Ritratto di Pierre Hombrebueno
Autore Pierre Hombrebueno :: 26 Maggio 2014

Dopo aver vinto la Palma D'Oro all'ultimo Festival di Cannes, Winter Sleep di Nuri Bilge Ceylan uscirà in Italia grazie alla Lucky Red e la Parthénos Distribuzione. Il film è un'odissea di 196 minuti su dei rapporti umani in fallimento

Nuri Bilge Ceylan, Palma d'Oro a Cannes per Winter Sleep

Winter Sleep di Nuri Bilge Ceylan, Palma d'Oro all'ultimo Festival di Cannes, ha finalmente un distributore italiano. A portare la pellicola nel nostro territorio saranno la Parthénos e la Lucky Red, da sempre impegnati nella divulgazione di film d'autore capaci d'incontrare il gusto del pubblico. La loro ultima collaborazione è stata per Ida di Pawel Pawlikowski, che ha raccolto recensioni positive da gran parte della critica. Non è ancora stata annunciata la data precisa per Ceylan, ma noi ne prevediamo l'uscita per il prossimo autunno, come già accaduto con la precedente Palma, La vita di Adele (Abdellatif Kechiche). 

L'ultimo lavoro dell'autore turco, che arriva 3 anni dopo C'era una volta in Anatolia, è un'odissea di 196 minuti che ruota attorno ad Aydin, proprietario di un piccolo albergo assieme alla propria moglie Nihal e sua sorella Necla. I 3 sono avvolti da incurante tristezza, e con l'arrivo dell'inverno, l'albergo diventa contemporaneamente un luogo in cui proteggersi e una prigione dove far scoppiare le proprie frustrazioni. Rivela Jane Campion, presidentessa di giuria a Cannes: “Quando ho letto il riassunto di Winter Sleep e ho visto la sua durata, ho avuto un po' di paura. Ma il film ha un ritmo così meraviglioso che ne sono rimasta catturata. E' un film ben fatto, molto sofisticato, con molta intelligenza, ed è per questo, fra l'altro, che ha ottenuto la Palma d'Oro”. Soddisfattissimo anche Ceylan, ovviamente: “Mi sento un po' strano. Ho già ricevuto tanti premi, diversi a Cannes, ma questa è la Palma d'Oro. Quando ho scritto la sceneggiatura, non ho pensato all'aspetto commerciale, l'ho scritto come un romanzo senza pormi domande e sono rimasto sorpreso quando mi sono reso conto di quanto fosse lungo. Ma i personaggi mi hanno convinto ad optare per una durata molto lunga. E quello che mi motiva a fare film è l'esplorare il lato oscuro dell'anima umana”.

La pellicola uscirà in Italia forte del sostegno da parte della critica italiana. Secondo Mauro Donzelli di Coming Soon, “Ceylan realizza il suo film più riuscito, verbosissimo ma ipnotico, che si nutre di pesanti ambizioni senza cali di tono”, mentre per Valerio Sammarco di Cinematografo è “un poetico sonno invernale di massacrante bellezza”. 

Tag: 

Categorie generali: 

Facebook Comments Box