Ritratto di Erika Favaro
Autore Erika Favaro :: 4 Gennaio 2016

Momenti nati dalla creatività e dall'improvvisazione degli attori che non erano previsti dalle sceneggiature

Matthew McConaughey in Wolf of Wall Street

La sceneggiatura, lo sviluppo del personaggio, lo studio del suo carattere, il tentativo di entrare in completa empatia con una personalità che non è la nostra. Ci sono degli attori che riescono a rendere grande un film grazie alle loro interpretazioni, ce ne sono altri che il film lo possono distruggere. A volte accade che un attore entri talmente in sintonia con il proprio personaggio da riuscire anche a creare momenti improvvisati che non erano previsti dalla sceneggiatura, eccone cinque esempi:

Matthew McConaughey in Wolf of Wall Street
Il momento in cui McConaughey comincia a battersi il petto e a mormorare il motivetto musicale non era previsto, è semplicemente il modo attraverso il quale l’attore si prepara ad una scena. Leonardo Di Caprio però lo notò e suggerì di aggiungerlo alle riprese.

Richard Gere in Pretty Woman
Era previsto che Richard Gere tenesse la scatolina della collana aperta affinché Julia Roberts potesse prendere il suo preziosissimo regalo. Lui però per scherzo chiuse improvvisamente la confezione proprio mentre l’attrice stava per prendere il gioiello e quest’ultima scoppiò in una risata fragorosa che il regista scelse di tenere.

Roy Scheider ne Lo squalo
La maggior parte de Lo squalo segue attentamente la sceneggiatura di Peter Benchley, la battuta in cui Roy Scheider (che nel film interpreta il capo della polizia locale) afferma “Ci serve una barca più grossa” però, è stata improvvisata e Spielberg ha deciso di lasciarla.

R.  Lee Ermey in Full Metal Jacket
Il ruolo del Sergente Maggiore Hartman non era previsto, Ermey si trovava sul cast di Kubrick come semplice consulente, ma quando vide gli altri attori in azione scrisse da solo la sua parte e la consegnò al regista.

[Leggi anche: Il caso e la necessità: il cinema secondo Jean-Charles Fitoussi]

Henry Winkler in Happy Days
Il momento in cui il bello e dannato di Happy Days va verso lo specchio per pettinarsi il ciuffo, ma poi decide che è già bello così, fu ideata dall’attore stesso. Winkler ha dichiarato più volte di aver contribuito molto alla caratterizzazione del suo personaggio, rendendolo molto meno bullo e spaccone rispetto a quanto era previsto nella sceneggiatura della serie.

Categorie generali: 

Facebook Comments Box