Ritratto di Pierre Hombrebueno
Autore Pierre Hombrebueno :: 26 Aprile 2015

Buon compleanno al Torino Gay and Lesbian Film Festival, la cui 30a edizione si svolgerà dal 29 Aprile al 4 Maggio. Ricchissimo il programma, che comprende "The Smell of Us" di Larry Clark e l'ultimo film interpretato da Robin Williams, "Boulevard"

Robin Williams

God Save the Queer: Il Torino Gay and Lesbian Film Festival, diretto dal sommo Giovanni Minerba, compie 30 anni. E tra crisi e tagli al budget prosegue scintillante e glamour, partendo proprio dal suo compleanno che presenterà 30 lungometraggi internazionali, 30 corti e 30 eventi speciali. Diversi i titoli in programma da segnarsi in agenda, anche perché trattasi di pellicole che, molto probabilmente, non vedremo mai nelle nostre sale con una distribuzione regolare. Perle e gemme dal mondo dunque, a iniziare dall'ultimo film interpretato dal mitico Robin Williams, Boulevard di Dito Montiel, storia di un uomo sposato con una donna ma consapevole di essere omosessuale; a cambiare le cose sarà l'incontro con un giovane prostituto...

Da sbavo anche l'ultima pellicola del controverso Larry Clark, The Smell of Us, già presentata alla scorsa Mostra di Venezia: come al solito, l'attenzione dell'autore di Kids e Ken Park sono per i ragazzi sbandati di oggi, con la differenza che ora si trasferisce tra i sobborghi parigini, immergendosi fra giovani skater. In carreggiata pure la leggendaria Gena Rowlands, protagonista della commedia Six Dance Lessons in Six Weeks di Arthur Allan Seidelman, storia di una donna che inizia a prendere lezioni di danza scoprendo un nuovo legame che sboccerà in un'amicizia. 

Poi tanti, tanti film da ogni dove. Tra gli altri, l'amore impossibile di due quattordicenni in A Escondidas dello spagnolo Mikel Rueda; la commedia famigliare L'art de la fugue del francese Brice Cauvin; l'intenso amour fou di Kasal – The Commitment del filippino Joselito Altarejos; l'omosessualità dark di Onthakan – The Blue Hour del thailandese Anucha Boonyawatana; il queer corale di Cuatro Lunas del messicano Sergio Tovar Velarde; il baywatch in salsa gay Drown dell'australiano Dean Francis; e il dramma dalle tinte lesbo A girl at my door della coreana July Jung. Insomma, anche quest'anno Minerba e soci sembrerebbero proprio aver fatto alla perfezione il loro compito di osservare il cinema GLBT da ogni angolazione possibile, coinvolgendo tutti i punti di vista e le più svariate nazionalità. 

[Leggi anche: Roland Emmerich in un dramma sui diritti gay con Jeremy Irvine]

Dunque, appuntamento a Torino dal 29 Aprile al 4 Maggio per spegnere tutti insieme le candeline di questo specialissimo 30° compleanno. Intanto si può dare un'occhiata al programma completo.

Categorie generali: 

Facebook Comments Box