Abbonamento Annuale Completo al canale di informazione libera

Ritratto di Redazione
Autore Redazione :: 26 Maggio 2021

Amazon con MGM? Il gigante della tecnologia sta acquistando il venerabile studio principalmente per la sua vasta libreria o vuole potenziare le capacità di produzione dello studio?

Il celebre logo di Metro Goldwyn Mayer

Nel dicembre del 2020, MGM Holdings ha presentato un accordo con Amazon Web Services. Lo studio indipendente era alla ricerca di tecnologia "per prevedere la visualizzazione dei contenuti e le tendenze di vendita in modo da poter prevedere la domanda per la sua vasta libreria di contenuti", ha annunciato Amazon in quel momento. Doug Russo, CTO di MGM, ha affermato che utilizzerà la tecnologia AWS per "aumentare le nuove opportunità di guadagno" mentre sposta i suoi contenuti nel cloud...

A quanto pare quei colloqui MGM-AWS hanno colpito una corda...

Quello stesso mese, lo studio ha arruolato Morgan Stanley e LionTree per consigliarlo su una vendita. Ora, solo pochi mesi dopo, il gigante della tecnologia ha un accordo per acquistare la casa di James Bond, il franchise di RockySurvivor e The Handmaid's Tale, in un accordo che valuta lo studio a 8,45 miliardi di dollari.

L'acquisizione di successo solleva domande sugli impegni cinematografici e televisivi dello studio.

Sul fronte teatrale, è improbabile che MGM e United Artists Releasing cambino i piani per le loro restanti uscite cinematografiche del 2021 - inclusa la foto di James Bond, No Time to Die - soprattutto perché è probabile che l'accordo richieda mesi per chiudere. UAR è una sussidiaria di MGM e gestisce i diritti di distribuzione nazionale per i titoli MGM.

La prossima lista include lo spin-off di GI Joe Snake Eyes a luglio, un biopic su Aretha Franklin, con Jennifer Hudson (13 agosto), The Addams Family 2 (1 ottobre), No Time to Die (8 ottobre), l'ultimo di Ridley Scott, House of Gucci, con Lady Gaga e Adam Driver (24 novembre), Cyrano (24 dicembre) di Joe Wright e Paul Thomas Anderson senza titolo che si espanderà a livello nazionale il 26 dicembre.

Tuttavia, l'annuncio ha lasciato molte domande chiave senza risposta riguardo al futuro di come i film della MGM verranno rilasciati una volta che Amazon possiede ufficialmente lo studio leggendario. A differenza del rivale Netflix, Amazon Studios ha supportato i cinema, anche dando a molti dei suoi film originali un'uscita esclusiva nei cinema prima del lancio su Prime.

Il franchise di Bond è sempre stato un franchise per le sale famoso in tutto il mondo. E i produttori di Bond Barbara Broccoli e Michael Wilson, la cui società di produzione britannica EON è la casa di 007, sono particolarmente entusiasti dell'esperienza sul grande schermo. (EON e MGM condividono i diritti tramite una holding).

Inoltre non è chiaro per ora cosa farà Amazon con la rete via cavo premium e il servizio di streaming Epix (sarebbe integrato in Amazon Prime Video?) E se continuerà a funzionare come fornitore di terze parti per i concorrenti con spettacoli come The Handmaid's Tale al rivale Hulu, Vikings a Netflix o un imminente spinoff di Vanderpump Rules a Peacock.

Nel frattempo, la divisione televisiva di MGM, supervisionata dal presidente di MGM Worldwide TV Group Mark Burnett, è stata luogo di disordini interni dopo che il super-produttore è stato promosso al ruolo a metà del 2018.

Fonti hanno detto a THR a novembre che Burnett tendeva a immischiarsi in aree in cui non aveva un ruolo definito e spesso tormentava e criticava lo staff e gli altri dirigenti. La cultura ha portato a uscite di alto livello, partenze minacciate e almeno un reclamo alle risorse umane. A marzo, il presidente di MGM TV / United Artists Steve Stark ha sbalordito lo staff con la sua improvvisa decisione di dimettersi dopo un decennio durante il quale ha sviluppato successi tra cui The Handmaid's TaleFargo e, più recentemente, la CBS diventata Paramount + voce Clarice .

L'uscita di Stark per un accordo di produzione è arrivata dopo che fonti hanno notato che Burnett avrebbe arruffato le piume coinvolgendosi nella prestigiosa divisione televisiva di Stark. La MGM all'epoca insisteva sul fatto che Stark continuasse a riferire a Burnett, sebbene più fonti affermassero che Stark era sicuro che avrebbe potuto operare senza interferenze. Il presidente di Epix Michael Wright - che ha lanciato gli originali tra cui il Padrino di Harlem Pennyworth - è stato promosso a un doppio ruolo che riporta al consiglio di amministrazione della MGM e Burnett.

Mentre gli ultimi ritocchi sull'accordo Amazon-MGM venivano negoziati il ​​24 maggio, Burnett ha pubblicato un video sul suo Instagram di un elicottero che lo lasciava cadere sul fianco di una remota montagna in Islanda, prima di volare via. "Niente come essere lasciati cadere e quando le pale del rotore svaniscono, si sente solo il vento", ha scritto Burnett.

Con l'acquisizione, Amazon si assicura anche una grande quantità di proprietà intellettuale per il piccolo schermo e una cineteca. Ciò sembrerebbe includere i nastri a lungo ricercati di Burnett dall'era di Donald Trump su The Apprentice.

Un tema alla base dell'accordo è la questione se Amazon stia acquistando MGM esclusivamente per la sua libreria di film e TV, o se vuole continuare a investire e far crescere lo studio.

“Il vero valore finanziario alla base di questo accordo è il tesoro dell'IP nel vasto catalogo che abbiamo intenzione di reimmaginare e sviluppare insieme al talentuoso team di MGM. È molto eccitante e offre così tante opportunità per uno storytelling di alta qualità", ha affermato Mike Hopkins, vicepresidente senior di Prime Video e Amazon Studios, in una dichiarazione.

Nel suo annuncio ufficiale, Amazon ha affermato che "aiuterà a preservare il patrimonio e il catalogo di film della MGM e fornirà ai clienti un maggiore accesso a queste opere esistenti. Attraverso questa acquisizione, Amazon consentirà a MGM di continuare a fare ciò che sa fare meglio: una grande narrazione".

Con il capo di Amazon Studios Jennifer Salke proveniente dall'arena delle trasmissioni della NBC, resta anche da vedere come una divisione TV combinata potrebbe essere dotata di personale dopo che Burnett ha continuato a cercare ulteriore potere e una maggiore competenza alla MGM TV.

Il confronto più vicino potrebbe essere l'acquisizione di Whole Foods nel 2017 da parte del gigante tecnologico. A 14 miliardi di dollari è stato l'ultimo accordo di Amazon a competere con l'acquisizione di MGM in scala. Alla fine, ovviamente, il marchio Whole Foods è continuato invariato, anche se con alcune integrazioni di Amazon nei suoi negozi e con alcune integrazioni di Whole Foods nelle app di Amazon.

Amazon sta persino costruendo nuovi supermercati Amazon Fresh che competono efficacemente con Whole Foods, creando un precedente che potrebbe applicarsi a un futuro con Amazon Studios e MGM che vivono fianco a fianco. Infatti, nell'annuncio dell'accordo, Amazon ha affermato che MGM "completa il lavoro di Amazon Studios, che si è concentrato principalmente sulla produzione di programmi di programmi televisivi", suggerendo che entrambi gli studi coesisteranno.

Supponendo che le autorità di regolamentazione firmino l'acquisizione, l'integrazione di MGM in Amazon cadrà sotto la supervisione di due alti dirigenti: Jeff Blackburn, che recentemente è rientrato in Amazon per guidare le sue attività di media e intrattenimento, e Andy Jassy, ​​CEO di AWS, che lo farà succedere a Jeff Bezos come CEO di Amazon entro la fine dell'anno.

Blackburn era un originale assunto da Amazon e protetto di fiducia di Bezos, che ha lasciato la società all'inizio di quest'anno per entrare a far parte di una società di venture capital. All'inizio di questo mese, tuttavia, Jassy ha detto ai dipendenti che Blackburn sarebbe tornato a supervisionare le attività di contenuto di Amazon, che includono Amazon Studios, Prime Video, Audible e Twitch.

Per quanto riguarda Jassy: solo pochi giorni dopo che Amazon e MGM hanno svelato la loro partnership tecnica a dicembre, Jassy è salita sul palco al summit annuale ospitato da AWS. In un discorso virtuale, Jassy ha detto che il tema della conferenza era "reinvenzione".

Citando l'esempio di Netflix che abbandona il suo servizio di DVD-by-mail per concentrarsi sullo streaming, Jassy ha sottolineato che spetta alle aziende riconoscere quando i loro modelli di business non funzionano più. È un messaggio che potrebbe essere applicato alla MGM, che deve affrontare un assalto di concorrenza da parte dei giganti della tecnologia e dell'intrattenimento con piattaforme più grandi, tecnologia migliore e budget significativamente più grandi.

"A volte, è riconoscere che non puoi combattere la gravità", ha detto Jassy "Se sta per succedere qualcosa, succederà indipendentemente dal fatto che tu lo voglia o no."

Lesley Goldberg e Pamela McClintock hanno contribuito al reporting.

Fonte: The Hollywood Reporter

Categorie generali: 

Facebook Comments Box

Per condividere o scaricare questo video: TV Animalista