Presentazione

Nata a Forlimpopoli nell'orwelliano 1984, subisco fin dalla tenera età l’interesse di mio padre per il cinema e condivido con lui molte serate davanti allo schermo: «Luke, io sono tuo padre!» è la prima, scioccante battuta che ricordo di quegli anni. Tredicenne, resto segnata a vita dalla visione di Amadeus: da allora maturano in me i germi di un amore imperituro per il cinema, il Settecento e l'approfondimento storico (e Miloš Forman). Questo insondabile richiamo si sarebbe tradotto molti anni dopo nella collaborazione con BILLY – Rivista Cinematografica Romagnola, in una tesi di laurea specialistica sulla relazione fra cinema e arte del XVIII secolo, e infine in un blog attraverso cui proseguo la mia ricerca. Ma prima di essere definitivamente assorbita dalla passione per la storia dell'immagine, scelgo di esplorare altre dimensioni con una laurea in Storia, culture e civiltà orientali. Dopo un percorso professionale nel campo del marketing e della comunicazione in ambito culturale, approdo presso un’agenzia pubblicitaria forlivese, dove sto seguendo la strada del copywriting. Coltivo gli interessi più disparati, sui quali mi documento spasmodicamente: dalla profumeria creativa alla condizione femminile nella Storia, dalla pittura al fumetto. Il découpage è la mia ancora di salvezza manuale per compensare il lavorio della mente. Erwin Panofsky è il mio nume tutelare e sono persuasa che Watchmen di Alan Moore costituisca un ultimo esempio di grande letteratura.

Facebook-profile-Chiara-Tartagni

Google-profile-Chiara-Tartagni

Twitter-account-Chiara-Tartagni

Linkedin-profile-Chiara-Tartagni