Ritratto di Rita Andreetti
Autore Rita Andreetti :: 11 Settembre 2015

Vi siete persi la parata della Cina per il 70° anniversario della liberazione? Ecco come recuperarlo in 70 secondi

Settantennale del V-Day in Cina

Un time lapse così non l’avevate mai visto.

Ne hanno parlato un po’ tutti i telegiornali, ma questo sarà il modo più divertente per rivederlo: la Cina ha celebrato la scorsa settimana il settantennale della liberazione dall’esercito giapponese, il loro V-Day.

Per fortuna che il Wall Street Journal ha pubblicato un condensato della marcia solenne delle 12.000 truppe che hanno sfilato: così anche chi gozzovigliava quel giorno e non ha speculato sui rappresentanti invitati, le nazioni che hanno bigiato, il cielo blu come non si era mai visto, potrà recuperare l’emozione del momento.

Per fortuna, appunto, che il Wall Street Journal e Max Duncan hanno deciso di offrire un’esilarante time lapse della marcia, che magicamente in questo modo non spaventa più per le dimensioni: così ridotta ci riporta piuttosto ai vecchi tempi quando pescando la carta favorevole si rischiava di doversi conquistare il Kamchatka durante la partita a RisiKo.

Giusto per farsi un’idea, ecco i numeri del V-Day del 3 settembre:

12.000: i membri dell’Esercito di Liberazione Popolare

2.400: i membri della banda e del coro dell’Esercito

700: i pezzi di armeria usati, oltre l’80% dei quali rigorosamente Made in China, e alcuni di questi mai esibiti pubblicamente

300: i veterani della guerra sino-giapponese che hanno presenziato divisi in due cortei

90: anni, l’età media dei veterani di cui sopra

50: sono le formazioni che hanno sfilato

30: sono i rappresentanti politici che hanno partecipato

19: i Paesi di origine delle rappresentanze

[Ti potrebbe ineteressare: Piccolissima, leggere e impermeabile: ecco la nuova GoPro Hero 4 Session]

Per la prima volta, poi, ci sono state delle soldatesse a marciare sulla grande Piazza Tiananmen. Ecco, impossibile riconoscerle nel video. Quello che si vedrà, e vi divertirà, sono le enormità di cappellini colorati che il pubblico ha indossato, alleggerendo i toni ufficiali della parata; oppure, l’effetto formiche impazzite dei carri armati, o quello “ci vedo doppio” delle truppe in fila.

Ah, chiaramente quelli sul finale non sono uccelli migratori.

Il Time Lapse della parata, di Max Duncan

Categorie generali: 

Facebook Comments Box

Video Dominion