Ritratto di Erika Favaro
Autore Erika Favaro :: 28 Marzo 2016

Da Bill Murray a Julianne Moore, alcuni artisti che non hanno saputo valutare al meglio una proposta o che hanno semplicemente scelto di dire "sì" al cachet

Ben Kingsley

A volte lo dimentichiamo, ma recitare è una professione. Questo vuol dire che, come tutti i lavori, ci sono delle occasioni in cui lo si fa per soddisfazione personale, per passione e con convinzione, altre volte invece si accetta una posizione solamente per la questione economica. Il lavoro che soddisfa sia l’anima che il portafoglio non è sempre così accessibile nemmeno per gli attori (grandi nomi a parte, è chiaro). Vediamo chi non è riuscito a dire di no a qualche ruolo terribile:

Bill MurrayGarfield
Era il 2004 quando qualcuno ad Hollywood decise che era arrivato il momento di fare un film su Garfield, il famoso gatto arancione dei fumetti che adora le lasagne. Non si capisce bene perché Bill Murray abbia accettato di dar voce al personaggio che sicuramente è uno tra i ruoli meno riusciti e brillanti della sua carriera. In Italia la stessa sorte è toccata a Fiorello, entrambi in ogni caso sembrano esserne usciti alla grande lo stesso.

Ben KingsleyLove Guru
Ad Hollywood è facile passare dalle stelle alle stalle, per fortuna anche in direzione contraria. Prendete l’esempio di Ben Kingsley, vincitore dell’Oscar come Miglior Attore nel 1982 per il suo ruolo di protagonista in Gandhi e poi nominato – nel 2008 -  come Peggiore attore non protagonista per aver partecipato alla commedia demenziale Love Guru.

Charlize Theron Un milione di modi per morire nel west
Con il film Ted il regista Seth MacFarlane aveva convinto più di uno spettatore circa la sua capacità di fare cinema e di intrattenere. Purtroppo però la parodia del western Un milione di modi per morire nel west – in cui lui compare come sceneggiatore, regista ed attore – non fa sorridere; come sia riuscito a coinvolgere Charlize Theron però non si spiega. Forse la risposta va cercata nel compenso o in un investimento sbagliato dell’attrice.

Peter DinklagePixels
È strano, perché dopo aver interpretato Tyrion Lannister ne Il trono di spade, viene naturale pensare che un attore possa permettersi di dire di no. Anche il cinema però è fatto di scelte personali, ed ecco che Peter Dinklage ha accettato di partecipare al film in cui si racconta di una New York invasa dai videogiochi tradizionali come Pac-Man e Tetris. Accettò di parteciparvi anche Adam Sandler, un motivo ci sarà stato…

[Leggi anche: Alcuni attori praticamente identici ai personaggi che hanno interpretato]

Julianne Moore e Jeff Bridges - Il settimo figlio
L’adattamento del romanzo fantasy L'apprendista del mago non è un film particolarmente riuscito, lo testimonia anche una percentuale del 12% su Rotten Tomatoes. Sconsigliato a tutti coloro che sperano di ritrovare l’alchimia de Il grande Lebowski in cui entrambi gli attori ci hanno regalato una performance pazzesca.

Tag: 

Categorie generali: 

Facebook Comments Box