Ritratto di Redazione
Autore Redazione :: 3 Maggio 2017

Le buone sceneggiature hanno pochi errori. Ecco perché è bene individuarne il più possibile. Nel video di oggi sono ben 39

Jen Grisanti

Le  buone sceneggiature hanno pochi errori o forse nessuno, ma non è questo il punto. L a cosa che conta è invece individuarne il più possibile. Nel video di oggi sono ben 39. Non è che sia una indicazione assoluta; potrebbero esserci sceneggiature all'apparenza abbastanza buone, ma soltanto per un pubblico che si accontenta di quello che passa il convento... E qui non vogliamo citare alcuni titoli recenti che ci vengono in mente.

Il video di oggi è interessante (anche se non sottotitolato, ma lo consigliamo perché dura pure più di un'ora) perché raccoglie i suggerimenti di molti professionisti dello script. Si tratta di una miriade di opinioni e consigli, che possono sembrare in alcuni casi banali, ma è sempre meglio concentrarsi e riflettere su ogni minimo dettaglio quando si scrive una sceneggiatura. Peraltro, ricordatevi che le grandi sceneggiature sono il risultato di un lavoro aperto dove ci sono i contributi di molte persone.

Tra i vari errori troviamo quelli che riguardano la scelta del racconto e del genere in cui si svolge. Toglietevi dalla testa di scrivere un horror se il genere non vi piace.

Altro importante fattore, sottolineato da più parti, è la connessione tra chi scrive e la storia. State certi che quando esiste il coinvolgimento emotivo, quella storia sarà descritta meglio di altre. Insomma, ricorrete al vostro vissuto se pensate che possa essere interessante per tutti.

Un altro elemento che riteniamo importante è la sorpresa. Sì, insomma quelle storie tutte telefonate proprio non riusciamo a digerirle. Soprattutto nel cinema di oggi cerchiamo di non ripetere per l'ennesima volta i sentieri di una storia già vista mille volte. In alcuni casi questo non vuol dire che non possiamo riprendere una storia già raccontata, anzi proprio il confronto con una fonte (letteraria, ma non solo) può essere di grande stimolo.

Altro importante suggerimento è costruire personaggi che non siano bidimensionali. Tutto il successo delle varie serie tv sta oggi nella creazione di personaggi elaborati, che poi trovano nella lunghezza della serie la possibilità di rivelare allo spettatore tante sfaccettature e sfumature psicologiche del loro carattere.

Ricordatevi infine, è il suggerimento numero 29, di non vergognarvi nello sviluppare la vostra voce ed il vostro stile. Insomma, un po' di ottimismo e fiducia aiutano sempre. Buona visione!

Categorie generali: 

Facebook Comments Box