Abbonamento Annuale Completo al canale di informazione libera

Ritratto di Redazione
Autore Redazione :: 28 Aprile 2021

Quali sono i segreti che avresti voluto imparare prima di diventare un regista? Come trasformare la passione per il cinema in attività professionale? I consigli di Usher Morgan nel suo libro Lessons from the Set: A DIY Guide to Your First Feature...

Come fare film: I consigli di Usher Morgan

Fare film per vivere è qualcosa a cui aspirano molti registi. Avere la libertà di scrivere, dirigere e produrre lungometraggi e poi distribuirli al cinema o direttamente in video su base coerente è il sogno finale per la maggior parte, ma è anche motivo di frustrazione e ansia per molti.

Il costo associato alla realizzazione di un film, insieme alla pressione e all'abilità artistica richieste, e l'obbligo di aderire a budget e programmi folli, possono rivelarsi un'impresa impegnativa che molti artisti ritengono vada oltre le loro capacità. Inoltre, ci si aspetta che i registi abbiano una conoscenza approfondita del "mondo degli affari", dove i film vengono commercializzati, distribuiti e immessi sul mercato (e, si spera, realizzano un profitto).

Tuttavia, questo mondo sembra esistere al di fuori dell'eccitante regno del "cinema indipendente" perché, francamente, non è così eccitante e quindi non se ne parla spesso. 

Come funziona la distribuzione
Ci sono due modi in cui i registi indipendenti possono ricavare i propri guadagni da questa attività.

Possono fare un film e venderlo a un distributore
Possono fare un film e venderlo da soli

Tuttavia, quando la maggior parte dei registi pensa alla prospettiva di realizzare e vendere il proprio film, opterà per l'opzione uno. Lo invieranno ai principali festival cinematografici nella speranza che durante il circuito, il loro film raggiunga un accordo con un distributore capace che mostrerà interesse ad acquistarlo. Se il distributore è grande, potrebbe ottenere un'uscita nelle sale e potrebbe seguire una buona quantità di denaro. Saranno presenti sulla stampa, saranno corteggiati dagli agenti e avranno un tempo più facile per ottenere i finanziamenti per il loro prossimo progetto - e la vita sarà grandiosa!

E se il distributore è piccolo, il film andrà direttamente su DVD / VOD / Blu-ray, e faranno un po' meno soldi e forse dovranno lavorare un po' di più per mettere in fila il loro prossimo film e il prossimo... che sarà la grande occasione che stavate aspettando! 

Prendi uno di questi registi e offri loro l'opportunità di distribuire i propri film, e ti diranno infuriati, "Non sono interessato a fare marketing o gestire le vendite. Il lato commerciale del cinema non è qualcosa che mi interessa veramente. Voglio concentrarmi sulla realizzazione di film e lasciare che altre persone si preoccupino di venderli".

Non c'è niente di sbagliato in questo approccio, è, come dice il nome, un approccio - è solo un modo di fare le cose. In effetti, è l'approccio ideale per una grossa fetta della popolazione dei registi.

Tuttavia, cosa pensi che succederà se prendi lo stesso regista e gli dai un circuito di festival "di scarso successo"? Significa che il loro film è stato accettato nei festival, ma nessuno si è preso la briga di comprarlo; nessuno lo ha concesso in licenza o ha mostrato alcun interesse a distribuirlo. Bene, ora questi stessi registi sono in "modalità panico". Alla fine arriveranno a firmare un accordo con una "società di distribuzione di film online" e il loro film molto probabilmente morirà nell'oscurità. 

Questi distributori di film indipendenti online sono il tipo che metterà il tuo film su VOD e lo lascerà lì per sette anni senza fare un tocco di marketing o promozione. Si definiscono "società di distribuzione cinematografica", ma in realtà sono più simili a editori di libri di vanità.

Sono "mediatori di film", nel senso che ingeriscono il tuo film, lo caricano su iTunes, Amazon, Xbox, Google Play e altri canali VOD tramite un aggregatore (a cui anche tu, come regista, hai accesso) e inviano un comunicato stampa tramite il loro sito web e canali di social media, e questo è praticamente tutto. 

L'offerta che ricevi quando firmi il contratto è di solito $ 0 in anticipo ma il 30% del netto, e sei sicuro di avere un distributore e che il tuo capolavoro vedrà finalmente la luce. Un mese dopo, il film esce per VOD, e questo "distributore" non ha messo un centesimo in P&A (stampa e pubblicità). Non hanno commercializzato il film, non lo hanno venduto , non hanno costruito un piano di marketing per questo e non intendono spingerlo, promuoverlo o venderlo. Riceve pochissime recensioni dai fan indipendenti che potrebbero comprarlo online e, dopo due anni di vendite, non hai ancora visto un centesimo, perché il distributore aveva "spese di marketing" che ti impedivano di vedere effettivamente un profitto. 

Che tu ci creda o no, questa è la triste realtà che molti registi indipendenti devono affrontare dopo aver passato anni della loro vita a impegnare i loro cuori e le loro anime nella realizzazione dei loro film indipendenti. Sperano e pregano che venga raccolto durante il circuito dei festival e sono disposti a rinunciare ai loro diritti per farlo perché il pensiero di lasciare il circuito dei festival senza un accordo è terrificante.

Il gioco dell'autodistribuzione
È qui che entra in gioco lo stato attuale della distribuzione di film fai-da-te.

Alcuni registi che non sono riusciti a vendere il loro film a un festival cinematografico e non sono interessati a cedere i propri diritti a un distributore di vanità direbbero "al diavolo". Aggireranno l'intermediario e invieranno il film all'aggregatore da soli.

Se non possono permettersi le tariffe di iTunes, lo invieranno direttamente a Media on Demand e Video Central di Amazon (servizi gratuiti che ti consentono di vendere il tuo film su Amazon in entrambi i formati VOD e DVD / Blu-ray) e altre alternative servizi come Vimeo on Demand fino a quando non possono permettersi il costo di venderlo su iTunes.

Va tutto bene e va bene, ma c'è un grosso difetto nella loro strategia, che è: non ne hanno uno.

Una grande percentuale di registi indipendenti che scelgono di distribuire autonomamente i propri film non ha in mente alcun piano di distribuzione o marketing. Non sanno cosa stanno facendo, quindi o si spenderanno fino alla morte cercando di commercializzare il film, o lo metteranno su Amazon senza marketing e si arrabbieranno quando il film non riesce a vendere. 

I registi indipendenti che si guadagnano da vivere con la loro arte non si trovano da una parte o dall'altra dello spettro: è sbagliato dire che se vuoi guadagnarti da vivere con i film, devi distribuire i tuoi contenuti. È anche sbagliato dire che dovresti concentrarti solo sulla tua arte e lasciare l'attività di distribuzione cinematografica ad altre persone. Ecco dove esperti di business di base devono entrare in gioco. 

Mi ci è voluto molto per realizzare il mio primo lungometraggio, Pickings. L'abbiamo girato per 35 giorni nel corso di un anno, e dopo un anno di incarichi di fotografia principale, condito con tutti i tipi di problemi e ostacoli di produzione, il nostro servizio si è concluso (contro ogni previsione) e abbiamo dovuto affrontare un lungo processo di post-produzione per finirlo.

Per farla breve, ha avuto un circuito di festival di successo che non ha portato a una "vendita" e sono stato messo nella stessa posizione di migliaia di registi indipendenti prima di me. Cedo i miei diritti a un distributore gratuitamente? O provo a venderlo da solo?

Ho deciso di optare per l'auto-distribuzione strategica. Il film è stato ripreso da AMC Independent, ampiamente promosso e distribuito nelle sale di sei grandi città. E ricevuto ampi consensi in periodici come il Los Angeles Times e Film International Journal , e attualmente ha un punteggio di 80% su Rotten Tomatoes.

Pochi mesi dopo la sua uscita nelle sale, il film è stato venduto in Giappone, Cina, Germania e un paio di altri territori e ha già recuperato una grossa fetta del suo costo. Dal momento che non avevo investitori - ogni centesimo sta tornando alla mia società di produzione, che ora è al lavoro sul mio secondo lungometraggio - posso dire che ora sto facendo film "per vivere". Guadagno il 100% delle mie entrate e non devo condividerlo con un piccolo, insignificante "distributore di vanità" che avrebbe lasciato morire il mio film nell'inferno VOD. 

Immagino che la cosa da tenere a mente quando si decide di entrare nel mondo del cinema indipendente è che tu sia, in effetti, indipendente. Significa che non sei legato a niente o a nessuno. Non sei limitato a una singola strategia, non hai un impegno precedente nei confronti di sindacati o altro e non sei tenuto a battere i record al botteghino. Lavori in modo indipendente; sei un artista imprenditoriale che lavora nel settore dell'intrattenimento ei tuoi prodotti sono film. 

Entra in Lessons from the Set
Quando ho intrapreso la realizzazione del mio primo lungometraggio, mi sono reso conto che dovevo produrre un'opera d'arte in modo finanziariamente responsabile e prendere decisioni che riflettessero il mio senso degli affari, riflettessero il mio talento e corrispondessero alle mie ambizioni. Questo, per me, era un ossimoro, ma come ho capito, era anche la descrizione del lavoro.

Il tuo lavoro come regista è esprimere il tuo spirito artistico ponendo allo stesso tempo rigide limitazioni a te stesso e trovando modi creativi per aggirare questi limiti. È raccontare una storia in modo efficace senza superare il budget. È per creare un'opera d'arte divertente per la quale la gente vorrebbe pagare e guardare ancora e ancora e ancora.

Come regista indipendente, puoi sentirti come se fossi diviso tra "affari" e "arte". L'elemento finanziario ti limita e la tua creatività ti libera. Hai un sogno da un milione di dollari, ma solo $ 50.000 con cui lavorare. È qui che entra in gioco il mio libro .

Ho avuto la fortuna di nascere con uno spirito imprenditoriale e di aver maturato un certo senso degli affari nel corso degli anni, ed è stato questo senso degli affari che mi ha salvato il culo quando è arrivato il momento di vendere e commercializzare il mio primo lungometraggio. È stato il relativo successo di quel film che mi ha dato la fiducia necessaria per mettere nero su bianco il mio know-how, compilare i numerosi appunti che ho preso nel corso degli anni e pubblicare un libro che insegna ai cineasti pieni di speranza le strategie della vita reale per guadagnarsi da vivere in questo settore e di mescolare l'arte con il business. 

Lessons from the Set è una guida completa alla regia che adotta l'approccio "fai da te" di un cinefilo alla produzione e alla distribuzione di film indipendenti a basso budget. Copre l'approccio fai-da-te più efficace per scrivere, dirigere, produrre e distribuire un film a un vasto pubblico, vincere premi, ottenere recensioni, ottenere stampa e costruire le basi per il tuo prossimo lungometraggio.

Offre preziose informazioni sul processo, dall'inizio (l'idea) fino alla fine (distribuzione e vendite all'estero); dalla sceneggiatura alla programmazione; dalla pre-produzione alla post-produzione; dalla redazione di assegni al trattare con compagnie di assicurazione; assumere attori; risolvere problemi; creazione di piani di marketing, piani di distribuzione e piani di social media; trattare con i sindacati e assicurarsi un'uscita nelle sale.

Fondamentalmente, tutto ciò che dovrai sapere sul processo, ogni lezione che ho imparato lungo il percorso e tutto ciò che avrei voluto sapere quando ho iniziato a lavorare in questo settore.

Se vuoi avventurarti nel mondo del cinema indipendente a basso budget, le informazioni presentate in Lezioni dal set ti salveranno la vita! È una guida essenziale per chiunque voglia raccontare storie e fare film per vivere.

Fonte: NoFilmSchool

Categorie generali: 

Facebook Comments Box

Per condividere o scaricare questo video: TV Animalista