Ritratto di Redazione
Autore Redazione :: 9 Settembre 2016

L'attore Giorgio Tirabassi si racconta a Gasometro 2016 in occasione dello spettacolo musicale con i suoi Hot Club Roma, con cui ha proposto il loro “Omaggio a Django Reinhardt"

Giorgio Tirabassi

"Torno in tv con Libero Grassi: un personaggio importante, imprenditore che si è opposto al pizzo nel '91. L'ha fatto pubblicamente e ne ha pagato le conseguenze. Non mi piace chiamarlo eroe, è una vittima del buon senso. Lui si è opposto al pizzo perché era un'offesa alla sua dignità di imprenditore, di cittadino, di uomo".

L'attore Giorgio Tirabassi si racconta a Gasometro 2016 in occasione dello spettacolo musicale con i suoi Hot Club Roma, con cui ha proposto il loro “Omaggio a Django Reinhardt", grande chitarrista e compositore belga. Ultimi giorni per lo spazio di Riva Ostiense, aperto dalle 19 fino alle 4 del mattino, che offrirà divertimento e cultura al grido di "Core d'Acciaio" sino al 17 settembre. 

Il cinema di Gasometro si congeda con due grandi eventi: la doppia proiezione di Escoriandoli di Antonio Rezza e Flavia Mastrella, sabato 10 e domenica 11, e l'omaggio a Claudio Caligari con la sua trilogia composta da Amore tossico, "L'odore della notte", Non essere cattivo, dal 14 al 16 settembre, che vedrà ospite anche l'attore Valerio Mastandrea.

Di seguito le risposte di Giorgio Tirabassi alle altre domande:

Giorgio, lo sai che ci sono tante pagine Facebook e anche alcuni articoli che dicono che tu appoggi i 5stelle?
Lo so, e non è assolutamente vero. Ho solamente detto che, secondo me, quest'anno il Movimento 5 Stelle avrebbe preso molti voti del PD. Ma io non vi aderisco: sono più legato al PD, anche se spesso ho votato con la molletta al naso, A parte che non ho neanche la residenza a Roma.

Usano questo tuo ipotetico virgolettato: "Mi auguro che il M5S governi Roma".
Mai detto, e neanche me lo sono mai augurato. Ho però detto che il Movimento avrebbe vinto sul PD.

Che ne pensi di questa vittoria?
Una decisione democratica. Bisogna fare i conti con quello che è: un Movimento nuovo che si è imposto sul PD. La mia previsione era anche abbastanza facile.

Prossimi impegni.
Ho finito di girare un film su Nino Manfredi per la Rai, "In arte Nino", che ripercorre la vita dell'attore con cui ho lavorato per più di un anno e con cui ho avuto un bellissimo rapporto. Ho detto di sì, e  vi hanno partecipato anche tanti altri attori che hanno avuto la fortuna di lavorare con lui.

Categorie generali: 

Facebook Comments Box