia. Nel film, il generale dell'aeronautica americana Jack Ripper (Sterling Hayden) impazzisce e decide di inviare la sua ala di bombardiere per distruggere l'URSS. Spetta quindi al presidente degli Stati Uniti (Peter Sellers), capo di stato maggiore dell'USAF (George C. Scott), un ufficiale di scambio della Royal Air Force (RAF) (Peter Sellers), e altri per fermare l'equipaggio ordinato dal generale di iniziare il giorno del giudizio.

A differenza di molti dei film di questo elenco che danno uno sguardo serio alla paranoia, Dr Stranamore offre una visione diversa della commedia. Il cast e la troupe con Kubrick al timone criticano efficacemente e ironicamente le emozioni accresciute, il patriottismo fuori luogo e la perpetuazione della paura irrazionale e della sfiducia che sono state associate alla Guerra Fredda. Chi ha mai pensato che la teoria della distruzione reciproca assicurata (MAD) potesse fornire un umorismo oscuro così esilarante? Bene, fortunatamente, per i cinefili, Stanley Kubrick, Terry Southern e Peter George lo hanno fatto.

È difficile scegliere una scena preferita da un film iconico che comprende così bene l'arte dell'umorismo satirico. Che si tratti del Dr. Stranamore di Seller, un ex nazista che non può fare a meno di alzare la mano e di alzare la mano nei momenti più inappropriati o del pilota di B-52 di Slim Picken, il maggiore "King" Kong, un texano simile a un cowboy che finisce letteralmente a cavallo una bomba come un toro, Dr. Stranamore è un film che sa parlare di paranoia con un sorriso stampato in faccia e un occhiolino intelligente al pubblico.

 

9. The Manchurian Candidate (1962)
Potrebbe non esserci film migliore considerato come uno dei più grandi thriller politici di tutti i tempi di The Manchurian Candidate. Il film è ambientato verso la fine della guerra di Corea. Un gruppo di soldati americani viene catturato dai comunisti e sottoposto al lavaggio del cervello. Dopo la guerra, il sergente Raymond Shaw (Laurence Harvey) è visto come un eroe dal resto del suo plotone. Tuttavia, il comandante, il capitano Bennett Marco (Frank Sinatra), è perseguitato da strani incubi e con il compagno soldato Allen Melvin (James Edwards), giunge a una scoperta orribile.

La genuinità di questo film è la sua funzionalità stratificata. Ha la capacità di recitare come una commedia nera, un brivido neo-noir, un film-noir, un film horror, un melodramma e molto altro ancora. Non è legato a un genere in quanto copre numerosi temi e prospettive che rimangono pertinenti ai giorni nostri. La dimostrazione impavida del film del crescente significato e della manipolazione nella trasmissione di affari pubblici e, quindi, nell'informare le opinioni è estremamente perspicace. Il film esamina veramente il circo e il seme che circonda la politica americana.

The Manchurian Candidate è un film audace che utilizza elementi macabri, sprezzanti, surreali e inquietanti per offrire un viaggio da brivido che non si dimentica facilmente.

 

10. Pi (1998)
Con l'ossessione che fa parte della costruzione della paranoia, non c'è da meravigliarsi perché Pi meriti un posto in questa lista. Pi raffigura un matematico recluso, Max, (Sean Gullette) che crede che "tutto possa essere compreso in termini di numeri" e cerca un numero chiave che sveli i modelli universali trovati in natura.

Gullette offre una forte interpretazione come un uomo irrequieto, pericolosamente determinato e senza pace nella sua ricerca della conoscenza. Incarna l'idea che quando una persona cerca qualcosa che può essere reale, la rende più matta quanto più ci si avvicina.

Pi è anche molto impressionante in quanto è il primo lungometraggio di Darren Aronofsky. Anche con un budget minuscolo, Aronofsky utilizza trucchi astuti per sottolineare l'intenso tema dell'ossessione mentale. C'è una qualità granulosa nel filmato e la scelta di girare in bianco e nero amplifica la sensazione di disagio. Una colonna sonora di stridii e sgradevoli suoni uditivi esalta le sequenze deliranti che pur impegnative da vedere sono gratificanti ed esaltano l'umore che Aronofsky si propone di raggiungere.

Sebbene sia un film più piccolo di alcuni dei lavori successivi di Aronofsky, ottiene una solida interpretazione dal suo attore principale e dipinge un'immagine visiva di un'ossessione paralizzante che può affascinare il pubblico.

 

Categorie generali: 

Facebook Comments Box

Per condividere o scaricare questo video: TV Animalista