Ritratto di Redazione
Autore Redazione :: 15 Settembre 2017

Sony ritorna ad IBC per aiutare le media company a costruire i propri brand e audience mettendo in mostra le più recenti innovazioni in fatto di 4K, HDR, Operazioni di Cloud e IP

La nuova CineAlta Venice di Sony

Sony ha presentato oggi a IBC 2017 (International Broadcasting Convention) presso RAI Amsterdam (il centro congressi della capitale olandese) nuove soluzioni, tecnologie e strategie operative per permettere alle media company di raccontare storie incredibili, mettendo una narrazione incisiva al primo posto nell'ambito della produzione multimediale. I visitatori dello stand 13.A10 potranno esplorare le più recenti innovazioni in fatto di HDR (High Dynamic Range) che incarnano la visione "Beyond Definition" di Sony, compresa la prima telecamera cinematografica digitale full-frame di Sony - VENICE - in aggiunta ai progressi in fatto di cloud, IP e soluzioni di archiviazione. 

"Siamo pienamente impegnati a fornire ai nostri clienti i migliori strumenti per offrire immagini che vadano realmente "Beyond Definition"," ha dichiarato Richard Scott, Head of Media Solutions di Sony Professional Solutions Europe. "Sony non ha eguali nella sua capacità di offrire una tecnologia innovativa insieme a una vasta gamma di servizi e competenze, tutti accessibili attraverso una varietà di modelli di business dinamici che consentono ai narratori di portare le loro produzioni al livello successivo. Vogliamo assicurarci che i nostri clienti non stiano semplicemente tenendo il passo con i progressi portati dalla tecnologia, ma che essi siano a tutti gli effetti all'avanguardia della trasformazione di business, all'interno dell'industria di produzione multimediale”.

Raccontare storie incredibili
Sony si concentra sulla continua evoluzione delle funzionalità HDR all'interno delle proprie soluzioni di produzione multimediale per aiutare i creatori di contenuti a produrre immagini incredibili. Per l'HDR Sony offre soluzioni di sistema, workflow e la più ampia scelta di formati di registrazione che forniscono una flessibilità senza precedenti in ogni produzione HDR. Lo sviluppo più recente è il workflow SR Live per HDR di Sony: un sistema semplificato che consente un workflow efficiente per la produzione live simultanea di 4K HDR, HD HDR e HD SDR.  Il sistema è in grado di fornire contenuti di alta qualità con immagini prodotte utilizzando il formato S-Log3 e convertite nei formati di trasmissione e distribuzione desiderati come PQ e HLG, utilizzando l'unità di conversione per produzione HDR HDRC-4000.

Al crescere delle esigenze relative all'HDR, le piattaforme e i professionisti video Internet che si occupano di produzione di contenuti corporate e di eventi prestano sempre maggiore attenzione al valore aggiunto offerto dall'HDR. I contenuti devono essere creati rapidamente e senza compromessi in termini di espressività e qualità. Sony offre un workflow HDR istantaneo che supporta la funzione di registrazione HLG per dei workflow basati su file facili e immediati, conseguendo al tempo stesso la qualità dell'HDR. Questo workflow semplice consente la ripresa, l'editing e la visualizzazione di contenuti HDR in HLG, senza la necessità di ulteriori operazioni di colour grading.

A IBC 2017, Sony sta migliorando ulteriormente le proprie funzionalità HDR per aiutare chi intende raccontare una storia.

Questi miglioramenti comprendono:
HLG (Hybrid Log-Gamma) Live Quest'anno a IBC, Sony sta aggiungendo la modalità "HLG Live" che aggiunge la produzione e acquisizione in Hybrid Log-Gamma (HLG), al suo workflow "SR Live per HDR". Questa consente un workflow HLG semplice, dalla ripresa alla consegna, mantenendo al tempo stesso i vantaggi del workflow SR Live, ovvero la produzione simultanea in HDR/SDR. Le immagini finali create dalla modalità HLG Live sono in grado di offrire immagini HDR di alta qualità; lo stesso livello di AIR (artistic intent rendering) matching HLG fornito dall'unità di conversione per produzione HDR HDRC-4000. La modalità HLG Live è disponibile da settembre 2017

PXW-Z450 V3.0 migliora le funzionalità HDR Il PXW-Z450 supporterà un workflow HDR istantaneo. La versione aggiornata del firmware V3.0 include ripresa e registrazione S-Log3 di alta qualità, supporto della gamma di colori ITU-R BT.2020 e una funzione per la registrazione di video 4K HDR e HD SDR allo stesso tempo su una singola scheda di memoria S×S. È inoltre supportata l'uscita HLG Live. L'aggiornamento sarà disponibile da dicembre 2017.

Tre nuovi camcorder: XDCAM PXW-Z90, NXCAM HXR-NX80 e Handycam FDR-AX700 I nuovi XDCAM PXW-Z90, NXCAM HXR-NX80 e Handycam FDR-AX700 presentano tutti le nuove incredibili prestazioni di messa a fuoco automatica con sensore AF con 273 punti a rilevamento di fase e registrazione 4K[1] HDR. Dotati di un sensore dell'immagine a strati sovrapposti Exmor RS di tipo 1.0, i camcorder offrono una scelta ottimale per una vasta gamma di utenti, dai professionisti agli appassionati di video. Tutti e tre i camcorder supportano workflow HDR istantanei consentendo agli utenti di produrre contenuti HDR mozzafiato mantenendo la post-produzione al minimo per adattarsi a una vasta gamma di scenari di produzione dei contenuti e di applicazioni. I tre camcorder saranno disponibili entro la fine di quest'anno.

VENICE: la prima telecamera cinematografica digitale full-frame di Sony Annunciata ufficialmente il 6 settembre, VENICE è la nuova generazione del sistema di telecamere CineAlta di Sony, progettato per espandere la libertà creativa del regista attraverso il grande formato, l'acquisizione di immagini filmiche in full frame con skin tone naturali e aree scure espressive. La telecamera combina un nuovo sensore full frame da 36x24 mm e la compatibilità con una vasta gamma di ottiche, incluse l'anamorfica, la Super 35 mm e l'attacco PL full-frame per una maggiore libertà espressiva con profondità di campo ridotta. Un nuovo sistema di gestione del colore e una vasta gamma di colori offrono agli utenti un maggiore controllo e una maggiore libertà per lavorare con le immagini durante il grading e la post-produzione. È la prima telecamera del settore cinematografico con un sistema di filtri ND integrato a 8 livelli, che consente di ridurre il lavoro di sostituzione della parte esterna del filtro ND e rende efficiente la registrazione. VENICE sarà disponibile da febbraio 2018.

UHC-8300, la prima System Camera 8K di Sony con tre sensori 8K Sony ha annunciato oggi l'UHC-8300, la sua prima telecamera 8K a includere tre sensori 8K da 1,25 pollici, aprendo il mondo dell'8K e la tecnologia di ripresa 8K per la produzione 4K e oltre. Il suo formato di ripresa 8K (7680 x 4320) 120p offre riprese bilanciate ad alta risoluzione dall'ampia profondità di campo e wide dynamic range, rendendola adatta per le riprese HDR sia in S-Log3 sia Hybrid Log- Gamma (HLG) con supporto della gamma di colori ITU-R BT.2020.  Supporta anche la connettività IP. Il taglio in tempo reale da un'immagine 8K a un'immagine 4K è possibile e consente lenti 4K con attacco B4 con l'adattatore per installazione B4. L'UHC-8300 offre la capacità e la flessibilità necessarie per acquisire contenuti con la risoluzione e la gamma per qualsiasi produzione ed è un grande passo in avanti nella tecnologia di imaging. L'UHC-8300 sarà disponibile da ottobre 2017.

Operazioni multimediali avanzate
A IBC Sony mostrerà come sta aiutando i clienti a incrementare l'efficienza in fatto di produzione IP Live, sistemi basati su cloud e soluzioni di archiviazione. Insieme, queste operazioni multimediali avanzate possono aiutare i broadcaster ad aumentare la produttività, ridurre i costi e far crescere il loro pubblico.

Attraverso lo sviluppo dei propri servizi multimediali virtualizzati, Sony ha scosso l'industria in modo positivo nel campo delle operazione multimediali avanzate, includendo maggiore connettività IT, infrastruttura IP e workflow basati su cloud. Le applicazioni e i servizi Sony migliorano in modo significativo le operazioni multimediali e il workflow, e concentrandosi su automazione e velocità, Sony sta eliminando i costi dai workflow del proprio cliente per aiutare le media company a fare di più impiegando meno risorse.

Sony ha intrapreso tutto ciò in due modi: la gestione della migrazione da un'infrastruttura basata su un hardware SDI ad una basata su IP e la creazione di applicazioni e piattaforme di produzione per i sistemi basati su cloud che non solo risiedono nel cloud, ma alcune delle quali sono state costruite al suo interno.

Sistemi di Produzione IP Live
Sony continua a investire in materia di interoperabilità introducendo prodotti conformi a "SMPTE ST 2110 in HD". Sony è inoltre diventata un membro principale dell’Advanced Workflow Media Association (AMWA), ed è entrata a far parte del consiglio di amministrazione. I visitatori potranno vedere a IBC i seguenti nuovi sviluppi:

·       Una nuova unità di controllo della telecamera (CCU) è in fase di sviluppo La CCU supporterà SMPTE ST 2110 in HD con segnali video, di ritorno, audio e Intercom su IP. La nuova CCU sarà compatibile con le serie di telecamere HDC e HSC. Si prevede che l’uscita sul mercato della CCU possa essere aprile 2018.

Gli switcher video 4K/IP Ready XVS-8000, XVS-7000 e XVS-6000 di Sony rappresentano il cuore stesso delle operazioni di produzione IP Live e supporteranno SMPTE ST 2110 in HD dopo l'aggiornamento firmware v2.6 che sarà disponibile da aprile 2018.

Sistemi basati su cloud Le seguenti piattaforme di produzione e applicazioni cloud saranno presentate a IBC 2017:

·       Media Backbone Hive è un sistema di produzione pronto per il cloud e sarà una delle soluzioni in mostra alla presentazione di quest'anno. La piattaforma di produzione flessibile e scalabile snellisce le operazioni multimediali, consentendo al contenuto di essere consegnato in formati multipli su più piattaforme e sostenendo al tempo stesso la collaborazione remota su scala globale.

·       XDCAM air, un servizio in abbonamento ENG basato su cloud, è progettato per ridurre il tempo di messa in onda, dalle riprese alla post-produzione, sfruttando la potenza del cloud computing e XDCAM. Il servizio XDCAM air è appena iniziato negli Stati Uniti, e in Europa la versione 1.5 sarà disponibile dall’inverno 2017. Gli API modulari sono progettati per consentire una risposta flessibile al bisogno dei clienti di interagire con un sistema di fornitori di terze parti. Sony continuerà a sviluppare nuove funzionalità e workflow con XDCAM air, con l'intenzione di supportare la gestione dei contenuti, il controllo migliorato dei dispositivi così come l'integrazione NLE con le versioni future.

Workflow multimediale e soluzioni di archiviazione
Sony mostrerà a IBC 2017 le seguenti innovazioni in fatto di soluzioni di archiviazione:

·       Media Backbone NavigatorX offre una gestione di workflow e asset più semplice, rapida ed efficiente. Progettato per adattarsi a numerosi tipi di workflow, consente agli utenti di gestire gli asset in una gamma di formati, con opzioni flessibili per la produzione, l'archiviazione e l'automazione del workflow. Tre nuove funzioni sono state aggiunte per l'IBC 2017:

Lo storyboard rende possibile agli utenti il trim degli asset visualizzando i clip video proxy a bassa risoluzione, aggiungendoli a una semplice timeline e salvandoli come asset con i propri metadati. Gli asset dello storyboard possono anche essere esportati come lista delle decisioni di montaggio (EDL) per sistemi di editing non lineare (NLE).

La ricerca di asset attraverso più sistemi Media Backbone NavigatorX è ora abilitata.  Anche per i sistemi in località remote, gli utenti possono cercare facilmente tutti gli asset in una sola volta e ottenere anche l'anteprima dei video.

Il nuovo strumento di editing per workflow utilizza un semplice approccio drag and drop per creare workflow automatizzati.  Senza alcun requisito di codifica o scripting, o necessità di competenze specializzate nel settore IT, gli utenti possono creare un workflow, quindi testarlo e distribuirlo nel giro di poche ore.

 Optical Disc Archive Generation 2 offre un'archiviazione sicura e a lungo termine basata sul comprovato formato dei dischi ottici di Sony, della durata di archiviazione stimata di 100 anni e progettata per raggiungere 3,3 TB in una singola cartuccia.[HC1]  Essa fornisce il formato ideale per sistemi di archiviazione attivi e master di ripristino finali in caso di calamità. Oltre 50 sviluppatori e fornitori stanno attualmente utilizzando l'Optical Disc di Sony; l'adozione da parte del mercato della tecnologia Optical Disc Archive di Sony ha avuto una crescita costante, con le principali stazioni broadcast in Giappone e Cina che hanno recentemente scelto di adottare Optical Disc Archive come loro principale sistema di archiviazione.

Altri annunci a IBC 2017
A IBC Sony mostrerà al proprio stand una serie di soluzioni aggiuntive, dimostrando ulteriormente la sua visione "Beyond Definition”:    

Sistema di microfoni wireless digitali di nuova generazione, serie DWX La nuova generazione, che include il DWT-B03R - un piccolo e leggero trasmettitore da cintura che fornisce audio di alta qualità con una bassa latenza audio di 1,2 ms[2] così come un funzionamento a banda larga da 148 MHz[3], e il DWR-R03 - ricevitore 1U a banda larga a 2 canali con installazione a rack che include un'interfaccia Dante® per collegamento di rete audio tramite IP, funzionamento affidabile migliorato mediante l'utilizzo di un circuito in RF a gamma dinamica elevata e funzionamento a 4 diversità d'antenna.  Inoltre, una novità nella serie è il BC-DWX1, un caricabatterie per DWT-B03R dotato di funzionalità PoE (Power over Ethernet) e meccanismo di interbloccaggio per un facile immagazzinamento e trasporto.  La nuova serie DWX sarà disponibile a partire dalla primavera del 2018.

Aggiornamento del firmware dei monitor per PVM-X550, PVM-A250/A170, LMD-A240/A220/A170. Gli aggiornamenti garantiranno che i monitor supportino la produzione 4K e HDR, aggiungendo un range dinamico più elevato con una modalità ad alta luminosità per il PVM-X550 e una gamma di colori più ampia per le serie PVM-A/LMD-A.

Gli aggiornamenti per il monitor OLED 4K PVM-X550 ottimizzano la gradazione del colore 4K, raggiungendo un picco di luminanza in HDR oltre il 180% rispetto alla versione corrente. L'aggiornamento sarà disponibile dall'inizio del 2018.

Le serie PVM-A e LMD-A forniscono una più ampia gamma di colori per una riproduzione dei colori accurata per le esigenze in costante evoluzione in ambito di 4K, cinematografia e applicazioni grafiche. L'aggiornamento supporta la gamma di colori ITU-R BT.2020 e accetta uno dei segnali Quad-link 2SI 3G-SDI.  Offre inoltre le impostazioni DCI-P3, S-Gamut3 / S-Gamut3.cine e Adobe RGB per utilizzare la sua ampia gamma di colori al fianco di EOTF propri come 2.6 e gamma S-Log3 (SDR) e S-Log2 (SDR). L'aggiornamento sarà disponibile da settembre 2017

Categorie generali: 

Facebook Comments Box