Ritratto di Marco Rovaris
Autore Marco Rovaris :: 14 Settembre 2014

L'originale con Daniel Radcliffe ha incassato quasi 128 milioni di dollari in tutto il mondo. Il sequel di "The Woman in Black" sarà ambientato durante la Seconda Guerra Mondiale e i nuovi ospiti della casa infestata sono questa volta dei bambini

The Woman in Black

Il sequel di The Woman in Black, successo horror del Regno Unito del 2012, è previsto nelle sale per il 30 gennaio 2015. La notizia è stata comunicata da Relativity, che conferma i nomi dei protagonisti, Jeremy Irvine e Helen McCoy. A dirigere il film sarà Tom Harper, che porterà nuovi ospiti nella casa infestata dopo 40 anni: stavolta si tratta di un gruppo di bambini che, evacuati da Londra durante la Seconda Guerra Mondiale, risvegliano le presenze demoniache dell'inquietante magione. Relativity ha acquisito i diritti per la distribuzione e Hammer ed Entertainment One sono le case di produzione: il titolo dovrebbe essere The Woman in Black: Angel of Death.

L'originale con Daniel Radcliffe - adattamento del romanzo gotico La donna in nero di Susan Hill e già portato sullo schermo nel 1989 - guadagnò più di 54 milioni di dollari nel solo Regno Unito nel 2012 e quasi 128 in tutto il mondo, diventando uno degli horror più di successo dell'ultimo decennio, in modo per altro inaspettato. Da notare che la critica internazionale è stata gravida di encomi verso il film, al punto che molti critici l'hanno definito "il miglior film horror degli ultimi vent'anni". Se non è il migliore in assoluto, comunque è quello che ha rilanciato il Regno Unito in questo genere di produzioni, ottenendo un incasso al botteghino superiore a quello di altri blasonati ed apprezzatissimi film come The Others, Intervista col vampiro e perfino Dracula di Bram Stoker per la regia di Francis Ford Coppola.

Joe Croker si è occupato del nuovo script, prodotto da Tobin Armbrust, Simon Oakes, Ben Holden e Richard Jackson. Nel ruolo di produttori esecutivi ci sono Marc Schipper, Guy East, Nigel Sinclair, Neil Dunn, Graeme Witts, Xavier Marchand, Roy Lee, Richard Toussaint, Wade Barker, Ryan Kavanaugh e Tucker Tooley.

Hammer Film Productions è tornata a produrre per il grande schermo negli ultimissimi anni dopo i fasti degli anni Sessanta; alcune pellicole recenti sono - oltre alle due in questione - Le origini del male, Gaslight, The Resident e Blood Story.

Categorie generali: 

Facebook Comments Box