Ritratto di Pierre Hombrebueno
Autore Pierre Hombrebueno :: 13 Febbraio 2015

Da "Wristcutters" di Goran Dukic a "Submarine" di Richard Ayoade, passando per "My Sassy Girl" di Jae-young Kwak e "Les Chansons d'Amour" di Christophe Honoré: ecco alcuni dei migliori film d'amore di questi ultimi anni che forse non conoscevate

Appuntamento a Wicker Park

Avete praticamente esaurito tutti i film più celebri che si guardano solitamente a San Valentino? E stiamo parlando di Harry ti presento Sally, Notting Hill, The Notebook, Titanic, Love Actually, Colazione da Tiffany, Casablanca, Sabrina e di tutti quegli altri titoli che non mancano quasi mai in una qualunque lista delle pellicole più romantiche di sempre. Niente paura, che ora vi consigliamo invece dei film alternativi per la festa degli innamorati, opere di questi ultimi anni che magari non conoscevate, o comunque poco note al grande pubblico. Quindi, prendete carta e penna e iniziate a ritagliare i cuoricini.

Avvia la prova gratuita su MUBI

Ad esempio, se avete voglia di un bell'indie americano, rivolgetevi a In Search of a Midnight Kiss, pellicola del 2007 diretta da Alex Holdridge. Protagonista della vicenda è Wilson, ragazzo semi-depresso intenzionato a passare la notte di capodanno sepolto nel proprio letto; eppure, proprio in quella magica serata farà la conoscenza di Vivian, e il batticuore potrebbe essere dietro l'angolo. Girato in bianco e nero con un budget irrisorio di 25.000 dollari, il film di Holdridge colpisce col suo retrogusto malinconico eppur così tenero, ricordandoci che quel che è importante non è il “per sempre”, bensì “l'adesso”.

Statunitense è anche Wristcutters di Goran Dukic, ambientato in un pseudo purgatorio dove finiscono le persone che si sono appena suicidate. A funzionare non è solo la coppia formata da Shannyn Sossamon e Patrick Fugit, ma anche e soprattutto il romanticismo cool e weird che copre caldamente tutta l'opera, fino a quel finale che potrebbe anche strappare qualche lacrimuccia di commozione.

Per rimanere nel circuito indipendente, date poi un'occhiata a Submarine di Richard Ayoade, love story tanto hipster quanto stilosa. I protagonisti Craig Roberts e Yasmine Paige sono immediatamente da incorniciare; a fare il resto, le musiche composte da Alex Turner in persona, frontman degli Arctic Monkeys. 

In cerca di qualcosa di più commerciale, ecco invece Appuntamento a Wicker Park di Paul McGuigan, con Josh Hartnett e Diane Kruger. Uscito nel 2004, per noi merita assolutamente di stare nelle prime posizioni di qualunque classifica dei migliori romance del decennio, e a tutt'oggi ci chiediamo come possa essere stato così sottovalutato. Fatevi un favore e recuperatelo dovesse crollare il mondo; e prima di accendere la televisione, tenete una mano salda sul cuore. 

E dall'Asia? Imperdibile A moment to remember di John H. Lee, film coreano che oltre ad essere girato con toccante enfasi ed empatia, vi farà anche piangere litri di lacrime fino al collasso. Ancora: per chi volesse invece qualcosa di più comico, My Sassy Girl di Jae-young Kwak potrebbe essere la scelta giusta. Il film ottenne un successo così grande in tutta l'Asia da esser addirittura arrivato fino a Hollywood con un remake diretto da Yann Samuell, ma non fatevi ingannare: l'originale è decisamente meglio, anche solo per l'impareggiabile protagonista Gianna Jun.

[Leggi anche: Il romanticismo sta salvando il cinema filippino]

Ovviamente, alcune perle sono arrivate anche dal vecchio continente. Ad esempio, consigliamo caldamente Gli amanti del circolo artico (Lovers of the Arctic Circle) di Julio Medem, un'evocativo film d'amore che parte dall'infanzia fino ad arrivare all'età adulta. Infine, se puntate a cantare a squarciagola con un insolito musical, allora Les chansons d'amour di Christophe Honoré è la destinazione ideale; nel cast, alcuni dei più carismatici interpreti francesi del panorama, da Louis Garrel e Ludivine Sagnier, passando per Clotilde Hesme e Grégoire Leprince-Ringuet.

Insomma, regalatevi una serata romantica, e buona visione!

Tag: 

Categorie generali: 

Facebook Comments Box