Ritratto di Marco Rovaris
Autore Marco Rovaris :: 5 Ottobre 2014

Primo caso di Ebola diagnosticato in USA: che scenari hanno dipinto per il pubblico i film catastrofici sui virus e sulle malattie infettive? Un bel filmato di AskMen spiega le differenze tra i fatti reali e gli stereotipi della finzione di Hollywood

Virus movie

L'Ebola è arrivata in USA ed è panico, anche perché l'immaginario delle persone circa virus ed epidemie è largamente influenzato dai film, dove, tra contagio e conseguenze, il dramma prende sempre una piega tendente all'horror di matrice zombie movie piuttosto che rispecchiare le vere procedure e tempistiche previste in caso di epidemie. AskMen ha realizzato un video divertente e istruttivo ipotizzando cosa potrebbe cuocere in pentola nelle menti delle grandi produzioni di Hollywood al pensiero di girare un film sull'Ebola, il virus del momento. Ovviamente l'aspetto farsesco è l'iperbole sottesa a tutta l'operazione, che gioca anche sul fattore mass media americani, scatenatisi questa settimana dopo il primo caso di contagio diagnosticato in patria.

Avvia la prova gratuita su MUBI

"Ebola: Virus Facts Vs. Movie Fiction" è il titolo del filmato, che intende fare chiarezza su quali sono le caratteristiche conosciute del virus Ebola, da non confondere con la finzione dei film sui virus: nel montaggio ci sono frammenti da pellicole come Contagion, Io sono Leggenda, World War Z, Monkey Shines - Esperimento nel terrore, Planet Terror, Virus letale ed Elysium. Il filmato è stato da poco rimosso per i soliti problemi di diritti.

Innanzitutto l'Ebola non trasforma i contagiati in violenti psicotici o in zombie assetati di sangue, cosa che è ormai una certezza nelle epidemie sul grande schermo. La realtà è che i sintomi del contagio dell'Ebola sono di tipo influenzale, con vomito, diarrea e sfoghi cutanei che possono portare alla morte almeno il 90% delle persone infette. In secondo luogo il virus non uccide istantaneamente a differenza dei film nei quali il male distrugge il corpo della vittima alla velocità di un proiettile; l'incubazione dell'Ebola va dai 2 ai 21 giorni, con i sintomi che si presentano entro 8-10 giorni.

[Ti può interessare: Cosa sono virus e batteri?]

Da non dimenticare poi che i medici reali non sono così stupidi o incompetenti come quelli dei film, che dimenticano di chiudere provette o falliscono nelle precauzioni da prendere nelle strutture ospedaliere. E le centrifughe non si aprono se prima non hanno finito il ciclo - come invece si vede in Virus letale -, così come non succederà mai che un uomo provi un vaccino su se stesso, con riferimento all'epilogo di World War Z. Ci sarebbe anche la questione quarantena da rispettare: al minimo sospetto di contagio, nel mondo reale una persona viene immediatamente isolata, senza che possa camminare tranquillamente in corsie di ospedali a spalmare sangue infetto sul viso dei medici, come nella memorabile sequenza di Planet Terror.

[Leggi anche: Gli zombie invadono youtube con la web serie Fuck The Zombies!]

E l'esercito? Non è necessario l'intervento della fanteria e dell'aviazione per sedare la rivolta dei poveri contagiati che non possono permettersi le cure dei ricchi. Almeno, non finché si arriverà alla situazione di Elysium.

Categorie generali: 

Facebook Comments Box