Ritratto di Pierre Hombrebueno
Autore Pierre Hombrebueno :: 30 Aprile 2016

Inutile fare i romantici e negare l'evidenza: un artista non si sfama componendo poesie o scrivendo sceneggiature al chiaro di luna; lo fa vendendo la propria opera. Ecco qualche consiglio basilare per guadagnare un po' di soldini...

Come guadagnare con un film

Sognate di diventare un regista? Allora le opzioni sono due: o siete abbastanza ricchi di famiglia da poter fare cinema come puro hobby e sfizio da togliersi ogni qualvolta se ne ha voglia, oppure, dovete seriamente iniziare a capire come fare dei soldi coi vostri film. Inutile fare i romantici e negare l'evidenza: un artista non si sfama componendo poesie o scrivendo sceneggiature al chiaro di luna; lo fa vendendo la propria opera, sia essa un libro, un dipinto, una canzone o un film. Ma come fare per riuscire a fare seriamente un po' di soldini? Ecco qualche consiglio:

FATE BEI FILM
Questa è, davvero, la prerogativa essenziale. Tassativo fare – come direbbe Quentin Tarantino - “un cazzo di bel film”. Considerate che sarà già davvero difficile, per un cineasta indipendente, riuscire a fare dei soldi con dei film belli, immaginate un po' coi film brutti! Se siete abbastanza svegli da capire da voi che la vostra pellicola non è granché, allora non cercate nemmeno di venderla.

NON FATE UN FILM A MENO CHE NON SAPPIATE A QUALE NICCHIA RIVOLGERVI
Lo sappiamo ormai bene: per i cineasti un po' squattrinati, le nicchie sono fondamentali. Prima ancora d'iniziare a girare qualcosa, bisogna già avere in mente un proprio pubblico, una fetta di audience che sarebbe disposta a sborsare soldi per vedere la vostra opera. Fate un film gay per la comunità GLBT se siete portati verso quelle tematiche; realizzate uno splatter per i fanatici del genere, se invece amate il sangue; e così via. L'importante, insomma, è avere chiaro in mente un target di spettatori.

SAPPIATE ORIENTARVI NEL PANORAMA FESTIVALIERO
Ovvero: evitate tutte quelle manifestazioni che non vi danno un briciolo di soldo. I festival, ormai lo sappiamo, sono pressoché infiniti, e per di più, moltissimi sono disposti a pagare quel minimo di denaro per proiettare la vostra pellicola. Per questo il primo punto rimane fondamentale: se avete fatto un brutto film, non vi selezioneranno! 

[Leggi anche: Video: Scorsese, Tarantino, Herzog e altri danno consigli ai giovani e aspiranti registi]

SAPPIATE SFRUTTARE AL MASSIMO CIÒ CHE OFFRE INTERNET
Siti web, social network, canali di streaming e vod (da Youtube a Vimeo): sono tutti vosti alleati nella promozione del vostro lavoro. Perché prima ancora di poter invogliare l'audience a guardare un film, bisogna innanzitutto fargli sapere che questo film esiste!

Categorie generali: 

Facebook Comments Box