Ritratto di Erika Favaro
Autore Erika Favaro :: 17 Ottobre 2015

Le immagini girate da Roger Deakins in un campo medio insegnano tutto il valore di un'inquadratura che riesce a raccontare la vita

Roger Deakins

Roger Deakins è uno dei più acclamati operatori del panorama mondiale. Ha contribuito al successo di opere di artisti del calibro dei fratelli Coen (dei quali è assiduo collaboratore), Frank Darabont, Sam Mendes e Ron Howard.

Il campo medio (medium shot) è un'inquadratura cinematografica che, a livello spaziale, si colloca tra il campo lungo e il primo piano, ed è utilizzata maggiormente per “raccontare” un personaggio. Può essere più o meno ravvicinata, dare più importanza al personaggio, all'azione o al contesto.

L'utilizzo di questa inquadratura, è quanto ci sia di più vicino alle nostre impressioni nella vita reale: se ci pensate bene, durante una conversazione con qualcuno è raro che vi concentriate esclusivamente sugli occhi (per non dire sui piedi) del vostro interlocutore. Nella maggior parte della nostra giornata, quando parliamo con qualcuno, quando abbiamo un dialogo appunto, noi consideriamo in primo piano il nostro interlocutore dal petto in su, considerando anche lo sfondo dietro di lui, ma solo fino a un certo punto. E la maestria universalmente riconosciuta di Deakins sta proprio nel raccontare questo, nel trovare l'equilibrio di volta in volta. Quando contestualizza un personaggio in un ambiente, l'inquadratura di Deakins riesce a far passare solo gli elementi essenziali, quelli che servono alla narrazione e a far capire realmente in che spazio si muove il personaggio, preservandone però la centralità. In ogni campo medio realizzato da Deakins troviamo equilibrio tra colori e movimenti, cose che si susseguono con vigore o ambienti volutamente statici e immobili, come il personaggio. Come la vita.

[Leggi anche: Roger Deakins sarà il direttore della fotografia del sequel di "Blade Runner"]

Raccontare in un frame un film, descrivere una sensazione, far assaggiare cosa sta per succedere: ecco cos'è il medium shot. Il gusto e la cura dei dettagli, dello sfondo, delle cose più importanti tra le cose marginali hanno fatto di Deakins un grande narratore  dei nostri tempi.

Il Grinta Fratello, dove sei? Il grande Lebowski

Categorie generali: 

Facebook Comments Box