Ritratto di Silvia Ricciardi
Autore Silvia Ricciardi :: 27 Maggio 2015

Troppi sono gli attori che non si dimostrano all'altezza della loro fama! Interpretando determinati tipi di ruoli, spesso sono macchiette in balia del prossimo film di routine da girare. Scopriamo due nomi di Hollywood che dovrebbero riciclarsi...

Adam Sandler

Il panorama cinematografico odierno è purtroppo ricco di personalità attoriali che non si dimostrano in grado di essere all’altezza dei ruoli che troppo spesso vengono loro assegnati! Il mondo della settima arte straripa di attori che, nonostante l’impegno e la dedizione, non riescono a dare alla luce performances che possano permettere alla critica di recensire positivamente un film da loro interpretato.

A volte si tratta di personalità che nulla hanno a che fare con il mondo del cinema, ma scoprono il set cinematografico perché lanciati da qualche programma televisivo o qualche pubblicità che crea il “mito del personaggio”; altre volte questi attori interpretano solo determinati tipi di ruoli, che li costringono a divenire macchiette in balia del prossimo film di routine da girare. Scopriamo insieme due esempi di celebrità conosciute, famose in tutto il mondo, la cui fama risulta però essere eccessiva rispetto alle loro reali capacità dimostrate!

[Leggi anche: Attori che hanno fatto flop commerciali e artistici nel 2014]

Vi è un attore che, in quasi qualsiasi film abbia preso parte, ha condotto l’intero progetto al disfacimento del botteghino! Ancora qualche indizio. Ha interpretato il ruolo di Tim Riggins, campione della squadra di football di liceo, nella serie targata NBC High School Team (titolo originale Friday Night Lights), che ha riscosso un discreto successo, per poi dedicarsi a pellicole come Gospel Hill, del 2007 per la regia di Giancarlo Esposito. Compare anche nel più recente Lone Survivor, del 2013 diretto da Peter Berg. Di chi stiamo parlando? L’attore in questione è Taylor Kitsch! Può essere considerato un dato di fatto, statisticamente parlando, che quasi ogni progetto al quale Kitsch (nome omen, forse... ) abbia partecipato si sia rivelato poco proficuo in termini di incassi. Non importava quanto denaro fosse speso per complesse operazioni di marketing, il verdetto del box office non risultava positivo! Le sue prestazioni attoriali non sono state delle migliori ed il suo ingaggio nella prossima stagione della popolare serie True Detective potrà inspiegabilmente tramutare un concept di straordinario successo in un flop? Staremo a vedere…

[Leggi anche: Attrici famose incapaci di recitare]

Un altro attore hollywoodiano sempre presente sulla scena e collegabile al discorso riguardo quella determinata tipologia attoriale impiegata solo in determinati ruoli preposti è… Adam Sandler. L’attore è volto noto nel panorama della commedia di stampo comico demenziale. Per citare alcuni lungometraggi che lo hanno visto protagonista, si può prendere ad esempio Cambia la tua vita con un click del 2006, oppure Io vi dichiaro marito e… marito del 2007, fino ad arrivare al più recente The Cobbler del 2014. Anche quando Sandler vuole distaccarsi dalla macchietta comica, come tenta di fare appunto con The Cobbler, finisce col risultare privo di espressività originale, lasciando spazio alle solite, viste e riviste, commedie comiche.

Naturalmente si tratta di opinioni diffuse tra chi nutre spesso amori e odi irrazionali nei confronti degli interpreti, che dalla loro hanno comunque una grande professionalità (ma i film a volte sono come le ciambelle... ). Spesso però è  anche importante ricordare il valore aggiunto di chi sta dietro la macchina da presa. Nel caso di Adam Sandler è impossibile non ricordare la sua buona prova in Ubriaco d'amore (2002) di Paul Thomas Anderson, regista considerato ormai trai più bravi del panorama contemporaneo, che proprio quell'anno con quest'opera ottenne il Premio alla Regia al Festival di Cannes.

Categorie generali: 

Facebook Comments Box