Ritratto di Pierre Hombrebueno
Autore Pierre Hombrebueno :: 27 Gennaio 2016

27 gennaio 2016, ovvero Giorno della Memoria per ricordare le vittime dell'Olocausto. In tv, tra gli altri, anche "Arrivederci, ragazzi" di Louis Malle e "Il giardino dei Finzi Contini" di Vittorio De Sica

Arrivederci, ragazzi

27 gennaio, ovvero Giorno della Memoria per ricordare le vittime dell'Olocausto. E chiaramente, anche i palinsesti televisivi si uniscono alle preghiere mandando in onda diverse pellicole sul tema.

Per iniziare in grande, ecco  ad esempio un imprescindibile film del maestro Louis Malle, Arrivederci, ragazzi (ore 21.15 su Rai Movie), Leone d'oro a Venezia nel 1987. Ispirato agli stessi ricordi giovanili dello stesso regista, al centro della narrazione è una bellissima storia d'amicizia tra due studenti di un collegio francese. E detta così pare un coming of age tanto dolce quanto delicato, ma a insinuarsi saranno proprio i drammi del periodo (siamo nel 1944, in pieno antisemitismo): l'innocenza andrà in frantumi, i cuori spezzati, le lacrime, mai asciugate.

Contemporaneamente, su Rete 4, partirà invece Naked Among Wolves – Il bambino nella valigia, recente filmtv tedesco diretto da Philipp Kadelbach. Protagonista delle vicende è un prigioniero del campo di concentramento Buchenwald, il quale scoprirà una valigia contenente un bambino ebreo di tre anni. Che cosa fare in proposito, dirlo ai tedeschi (uccidendo così il piccino), o cercare piuttosto di tenere il segreto sperando di non essere beccati?

[Leggi anche: Hilary Swank protagonista di un dramma giudiziario sul negazionismo dell'Olocausto]

Ancora: alle 21.10, La7D trasmetterà Jakob il bugiardo di Peter Kassovitz, con Robin Williams ebreo dei ghetti polacchi durante il 1944, mentre alle 21.20, su Tv2000 avremo un autentico classico del cinema italiano, Il giardino dei Finzi Contini, adattamento dell'omonimo romanzo di Giorgio Bassani ambientato nella Ferrara del 1938, quando le leggi razziali vietavano agli ebrei di frequentare i luoghi di aggregazione cittadini. La pellicola vinse l'Oscar come Miglior Film Straniero, così come l'Orso d'oro a Berlino, un BAFTA speciale e due David di Donatello. 

Categorie generali: 

Facebook Comments Box