Ritratto di Marco Rovaris
Autore Marco Rovaris :: 9 Luglio 2014

Ospiti di un certo livello al Giffoni FilmFest 2014: il Professor Severus Alan Rickman, Richard Gere e Lea Michele di Glee. Il direttore artistico parla dell'imminente costruzione della Giffoni Multimedia Valley, complesso con campus, museo e cinema

Lea Michele a Giffoni FilmFest

Grandi ospiti sono attesi al Giffoni Film Festival di quest'anno: Alan Rickman, Richard Gere e un trio di giovanissime star di Hollywood faranno infatti sognare il pubblico dell'evento e non solo, visto che il Giffoni è l'unico evento dove i bambini possono anche essere parte della giuria e anch'essi prenderanno parte alla crescita di un progetto che vuole espandersi sempre di più e portare a compimento la storica idea di creare una Giffoni Multimedia Valley.

Alan Rickman, noto ai più piccoli per il ruolo del Professor Severus Snape nell'infinita saga di Harry Potter, sarà onorato con un premio ala carriera intitolato a Francois Truffaut e giungerà nella cittadina del Sud Italia unendosi ai nomi cinque stelle che hanno calcato il palco dell'evento, che l'anno scorso ha avuto tra gli ospiti, per esempio, Jessica Chastain. I tre nomi per giovani attesi alla quarantaquattresima edizione del Giffoni Film Festival sono Matt Bomer, l'attore noto per White Collar e The Normal Heart di produzione HBO, Lea Michele, protagonista di Glee, e Dylan O'Brian di Teen Wolf. I ragazzi terranno delle speciali masterclass con più di 3.500 giurati giovanissimi che vanno dai 3 ai 25 anni e che provengono da 52 nazioni, comprese Azerbaijan e Libano (per la prima volta dallo scorso anno).

Questa singolare giuria dichiarerà i vincitori tra una lista di più di 100 titoli da 82 paesi, con la speciale anteprima di The fault in Our Stars di Josh Boone. Ci sarà anche una succulenta maratona dedicata alla Marvel, che includerà Iron Man 3X-Men: Days of Future PastThor: The Dark WorldCaptain America: The Winter Soldier e The Avengers. Il Giffoni FilmFest è spinto anche da un impressionante seguito sui social media, dagli 81.000 fan su Facebook ai 33.000 su Twitter, dei quali il direttore artistico Claudio Gubitosi è più che fiero; come è felice di pronosticare per settembre l'inizio della costruzione della famosa Valley. Questa dovrebbe comprendere un museo del cinema e una library, due cinema da 500 posti ciascuno, un cinema open-air, un campus con 500 posti letto e, molto probabilmente, delle facility dedicate a produzioni cinematografiche per giovani.

Categorie generali: 

Facebook Comments Box