Ritratto di Pierre Hombrebueno
Autore Pierre Hombrebueno :: 31 Marzo 2015

Il direttore della fotografia Joe Dunton ci mostra e spiega le lenti utilizzate da Stanley Kubrick nei suoi film più celebri, da "Shining" a "Barry Lyndon", passando per "Eyes Wide Shut". 12 minuti d'immersione nella genialità del maestro

Eyes Wide Shut

Che Stanley Kubrick sia uno dei registi più meticolosi e perfezionisti della storia del cinema è un fatto noto ad ogni cinefilo su piazza. Ora, ad approfondire ulteriormente l'argomento è un filmato di 12 minuti scovato nei meandri di Youtube, dove il direttore della fotografia Joe Dunton (che oltre ad aver lavorato in Eyes Wide Shut, è stato anche sul set di Segreti e bugie di Mike Leigh) si concentra sulle lenti usate da Kubrick per i suoi capolavori. 

“Le lenti hanno fatto le opere – spiega Dunton – Le lenti sono la parte più importante del processo di film-making, e Kubrick ne era un esperto”. Ovviamente, è facile capire il particolare interesse del cineasta verso le svariate tipologie di lenti: ricordiamo, infatti, che prima di diventare uno dei registi più celebrati e amati del mondo, Kubrick era un fotografo, il quale ha passato la sua giovinezza nei dintorni del Bronx in cerca dei soggetti più interessanti; successivamente, ha poi iniziato a lavorare ufficialmente per una rivista, dove ha pubblicato alcuni dei suoi scatti migliori. Un periodo che ha permesso al futuro maestro non solo di muovere i primi passi nel mondo delle immagini, ma anche di farsi una completa conoscenza delle strumentazioni tecniche, a iniziare proprio dalle lenti fotografiche. 

Così, per tutti quelli che vogliono conoscere meglio questo lato del regista, Dunton ci presenta le lenti utilizzate da Kubrick durante la sua carriera, spiegando le loro proprietà specifiche e la maniera con cui il cineasta le usava. Ad esempio, vediamo il tipo di lente che è stato usato per la celebre scena ambientata nella sala da ballo in Eyes Wide Shut, così come lo zoom utilizzato in Barry Lyndon. Dunton ci racconta come Kubrick fosse un grande collezionista, uno che passava parte del tuo tempo a comprare le più svariate lenti disponibili sul mercato, che poi avrebbe testato una ad una in cerca di quella giusta a dipendenza della scena che doveva girare. Un lavoro, questo, solitamente affidato al direttore della fotografia, ma che Kubrick preferiva svolgere da solo, come un assoluto maniaco del controllo.

[Leggi anche: I capolavori di Stanley Kubrick trasformati in commedie per famiglie]

Insomma, il video ci offre un ulteriore sguardo verso il ricchissimo mondo e immaginario di Kubrick, che ieri come oggi, continua a regalare evocative emozioni agli spettatori di tutto il mondo. Buona visione!

Categorie generali: 

Facebook Comments Box