Ritratto di Claudio Mundo
Autore Claudio Mundo :: 10 Aprile 2015

George Mallory partecipò a 3 spedizioni inglesi sull'Everest durante gli anni 20. Nel 1924 fu dato per disperso: il suo corpo è stato rinvenuto intatto solo nel 1999. Sheen sarà il protagonista. Riprese previste anche in Italia, nel Sud Tirolo.

L'attore Michael Sheen

Michael Sheen interpreterà lo scalatore britannico George Mallory nel prossimo biografico In High Places, opera che racconterà per la prima volta la storia delle spedizioni inglesi sull’Everest degli anni 20. La star di Frost/Nixon - Il duello (2008) sarà affiancata da Kelly Macdonald nei panni di Ruth, la moglie di Mallory, mentre Andrew Scott interpreterà il suo amico e compagno di scalate Noel Odell. Le riprese, dirette dall’autore e regista James McEachen, inizieranno il prossimo settembre e includeranno diverse location come il Sud Tirolo, Londra, Colonia e l’India. Lo scalatore Mallory fece parte delle prime tre spedizioni britanniche per la conquista della vetta del monte Everest nel corso degli anni 20. Nel 1924, l’inglese e il suo partner Andrew Irvine furono dati per dispersi. L’ultimo loro avvistamento era stata fatto a soli 200 metri dall’ambito traguardo. Il corpo di Mallory fu poi rinvenuto intatto solo nel 1999. 

Il regista McEachen, che ha alle sue spalle collaborazioni con David Fincher e John McTiernan, si è detto coinvolto in modo particolare nella realizzazione di questo progetto, essendo stato anche lui uno scalatore e avendo partecipato ad alcune spedizioni. “Sono sempre stato affascinato dalla storia di George Mallory e questo sentimento di stima che nutro per lui mi ha portato sull’Himalaya negli anni 90; ho anche guidato una spedizione nel 1992. Il coraggio di Mallory e dei suoi compagni, che cercavano la vetta dell’Everest come riscatto dagli orrori delle guerre, faranno di ‘In High Places’ un film sull’enorme potere dei sogni e della voglia di raggiungerli”. 

[Leggi anche: Trailer: Thomas Vinterberg dirige Carey Mulligan in "Via dalla pazza folla"]

Il film sarà finanziato da un mix di sovvenzionamenti di privati e fondi fiscali pubblici; la produzione anglo-tedesca è ad opera della londinese Wind Fish Motion Pictures e della teutonica Medienparks NRW, di Colonia.

Già nel 2013, Sony stava lavorando a un film sulla vita di Mallory: avrebbe dovuto intitolarsi Everest (o The Summit) ed essere diretta da Doug Liman con la recitazione di Tom Hardy, ma poi non se ne fece più nulla.

Tag: 

Categorie generali: 

Facebook Comments Box