Ritratto di Pierre Hombrebueno
Autore Pierre Hombrebueno :: 3 Ottobre 2015

Per tutti i nostri aspiranti montatori là fuori, ecco un bel video tutorial pubblicato da RocketJump Film School che ci spiega come montare una scena valorizzando al meglio la tensione e il possibile shock

Alfred Hitchcock

Il controllo per l'effetto finale del film non sta in mano del regista, bensì del montatore. Lo sappiamo ormai fin troppo bene (ed infatti di solito l'autore sta nella medesima cabina dell'editor controllando che non rovini la sua creatura), ed è il motivo per cui rimane decisamente uno dei mestieri più ambiti dall'industria. Per l'occasione, il RocketJump Film School ha creato un video elargendo preziosi consigli agli aspiranti montatori là fuori, facendo principalmente riferimento al territorio del suspense e del thriller, o perlomeno a quelle pellicole che contengono determinate scene intenzionate a far accapponare la pelle degli spettatori: dategli un'occhiata e fate tesoro dei suggerimenti.

Qui alcuni momenti chiavi del discorso:

- Contenetevi e rimanete moderati. In sostanza: le scene devono riuscire a creare tensione mantenendo intatta la loro dose di suspense. Il segreto è NON tagliare fino a quando non avrete rivelato l'informazione necessaria. Questo metterà della maledetta ansia negli spettatori, sempre più incuriositi nel sapere cosa si celi dietro l'angolo, che sia un mostro, una rivelazione o un evento drammatico. Il video menziona Alien come esempio, ma basterebbe anche vedersi un qualsiasi Hitchcock per capire meglio il discorso.

- I primi piani rimangono delle inquadrature irrimediabilmente suggestive e forti, motivo per cui bisognerebbe cercare di non abusarne. Per valorizzarle al meglio, optate per uno stacco da un campo largo ad un primo piano improvviso senza passare per grandezze medie: otterrete una potenza raddoppiata in intensità!

[Leggi anche: La storia del montaggio in 10 sequenze di cinema d'autore]

- Cercate di usare più tecniche di montaggio che potete. Ogni tecnica comunica una cosa diversa, ma tutte servono a rendere le transazioni fra le immagini più coerenti, emozionanti o, volendo, anche frastornanti. Studiatevi bene la vostra storia e cercate di capire cosa vogliate comunicare, e agite di conseguenza con le forbici (anzi, pardon: col tasto taglia del pc). In sostanza: guardatevi i film essenziali con cui potete imparare queste tecniche e l'uso che ne hanno fatto i grandi maestri!

Tag: 

Categorie generali: 

Facebook Comments Box