Ritratto di Erika Favaro
Autore Erika Favaro :: 23 Dicembre 2015

La riscrittura, per uno sceneggiatore, è importante tanto quanto la prima stesura. Ecco le sette fasi per affrontarla con successo

sceneggiatura

Spesso si pensa che una delle cose più difficili da fare quando si scrive è affrontare l’inizio, il vuoto che ci si presenta davanti insieme alla pagina bianca. E invece c’è un momento forse ancora più importante della prima stesura, soprattutto per chi si occupa di sceneggiatura. Parliamo della revisione, di quando bisogna mettere in dubbio le proprie certezze, rileggerci e migliorare il nostro progetto. Non sempre però è così facile capire cosa non va, ecco allora sette trucchi per aiutarvi nella revisione della vostra sceneggiatura.

1 Preparazione
Questa fase rappresenta l’origine di tutto. Prima ancora di buttare giù la prima parola è fondamentale avere un’idea chiara di quello che si vuole raccontare. Avere in testa i personaggi, i temi, il tono del racconto, i paesaggi. Il modo migliore per capire come si fa è solo uno: guardare centinaia e centinaia di film.

2 Non improvvisare
Avere sempre una mappa mentale che tracci il percorso della storia che stiamo scrivendo. Con questo non vuol dire che si debbano decidere tutti i dettagli prima di iniziare a scrivere, una struttura generale però è necessaria a mantenere coerenza e linearità.

3 Riscrivere strada facendo
Ad Hollywood solitamente ti danno dieci settimane per la prima stesura. Poi – se sei stato abbastanza bravo e ti meriti di rimanere – te ne ridanno due o tre (ma è molto più probabile due) per la revisione. Per essere certi di rispettare le scadenze quindi rileggi sempre ciò che hai scritto il giorno prima.

4 Lasciar passare del tempo
Se il contratto di cui parlavamo sopra te lo permette, appena la prima bozza è pronta chiudi il pc ed esci di casa. Non rileggerti, non dare la sceneggiatura a nessuno, semplicemente distaccati da quanto hai scritto. Lascia passare del tempo e torna sul materiale a mente lucida.

5 Autocritica
Dopo la mini vacanza torna al pc consapevole del tuo nuovo ruolo. A questo punto sei chi deve rileggere e revisionare, devi essere obiettivo e riuscire a diventare il miglior critico di te stesso. Come si fa a capire quando uno script funziona? Il consiglio è simile a quello dato in precedenza: leggere senza sosta, studiare le sceneggiature dei tuoi film preferiti, imparare dai maestri.

[Leggi anche: Tre ingredienti per una buona sceneggiatura]

6 Vivacità
Questa è la fase divertente della revisione. Aggiungi dettagli, battute brillanti, caratterizza maggiormente i personaggi. Leggi tutti i passaggi e alla fine di ogni battuta chiediti “Cosa posso fare per migliorarla?”.

7 Eliminare il superfluo
Gli anglofoni a questo punto direbbero “kill your darlings”. Elimina tutto ciò che è in più, asciuga il tuo testo, se è necessario rinuncia ad un personaggio che non ti convince pienamente o che non dà alcun contributo al film. Rendi la tua sceneggiatura scorrevole e piacevole anche per gli altri.

Categorie generali: 

Facebook Comments Box