Ritratto di Claudio Mundo
Autore Claudio Mundo :: 28 Aprile 2015

Il gusto in fatto di cinema è opinabile, lo sappiamo tutti. Ma scoprire i 10 film (bizzarri) preferiti da Kubrick, Scorsese, Hitchcock, Tarantino, von Trier e altri, non potrà che coglierci di sorpresa!

Stanley Kubrick

Ognuno di noi ha il proprio gusto cinematografico. Lo stesso film, per qualcuno può essere arte inestimabile e per qualcun altro spazzatura. Il tutto avviene in un modo difficilmente prevedibile. Si potrebbe pensare che forse chi lavora nel cinema e ne fa la propria arte espressiva, potrebbe avere dei gusti personali un po’ più prevedibili. Ma forse non è proprio così. I grandi registi hanno anche loro bizzarre predilezioni come chiunque altro. Diamo un’occhiata a qualche esempio!

1. Palma d’Oro a Cannes, Orso d’Oro a Berlino, 3 volte in nomination per l’Oscar, Terrence Malick (The Tree of Life, La sottile linea rossa) ha un debole per Zoolander. Un filo che lega la meditazione, l’esistenzialismo, la ricerca di uno spazio nel mondo alla demenzialità pure “made in Ben Stiller”.

2. Depressione, nichilismo, violenza, apocalisse, dipendenza sessuale, mutilazione genitale. Associate questi temi a un film e scoprirete il minimo comun denominatore: il guru danese Lars von Trier. Immaginiamolo insieme mentre canticchia e si immedesima nel suo musical preferito, West Side Story.

3. Quentin Tarantino è forse più eclettico e imprevedibile come regista che come spettatore. Fra i suoi film preferiti c’è Psycho: la sorpresa, però, è che non stiamo parlando del classico di Alfred Hitchcock ma del seguito del 1983 ad opera di Richard Franklin.

4. La commedia drammatica Chi non salta bianco è (Ron Shelton, 1992) era uno dei film preferiti di Stanley Kubrick, l’autore "totale" che ha creato capolavori in ogni genere cinematografico dalla fantascienza, all’horror, alla guerra, allo storico.

5. Uno dei totem del cinema d’azione, Michael Mann (Heat, Insider - Dietro la verità, Nemico pubblico) va pazzo per Avatar, a suo dire “mitico, brillante, coinvolgente”.

[Leggi anche: Classifica: 100 registi scelgono i 100 migliori film della storia del cinema]

6. Nicolas Winding Refn. Si veda il punto 2, considerata anche la comune nazionalità danese con Lars Von Trier. Anche Refn passa da sangue e violenza estrema alla commovente e lacrimosa commedia svedese My Life As A Dog.

7. Paul Thomas Anderson (Magnolia) impazzisce per Men in Black 3: questione di generazioni.

8. Martin Scorsese, una delle più vaste enciclopedie cinematografiche esistenti al mondo, preferisce il sequel di L’esorcista che, a suo parere, supera il primo. E se lo dice lui, c’è da credergli.

9. George Andrew Romero, il regista statunitense del terrore (La notte dei morti viventi e tanti altri) non sa proprio dire di no al musical fantastico I racconti di Hoffman.

10. Alfred Hitchcock non ha bisogno di presentazioni, ma il suo preferito Il bandito e la “Madama” sì. Secondo la figlia Patricia, Hitchcock aveva una certa passione per il cinema cosiddetto commerciale.

Categorie generali: 

Facebook Comments Box