Ritratto di Marco Rovaris
Autore Marco Rovaris :: 3 Aprile 2014

Da una storia vera conosciuta in tutta la Cina nasce l'idea di "Children", dramma diretto da Peter Chan che si incastra nel filone contemporaneo del dramma sul rapimento di bambini.

Peter Chan Ho-sun si riunisce con Tong Dawei e Zhang Ji, rispettivamente la star e lo sceneggiatore del suo successo American Dreams In China, per un nuovo progetto che gravita intorno a genitori che vengono separati dai figli, seguendo il filone del dramma sul rapimento di bambini. Squadra che vince non si cambia, come si dice, soprattutto quando si è reduci da un incasso casalingo di 95 milioni come quello del sopracitato "American Dreams".

Chan raduna un cast giovane e promettente, investendo così su una nuova generazione di attori cinesi: Zhao Wei (Red Cliff) Huang Bo “(Lost In Thailand”,) Hao Lei (Summer Palace) e Zhang Yi (Beijing Love Story).

Il film, che non ha ancora un titolo inglese - malgrado il titolo originale cinese (親愛的小孩) si traduca Dear Children - entra in fase di produzione proprio questa settimana. La trama si ispira a una storia vera e nota a tutto il mondo cinese: infatti prerogativa del regista è tornare a temi più vicini alla sua gente, dopo aver cavalcato, in un paio di recenti occasioni, grossi budget.

Per Children la somma a disposizione è di 12 milioni di dollari, per la produzione di Chan e Jojo Hui Yuet-chun, con Sun Li (Wu Xia) a curare la scenografia, Dora Ng (Bodyguards And Assassins) ai costumi e Shu Chou (Piano In A Factory) come direttore della fotografia. Il film nasce come co-produzione tra Cina e Hong Kong tra Chan’s We Pictures, China Vision Media Group, Stellar Mega Films, Enlight Media e Happy Pictures Culture Communication, con We Distribution a curare la distribuzione internazionale.

Categorie generali: 

Facebook Comments Box