Ritratto di Pierre Hombrebueno
Autore Pierre Hombrebueno :: 31 Maggio 2015

Dopo aver collaborato con pellicole come "Star Wars", "Men in Black", "Un lupo mannaro americano a Londra" e "Hellboy", il leggendario Rick Baker, sette volte premio Oscar, annuncia il suo ritiro dall'industria: "Il CGI ha preso il sopravvento"

Rick Baker

Incontabili i registi o gli attori diventati famosi nella storia del cinema, così come i montatori o i direttori della fotografia. Decisamente di meno i make-up artist, spesso ignorati o rilegati dietro le quinte, nonostante il duro lavoro che compiono nel trasformare gli interpreti nelle creature più fantasiose. Non è questo il caso di Rick Baker, che nel corso della sua carriera è diventato un assoluto nome di culto nell'ambiente, contesissimo dalle major e costantemente celebrato dall'industria. Ben 7 gli Oscar vinti nella propria carriera: Un lupo mannaro americano a Londra, Bigfoot e i suoi amici, Ed Wood, Il professore matto, Men in Black, Il Grinch e Wolfman. Senza contare un'infinità di collaborazioni che vanno da Star Wars a Videodrome, passando per Hellboy e Maleficent. Dunque, un'assoluta leggenda vivente, che però, spezzando il cuore dei suoi tanti fan, ha ora deciso di abbandonare il cinema.

Interpellato dalla radio 89.3 KPCC sulla sua decisione, ecco cos'ha risposto: “Prima di tutto, la computer grafica ha tolto via le parti animatroniche che uso nel mio lavoro. E ora sta prendendo il sopravvento anche sul reparto trucco. Il tempo è quello giusto, ho 64 anni e l'industria è impazzita in questo momento. Io voglio fare le cose nella maniera giusta, loro le vogliono economiche e veloci. Non è quello che voglio fare, quindi ho semplicemente deciso che fosse arrivato il momento di tirarmi fuori. Potrei considerare di disegnare o fare da consulente per qualcosa, ma non credo che lavorerò ancora con un grande studio”. 

[Leggi anche: Come fare il make-up: i segreti del truccatore nel libro di Francesco Freda]

Per ufficializzare l'addio, Baker ha inoltre messo all'asta una serie di oggetti e memorabilia che ha contribuito a creare nel corso degli anni, tra costumi / accessori / gadget provenienti da pellicole come Gremlins 2, Batman Forever, Hellboy, Il pianeta delle scimmie e tante altre ancora. Insomma, l'abbandono sembrerebbe proprio definitivo, per colpa di un'industria che in questi ultimi tempi gli ha dato sempre meno stimoli ed entusiasmo. “L'ultimo film su cui ho lavorato è stato Maleficent – spiega – E fondamentalmente potevo tranquillamente farlo in un garage”. 

Tag: 

Categorie generali: 

Facebook Comments Box