Ritratto di Simona Carradori
Autore Simona Carradori :: 27 Settembre 2016

Un video tenta di esplorare il visionario cinema di David Lynch, cercando di far luce sul complesso e sfuggente stile di un regista capace di scrutare l'inconscio dello spettatore attraverso sequenze ed immagini incomprensibili

Inland Empire

Quello di David Lynch è un cinema fatto di elementi e personaggi bizzarri o al limite del grottesco. Nelle sue pellicole possiamo vedere donne dal volto deforme, figure antropomorfe con il corpo umano e la testa di coniglio, misteriosi uomini con il dono dell'ubiquità o inquietanti feti; ma c'è qualcosa che non troverete mai nei suoi film: una via di fuga.

Dal suo mondo, dagli incubi che crea e dal nostro inconscio, nel quale Lynch riesce abilmente a scavare con immagini o sequenze che fanno sentire nudi, mentalmente spogli e alla ricerca di qualcosa che ci rassicuri, che ci dia una tregua dall'incubo in cui siamo immersi, ma che immancabilmente Lynch non ci offre. Il suo cinema è complesso da definire, spiegare e contestualizzare; uno stile talmente unico ed inimitabile da divenire il suo marchio di fabbrica, tanto che ormai il termine "lynchiano" altro non è che un aggettivo usato per descrivere qualsiasi cosa si mostri sfuggente, criptica, contorta ed inquietante.

[Leggi anche: I personaggi più strani che popolano l’universo cinematografico di David Lynch]

Il video-saggista Lewis Bond di Channel Criswell tuttavia ha realizzato un video in cui tenta di far luce sul cinema del regista, sulla sua filosofia e su ciò che si nasconde dietro ai suoi film, provando a dare una risposta a una domanda che molti si sono posti: "Cosa significa David Lynch per il cinema?"

Ecco il video:

Categorie generali: 

Facebook Comments Box