Ritratto di Redazione
Autore Redazione :: 26 Giugno 2017

Il cinema di Sofia Coppola analizzato in un video che prende in considerazioni gli aspetti più sottili della stimata regista

Marie Antoinette

Il cinema di Sofia Coppola analizzato nel video di ScreenPrism considera gli aspetti più sottili della stimata regista. 

Difficile soffermarsi soltanto sul punto di vista femminile delle sue eroine o dei primi film giovanili. Questo è di certo il momento iniziale in cui lo sguardo attraverso il personaggio del film riesce poi a costruire una serie di significati che spaziano a 360 gradi.

Coppola non trascura alcun particolare della messa in scena. Comprende benissimo che una parte importante deriva dalla scenografia o dai costumi come nel caso di Maria Antonietta.

L'ambiente è davvero tutto, se consideriamo l'atmosfera un po' deprimente di Lost in translation, oppure quella di Bling Ring.  La sensazione è che, almeno secondo le suggestioni del video, Coppola sia anche una figlia della Nouvelle Vague francese. Il film di riferimento è Cléo de 5 à 7 di Agnès Varda.

Insomma l'immaginazione cinematografica di Sofia Coppola è di quelle che hanno lasciato il segno in pochi film. Non resta che immergersi attraverso le immagini qui  proposte nel video con la serie di osservazioni che dimostrano ampiamente la tesi: ovvero che "si può capire se un film è di Sofia Coppola se... " Un gioco, certo, di sicuro stimolante e divertente. Buona visione!

Categorie generali: 

Facebook Comments Box