ABBONATI AL CANALE DI INFORMAZIONE LIBERA DI MORRIS SAN

Ritratto di Redazione
Autore Redazione :: 5 Febbraio 2021

Ruben Östlund ha detto a Variety che si è divertito tantissimo a girare "Triangle of Sadness", il suo film più ambizioso fino ad oggi, in luoghi esotici con un cast multinazionale, tra cui Woody Harrelson

Triangle of sadness

Ruben Östlund, il regista di “The Square”, già vincitore della Palma d'Oro, non ha guardato le serie su un divano durante la pandemia. Infatti, dopo aver ricevuto il 2021 Nordic Honorary Dragon Award, ha detto a Variety che si è divertito tantissimo a girare "Triangle of Sadness", il suo film più ambizioso fino ad oggi, in luoghi esotici con un cast multinazionale, tra cui Woody Harrelson.

I 72 giorni di riprese si sono svolti su un'isola deserta in Grecia e a bordo di The Christina O, uno yacht prestigioso i cui passeggeri hanno incluso Winston Churchill, John Wayne, Frank Sinatra e Marilyn Monroe.

Östlund ha ammesso che "in alcune occasioni (lui ei suoi produttori) non erano sicuri di poter finire le riprese" in autunno.

Una sfida chiave è stata quella di far viaggiare il cast da più località, ma in particolare dagli Stati Uniti da dove Harrelson ha volato, nonostante un divieto di viaggio internazionale. "Il personale al gate non ha permesso a Woody di salire sull'aereo. E poi, quando è arrivato, avevamo paura che sarebbe stato rimandato negli Stati Uniti. Abbiamo sentito che poteva succedere di tutto in qualsiasi momento a causa dell'isteria COVID-19", ha detto Östlund, che ha anche aggiunto che la produzione ha effettuato 1.061 test durante le riprese. e tutti erano negativi.

È stata anche una corsa contro il tempo per concludere le riprese sullo yacht prima che le restrizioni sulle riprese entrassero in vigore in Grecia.

"Abbiamo dovuto girare diversi giorni sullo yacht proprio mentre la Grecia stava entrando in isolamento, e sapevamo che se non avessimo potuto finire le riprese sullo yacht, avremmo perso tutto, (inclusa) una grande scena in cui abbiamo fatto saltare tutto in aria! " ha detto Östlund.

Il film vanta un budget di 13 milioni di euro (15,6 milioni di dollari). “È un film costoso. Abbiamo un cast con attori di otto nazionalità diverse, abbiamo catturato il mondo della moda e stiamo facendo esplodere le cose in modo spettacolare, incluso lo yacht (che ha) un divertente valore simbolico”, ha detto il regista.

Östlund ha anche notato di essersi divertito molto a lavorare con Harrelson, che ha descritto come una "persona fantastica" e "socialista al 100%" dalle "molte discussioni politiche" che la coppia ha avuto durante le riprese.

In “Triangle of Sadness”, Harrelson interpreta un marxista rabbioso che è il capitano di una crociera per super ricchi. Lo yacht affonda, lasciando i sopravvissuti, tra cui una coppia di celebri modelle, abbandonate su un'isola.

È famoso da quando aveva 20 anni e ora ne ha 60… è una superstar ma non si comporta in quel modo. È una persona molto socievole e ci siamo divertiti così tanto a girare questo film. L'ho anche spinto come spingo qualsiasi altro attore", ha detto Östlund, la cui società, Plattform, ha prodotto il film con Coproduction Office ed Essential Films.

Harrelson recita al fianco di Harris Dickinson (“Maleficent: Mistress of Evil”), Charlbi Dean, Vicki Berlin, Dolly De Leon e Zlatko Buric, tra gli altri.

Östlund, noto per il suo acuto senso dell'osservazione, non ha ancora finito di esplorare la natura umana in situazioni estreme. Attualmente è alle prime fasi di sviluppo di “The Entertainment System is Down”, un progetto di lungometraggio ambientato a bordo di un volo a lungo raggio e ispirato al romanzo distopico di Aldous Huxley “Brave New World”.

"In un mondo controllato da sistemi di intrattenimento avanzati, ci sono persone bloccate su un lungo volo senza schermi da guardare. Sono curioso di vedere se le persone inizieranno a parlarsi o cosa succederà", ha detto.

Östlund ha aggiunto che il film sarebbe come un laboratorio sperimentale che esamina il comportamento umano da diverse prospettive. Un aspetto a cui è particolarmente interessato sono le cosiddette “furie aeree” tra i passeggeri. “I vuoti d'aria sono incontrollabili e considerati un pericolo, quindi quando si verificano, l'aereo deve atterrare. È interessante notare che le violenze aeree sono più frequenti quando i passeggeri in classe economy salgono a bordo della business class", ha scherzato Östlund.

L'audace regista ha detto, andando avanti, che punta a continuare a fare film con i suoi partner di produzione europei, che siano o meno in inglese.

"Mentre stavamo preparando questo tributo per il Festival di Göteborg con [il suo direttore artistico] Jonas Holmberg, è stato divertente perché ho potuto guardare indietro al mio corpo di lavoro, al mio approccio sociale quando guardavo al comportamento umano e voglio che questo rimanga il mio principale focus", ha detto Östlund, a cui sono stati offerti diversi progetti da Hollywood da quando ha vinto la Palma d'Oro per "The Square" nel 2017.

Östlund ha anche affermato di avere un legame speciale con il Goteborg Film Festival svedese, dove ha fatto i suoi primi passi nel mondo del cinema nel 1998. “È come una squadra di calcio per cui tifi, o dei vecchi parenti. Provo lealtà nei loro confronti; hanno reso il cinema qualcosa di vivo e interessante, e sono una parte importante del motivo per cui sto facendo quello che sto facendo".

Fonte: Variety

Categorie generali: 

Facebook Comments Box

Per condividere o scaricare questo video: TV Animalista