Ritratto di Andrea Caramanna
Autore Andrea Caramanna :: 1 Luglio 2020

Black Lives Matter, il movimento contro il razzismo verso il popolo nero è così candido come sembra? Non secondo il ricercatore indipendente Spiro Skouras che riporta i dati dei finanziamenti del movimento. Spike Lee intanto si proclama revisionista

Spike Lee

Black Lives Matter, il movimento contro il razzismo verso il popolo nero è così candido come sembra? Non secondo il ricercatore indipendente Spiro Skouras che riporta i dati dei finanziamenti del movimento tra i quali George Soros e molti altri, praticamente tutto l'establishement mainstream!

Nel frattempo continua il tam tam martellante e il tormentone del revisionismo più banale, quello di rimuovere i segni che sono ricordo e testimonianza di una società che è stata profondamente razzista... Basterebbe aggiungere nelle targhe commemorative di statue e quant'altro gli aspetti più controversi di un certo personaggio, passato magari alla Storia per motivi più meritevoli...

E anche Spike Lee interviene, cadendo nella trappola propagandistica contro le varie icone del passato colpevoli di razzismo.
In un'intervista su un nuovo episodio del podcast della lista nera di Luminary, ospitato dal co-fondatore della lista nera Franklin Leonard e dal direttore della comunità della lista nera Kate Hagen, Spike Lee ha espresso il suo accordo con le crescenti richieste di rimuovere statue e iconografia che commemora gli Stati Confederati d'America. "F— quella bandiera", ha detto Lee. "Quella bandiera, per me, [mi fa sentire] allo stesso modo in cui i miei fratelli e sorelle ebrei si sentono per la svastica ... E quelle "figlie di buone donne", statue confederate, devono essere demolite." 

L'argomento è emerso in una più ampia discussione sul corpus di lavori di Lee, toccando l'apertura del film del regista e sceneggiatore del 2018 "BlacKkKlansman", che si apre campionando uno scatto di "Via col vento" che presenta una bandiera confederata a brandelli prima di seguire in un discorso di un suprematista bianco interpretato da Alec Baldwin. 

Lee ha toccato il più grande movimento di Black Lives Matter nell'intervista durante una conversazione sul suo film "Do the Right Thing" "Fa' la cosa giusta", che compie 31 anni a luglio e culmina con una rivolta a seguito dell'assassinio di un uomo nero da parte di un ufficiale di polizia. 

"È come se il film fosse stato realizzato ieri", ha detto Lee. “Quindi, ci sono due modi per pensarci. Che è ancora unico. È ancora nuovo. E poi, anche i neri vengono ancora assassinati. Se hai visto "Fai la cosa giusta", come puoi non pensare automaticamente a Eric Garner e al re George Floyd?" "Non si è mai trattato di come [i neri] rispondano", ha continuato Lee. "Riguarda il modo in cui le nostre sorelle e fratelli bianchi ci rispondono. E hai guardato la CNN come me? Le persone stanno marciando in tutta la Terra di Dio cantando, urlando [e] urlando "Le vite nere contano" e non sono nere... Questa è la grande differenza. Vedi una giovane generazione dei miei fratelli e sorelle bianchi [e] sono là fuori in pieno effetto. Voglio dire, dimentica il resto del mondo per un secondo. I bianchi stanno marciando a Salt Lake City [e] Des Moines, Iowa, dove non c'è gente nera per un minuto".

(Fonte: Variety)

Mentre le proteste di Black Lives Matter continuano negli Stati Uniti in seguito agli omicidi di George Floyd, Rayshard Brooks e innumerevoli altri neri americani per mano delle forze dell'ordine, viene riesaminato l'uso dell'iconografia confederata. Alcune statue di personaggi storici razzisti sono state rimosse in tutto il paese.

Qui sotto il commento di Spiro Skouras insieme al video del suo canale che tratta l'argomento:

Black Lives Matter ha dominato i titoli per settimane e ci sono state molte speculazioni sul finanziamento di questa organizzazione con molte dita che puntano rapidamente su George Soros. Quindi la domanda da un milione di dollari è ... George Soros ha finanziato Black Lives Matter? Sì, lo ha fatto assolutamente e condividiamo i dettagli in questo rapporto. Ma George Soros non è l'unica fonte di finanziamento per Black Lives Matter, infatti, Soros e il suo finanziamento, è solo un altro nome sulla ruota di una massiccia campagna ben finanziata e motivata politicamente con l'obiettivo desiderato di trasformare il mondo distruggendo l'attuale sistema di controllo, al fine di implementare un nuovo sistema di controllo. Questo sembra certamente un tema ricorrente in questo momento, poiché le Nazioni Unite, il Forum economico mondiale, le banche centrali e i governi di tutto il mondo si stanno preparando per il "Grande Reset" e un cambiamento di paradigma globale. Quindi esaminiamo chi sta finanziando esattamente Black Lives Matter e perché?

Categorie generali: 

Facebook Comments Box

Video Dominion