Abbonamento Annuale Completo al canale di informazione libera

Ritratto di Redazione
Autore Redazione :: 1 Febbraio 2021

Il festival Internazionale di Rotterdam celebra quest'anno il suo 50° anniversario all'insegna dell'innovazione anche col nuovo direttore Vanja Kaludjercic

L'International Film Festival Rotterdam celebra quest'anno il suo 50° anniversario sotto un nuovo direttore artistico e, sebbene l'evento sia stato costretto ad avvenire online a causa della pandemia in corso, gli organizzatori sperano che un'edizione estesa a giugno possa vedere i ffestivalieri tornare al cinema per l'estate.

Tuttavia, spostare online il festival e la sua sezione di settore IFFR Pro Days ha creato opportunità.

Per la direttrice del festival Vanja Kaludjercic, è apparso subito evidente che il suo debutto sarebbe stato diverso da quello che aveva inizialmente previsto. I Paesi Bassi sono entrati in blocco per due settimane nel suo nuovo lavoro all'inizio di marzo 2020 insieme a gran parte del resto del mondo. Lo sviluppo "ci ha dato abbastanza rapidamente una chiara idea che dovevamo iniziare a pianificare un festival molto diverso", dice.

Lodando i suoi colleghi, Kaludjercic aggiunge: “Questo team è molto pieno di risorse, qualificato e molto creativo. Ci ha aiutato molto presto a formare gruppi di lavoro e iniziare a pensare a cosa potrebbe offrire il festival". 

In programma dall'1 al 7 febbraio, la prima parte di IFFR si concentrerà sulle principali competizioni Tiger, Big Screen e Ammodo Tiger Short, nonché sulla barra laterale Limelight, un'anteprima delle prossime uscite d'autore.

Il festival prende il via con il titolo di Limelight “Riders of Justice”, la commedia thriller del regista danese Anders Thomas Jensen con Mads Mikkelsen. Altri titoli di alto profilo nella sezione includono “First Cow” di Kelly Reichardt e “Suzanna Andler” di Benoît Jacquot, con Charlotte Gainsbourg.

Tra i titoli che non partecipano alla Tiger Competition ci sono il dramma statunitense di Karen Cinorre “Mayday”, con Grace Van Patten, e “Friends and Strangers”, la commedia drammatica australiana di James Vaughan sul dislocamento e la disconnessione tra i millennial.

Sebbene originariamente pianificato come un evento ibrido virtuale e fisico, il festival ora si svolgerà completamente online a causa delle misure di blocco estese. La piattaforma online, tuttavia, renderà l'intero programma disponibile al pubblico dei Paesi Bassi, fornendo un'opportunità ideale per attirare nuovi appassionati, aggiunge Kaludjercic, un ex direttore delle acquisizioni al MUBI. In precedenza ha lavorato all'IFFR e ai festival cinematografici di Sarajevo e Paesi Bassi.

Fonte: Variety

Categorie generali: 

Facebook Comments Box

Per condividere o scaricare questo video: TV Animalista