Ritratto di Pierre Hombrebueno
Autore Pierre Hombrebueno :: 26 Settembre 2015

Dai pugni di Robert De Niro in "Toro Scatenato" alle scene sballate di "The Wolf of Wall Street", ecco il meglio dei ralenti di Martin Scorsese raccolti in un video di 3 minuti. Buona visione!

Toro Scatenato di Martin Scorsese

Ottimo il video propostoci oggi da indieWIRE, dedicato ad un maestro assoluto della settima arte, niente di meno che Martin Scorsese. Ora, in oltre 50 anni di carriera Scorsese ha ormai consolidato pienamente il proprio stile e la propria visione; diversi i tratti ricorrenti del suo cinema, ma forse uno in particolare risalterebbe all'occhio persino dello spettatore meno preparato: l'uso costante del ralenti. Questa meravigliosa capacità che hanno i cineasti di rallentare il tempo, suscitando le emozioni più disparate. Una tecnica che, comunque, rimane assolutamente delicata: un ralenti di troppo, infatti, potrebbe facilmente risultare in un'eccessiva enfasi vicina al ridicolo involontario, e in proposito possiamo trovare infiniti casi tra i zuccherosi melodrammi hollywoodiani. 

Oggi, sono diversi i cineasti a ricorrere regolarmente al ralenti, da Michael Bay a Zack Snyder; eppure, l'uso che ne fa Scorsese rimane certamente più particolare e personale. Differentemente da altri, infatti, l'autore non usufruisce del ralenti solo per dilatare l'azione e il dramma, ma anche anche per accrescere la soggettività dei suoi protagonisti, la maniera in cui vedono e percepiscono il mondo. Qualche esempio? La scena rallentata della partita a ping pong di The Wolf of Wall Street cerca di mostrarci quanto siano fatti e fusi i personaggi, mentre i flashback e le allucinazioni di Leonardo DiCaprio in Shutter Island altro non fanno che porre attenzione alla sua pazzia. 

[Leggi anche: I 39 film stranieri (non americani) che dovreste vedere secondo Martin Scorsese]

Ma se questi sono lampanti, alcuni tra i migliori ralenti di Scorsese rimangono decisamente quelli che passano in maniera impercettibile: ecco l'entrata in scena di Johnny Boy in Mean Streets, la Betsy di Taxi Driver mentre è osservata in lontananza da Travis, la spensieratezza della gang di Chi sta bussando alla mia porta, gli spari di Tommy DeVito in Quei bravi ragazzi, la passione di Gesù in L'ultima tentazione di Cristo, lo sguardo fugace di Max Cady in Cape Fear – Il promontorio della paura, e tanti altri ancora . 

Insomma, non vi rimane che guardarvi il video sul sito di indieWIRE: buona visione!

Categorie generali: 

Facebook Comments Box