Ritratto di Redazione
Autore Redazione :: 16 Febbraio 2021

Martin Scorsese torna a parlare di cinema prendendosela con il cinema considerato soltanto in base a certi contenuti. Scorsese aveva già espresso la sua opinione negativa contro i film Marvel

Martin Scorsese contro Marvel e contro le piattaforme di "contenuti"

Marin Scorsese ha scritto un nuovo editoriale lamentando come il cinema sia stato "sistematicamente svalutato" al suo minimo comune denominatore grazie al termine "contenuto".

Martin Scorsese torna a parlare di cosa sia "cinema" e cosa non lo sia in un nuovo editoriale pubblicato martedì sulla rivista Harper's. Nel 2019, Scorsese si è attirato molte critiche quando ha affermato che i film Marvel non dovrebbero essere considerati cinema, confrontando i film di supereroi più a un parco a tema piuttosto che a un'autentica esperienza cinematografica. Nonostante il contraccolpo, Scorsese ha mantenuto i suoi commenti, spiegando che i film Marvel semplicemente non erano per lui.

Con il suo nuovo editoriale, Martin Scorsese si apre di più sui suoi sentimenti su quello che è diventato lo stato del cinema. Non menziona specificamente la Marvel, il regista di Taxi Driver lamenta come il termine "contenuto" sia cambiato in modo significativo negli ultimi anni, evolvendosi fino a includere "tutte le immagini in movimento" come un video di gatti, una pubblicità del Super Bowl e persino un sequel di supereroi. Come spiega Scorsese:

"Fino a quindici anni fa, il termine" contenuto "veniva sentito solo quando le persone discutevano seriamente del cinema, e veniva messo a confronto e misurato con" forma". Poi, gradualmente, è stato utilizzato sempre di più dalle persone che hanno rilevato le società dei media, la maggior parte delle quali non sapeva nulla della storia della forma d'arte".

Ammettendo di aver beneficiato proprio di questo processo come regista, Scorsese esprime anche la sua preoccupazione che ciò stia influenzando l'arte del cinema.

"Da un lato, questo è stato positivo per i registi, me compreso. Dall'altro, ha creato una situazione in cui tutto è presentato allo spettatore in condizioni di parità, che suona democratica ma non lo è. Se oltre la visione è 'suggerita' da algoritmi basati su ciò che hai già visto, e i suggerimenti si basano solo sull'argomento o sul genere, allora cosa fa per l'arte del cinema?"

Scorsese aggiunge che collegare l'esperienza dello spettacolo in sala alle piattaforme di streaming sta cambiando l'importanza che il cinema ha nella nostra cultura. Spiegando che "non possiamo dipendere dal business del cinema" per prenderci cura del cinema, il regista di Goodfellas sottolinea anche che spetta a coloro che amano e rispettano veramente il cinema, incluso se stesso, far sapere all'industria che i film dall'icona registi come Stanley Kubrick e Ingmar Berman sono opere d'arte da non sfruttare.

"Quelli di noi che conoscono il cinema e la sua storia devono condividere il nostro amore e la nostra conoscenza con quante più persone possibile. E dobbiamo chiarire chiaramente agli attuali proprietari legali di questi film che sono molto, molto di più che semplici proprietà da sfruttare e poi catalogare. Sono tra i più grandi tesori della nostra cultura, e devono essere trattati di conseguenza ".

Come per la situazione Marvel, le parole di Scorsese probabilmente evoceranno alcune reazioni divise sui social media. Indipendentemente da quante persone possano o meno essere d'accordo, Scorsese è chiaramente fermo con la sua opinione. Puoi leggere l'editoriale completo del regista di The King of Comedy su Harper's Magazine.

Categorie generali: 

Facebook Comments Box

Per condividere o scaricare questo video: TV Animalista