Ritratto di Redazione
Autore Redazione :: 27 Ottobre 2016

Jump Scare, la tecnica per spaventare lo spettatore, può essere usata bene o male, certo negli horror è quasi onnipresente e spesso abbassa la qualità del film quando è usata in modo gratuito. Due video confermano queste tesi

Un esempio di Jump Scare

Il magazine Playlist ha oggi affrontato l'argomento che riguarda la tecnica del "jump scare". Per chi non lo sa, è facile da spiegare. Avete presente quando nella scena subentra un elemento in modo molto forte ed impressionante? Può essere anche un elemento musicale, ma spesso è un elemento visivo, inaspettato, a far sobbalzare sulla sedia lo spettatore di turno.

Secondo la tesi di alcuni e confermata nel primo video, il jump scare è davvero una rovina, quando in pratica è utilizzato dai cineasti di turno a sproposito, rovinando il film. Non c'è dubbio che nella metà dei casi l'effetto era del tutto gratuito e di sicuro siamo d'accordo con la tesi che è sempre meglio utilizzare con la massima parsimonia questa tecnica così "invasiva" di messa in scena.

Nell'altro video invece vediamo una lunghissima carrellata di 40 jump scare. Buona visione!

Categorie generali: 

Facebook Comments Box