Ritratto di Silvia Ricciardi
Autore Silvia Ricciardi :: 17 Agosto 2015

Un tuffo nel passato per rivivere i più grandi successi cinematografici, non di un celebre regista o di un acclamato attore, bensì di un compositore la cui fama è nota a livello mondiale: Ennio Morricone

La colonna sonora di Per un pugno di dollari

Un tuffo nel passato per rivivere i più grandi successi cinematografici, ma non di un celebre regista o di un acclamato attore, bensì di un compositore la cui fama è nota a livello mondiale: ecco la top five dei più memorabili capolavori del cinema western scritti da Ennio Morricone.

Secondo Taste of Cinema al 5° posto si può collocare C’era una volta il West. Correva l’anno 1968 quando Sergio Leone lavorava al suo quinto film da regista. Ennio Morricone era, come sempre, chiamato a musicare i suoi film “Quando inizio un tema in una certa chiave, ad esempio D minore, non mi allontano mai da essa. Se inizia in D minore, il brano terminerà in D minore. Questa semplicità armonica è resa accessibile a tutti”, precisa il compositore, descrivendo i piccoli passi della sua monumentale architettura musicale. In C’era una volta il West due brani hanno tanta potenza d’impatto da divenire entità, quasi personaggi della storia: si tratta della canzone che funge da tema e "L’uomo con l’armonica".

Passando invece al 4° posto, troviamo La resa dei conti, western del 1966 diretto da Sergio Sollima, dove Morricone suggerisce il mirabile suono generato dal galoppo dei cavalli attraverso un semplice quanto suggestivo riff di chitarra. Lo stesso titolo fu ripreso da John Zorn per il suo personale omaggio al maestro, proponendo una reinterpretazione dei lavori del compositore attraverso lo sperimentalismo della sua musica.

Ma il film di Sollima si ricollega facilmente ad un altro celebre titolo western: Il Buono, il Brutto e il Cattivo, dove appunto il Cattivo interpretato da Lee van Cleef è anche uno dei personaggi di La resa dei conti. Con un Clint Eastwood ancora giovanissimo attore, questa pellicola è oggi considerata un capolavoro cinematografico e tale nomea è dovuta soprattutto al prezioso contributo offerto dalla colonna sonora!

La 2° posizione è invece occupata da La battaglia di Algeri, primo film che Morricone gira insieme a Gillo Pontecorvo, il cui tema ridondante è principalmente formato da una marcia militare eseguita da tamburi, un sottofondo in cui il piano ed ottoni possono librarsi creando una tensione crescente che culmina nella feroce battaglia narrata dal film.

Il 1° posto della classifica non può che essere assegnato a Per un pugno di dollari, indimenticabile pellicola del 1964, un altro successo di Sergio Leone che incoronò Morricone come il compositore ufficiale degli Spaghetti Western.

[Leggi anche: Ennio Morricone: "Oggi molti registi hanno paura di una buona colonna sonora"]

Categorie generali: 

Facebook Comments Box