Ritratto di Oddo Bernardini
Operatore di ripresa
Presentazione

La sua carriera inizia a Roma nel 1961 quando, poco meno che ventenne, affascinato dal mestiere del padre Bianco Bernardini (meccanico cinematografico e operatore di macchina di film degli anni ’50, come Totò a colori di Steno), prende parte a vari set, tra cui Le quattro giornate di Napoli di Nanni Loy e i film musicali degli anni ’60 (In ginocchio da te, Non son degno di te e Una lacrima sul viso di Ettore Maria Fizzarotti; Nel sole di Aldo Grimaldi). In seguito all’esordio come (timido) assistente operatore, nel 1972 si afferma come operatore di macchina. Con oltre 100 film all’attivo, ha girato, tra gli altri, C’eravamo tanto amati di Ettore Scola; Profumo di donna e Telefoni bianchi di Dino Risi; Cafè Express, Mi manda Picone e Amici miei - Atto III di Nanni Loy. Dietro la macchina da presa ha lavorato a fianco di alcuni tra i più importanti registi italiani, come Luigi Comencini, Franco Zeffirelli, Alberto Lattuada, Mario Bava, Sergio Corbucci, Duccio Tessari, Sergio Corbucci, Valerio Zurlini, Mario Camerini, Salvatore Samperi, Ruggero Deodato, Marcello Aliprandi, Raffaello Matarazzo, Maurizio Lucidi, Luciano Ercoli, Ignazio Dolce, Antonio Pietrangeli, Alessandro Blasetti, Carlo Vanzina. Dopo oltre 35 anni passati sui set, viaggiando in Italia e all’estero, nel 1988 si trasferisce a Milano e collabora con ditte di noleggio di mezzi tecnici per il cinema (Technovision, AMG, Panavision, Movie People), tornando così alla passione adolescenziale per meccanica, progettazione e modifica di macchine da presa e obiettivi cinematografici.

Convinto che per lavorare nel cinema con professionalità occorra, oltre alla teoria, fare tanta gavetta e pratica perché macchine da presa, obiettivi, luci, apparato tecnico presente sul set e modalità operative non abbiano segreti e per padroneggiare al meglio l’ottica cinematografica coniugata all’estetica delle riprese, ha sempre messo a disposizione gratuitamente a decine di ragazzi le proprie competenze nei laboratori di videonoleggio, crescendo così un’intera generazione di operatori cinematografici, assistenti operatori e direttori della fotografia milanesi e non. Ancora oggi, a oltre 70 anni, esercita instancabilmente la propria professione, con un pizzico di nostalgia per la pellicola soppiantata sempre più spesso dai supporti digitali. 

google-profile-oddo-bernardini