Ritratto di Enrico Bulleri
Autore Enrico Bulleri :: 18 Dicembre 2017
"The Punisher" (Serie tv) (13 episodes) (Usa 2017), Steve Lightfoot. Netflix..jpg

Approfondimento sulla attesissima nuova serie di Netflix tratta dall'iconico personaggio di "The Punisher", la sesta co-prodotta con la Marvel, e tratta dal Cinematic Marvel Universe. Protagonista un perfetto per il ruolo Jon Bernthal

(senza spoiler)

Finalmente. È stata distribuita. La serie per cui davvero fare il conto alla rovescia fin da quando venne per la prima volta annunciata, "The Punisher" .

In seguito all’introduzione del personaggio nella famosa serie Netflix, "Daredevil" , "The Punisher" segue il personaggio di Frank Castle, alias “The Punisher/Il Punitore”, dopo aver scoperto che sono ancora vive le persone che sono responsabili della morte della sua famiglia, e continuando così la guerra che lo ha tormentato da allora.

“Il Punitore “è un noto personaggio della Marvel, a volte un eroe, ma di solito considerato un vigilante e un antieroe per i suoi cruenti modi e la violenza con cui spazza di mezzo i cattivi,  di solito lasciandoli appesi ad una sanguinosa morte. Per mostrare la sua forza e brutalità, c'è un intero albo di comics dedicato a una storia in cui “The Punisher” dà la caccia e uccide tutti i supereroi e i cattivi dell'Universo Marvel che vede come i responsabili della morte della sua famiglia e anche molti innocenti (questo per chi ama gli universi alternativi).

Quindi, ora ha finalmente una serie tutta sua. In sostanza, è stato compiuto un lavoro fantastico nel catturare il personaggio di Frank Castle. Indipendentemente dal giudizio generale sui di essa, è abbastanza indiscutibile che Jon Bernthal sia stata la scelta perfetta per il personaggio. Sia in apparenza che in maniera più profonda, egli ha fatto un lavoro straordinario nell'esprimere la rabbia del personaggio, mostrandone al contempo tutti gli  elementi di vulnerabilità a contatto i pochi individui a cui era vicino.

Per quanto riguarda il resto dei caratteri, la maggior parte ci sono stati presentati come archetipi di personaggi, senza molti altri elementi per delineare le loro personalità. Mentre ognuno di loro ha dei momenti per mettersi alla prova, lo ammetterò, sono tutti personaggi piuttosto noiosi. Micro, interpretato da Ebon Moss-Bachrach, e che funge catalizzatore della narrazione, è il tradizionale hacker nerd che vorrebbe soltanto proteggere la sua famiglia e, onestamente, ha il miglior feeling con Frank Castle, specialmente in un momento particolare nel quale si ubriacano insieme. E poi abbiamo Dinah Madani, interpretata da Amber Rose Revah, che è la tipica giovane avvenente donna immancabile in ogni serie, la quale interpreta una giovane agente della Homeland Security, che cerca di convincere il suo uomo di non essere quello che sembra, a prescindere dal costo che gli possa comportare. I cattivi sono “leggermente” i personaggi più interessanti, ma non possiamo discuterne davvero senza potenzialmente invadere il territorio degli spoiler, quindi è meglio vedere la serie direttamente, per scoprire come ne sono usciti gli antagonisti.

Tematicamente, la serie compie un tentativo di affrontare i problemi dell’America attuale. Affrontare le questioni relative al controllo delle armi, al trattamento dei veterani e alla vittimizzazione dei cristiani bianchi in America. Questo di per sé è una mossa abbastanza complessa considerando quanto polarizzano la popolazione questi argomenti e devo ammettere che i creatori meritano del rispetto per aver tentato di commentare tali questioni (specialmente in questo mondo fittizio di supereroi e cattivi super potenti).

Tecnicamente parlando, Netflix colpisce ancora una volta nel segno. “The Punisher” è infatti splendidamente girata e montata, soprattutto quando mostra i flashback di Frank Castle. E, come ci si può aspettare, lo spettacolo brilla nelle coreografie di lotta, un sacco di cazzotti che si colmano in un contesto di sanguinosa azione, rivaleggiando con le altre serie del gruppo Netflix. È qui che si noterà se sei una persona schizzinosa, e nel caso, questo potrebbe non essere lo spettacolo per te. Soprattutto in alcuni dei momenti finali dell’ultimo episodio, ci si ritrova sul bordo del proprio posto nel quale si è seduti, aggrottando la fronte alla vista di alcune delle viscerali ferite che sono state inflitte.

In conclusione, è una serie molto piacevole da vedere, anche se solo per le scene d'azione e laddove brilla esattamente Frank Castle. Anche se i momenti drammatici a volte sono piuttosto pazzeschi e non ritenuti necessari, e la linea narrativa concernente la Homeland Security è una vera sagra della noia, ci sono molti altri momenti emozionanti disseminati quasi per ognuno del cast, che meriterebbero di sentirsi orgogliosi per le loro interpretazioni. In definitiva, darei soltanto una raccomandazione, specialmente per coloro che sono fan della Marvel e del personaggio di “The Punisher”. Per quello che è, vale soltanto la pena guardarla.

L'alleato del punitore Micro (è stato menzionato in “Agents of SHIELD” (2013) da Skye come hacker nel gruppo Rising Tide, e più tardi è stato presente in "Daredevil" (2015) con il nome di sempre.

Nei fumetti, Francis Castiglione è un veterano della guerra del Vietnam, che è tornato a casa solo per assistere alla morte della sua famiglia in quanto testimoni oculari di un esecuzione di massa condotta dalla famiglia Costa, una famiglia criminale della mafia. Ha promesso di uccidere tutti i criminali, ignorando la sua identità precedente come Frank Castle,  e definendosi solo il Punitore.

Per Amber Rose Revah è stato realizzato un fucile speciale progettato per la sua statura e altezza.

Il compositore Tyler Bates ha basato la musica della serie su brani di chitarra blues.

The Punisher fece la sua prima apparizione nelle pagine di “The Amazing Spider-Man” # 129 del febbraio 1974. Inizialmente sarebbe stato un personaggio secondario e non fra i “buoni” a causa della sua predilezione per l'omicidio, ma grazie alla acquisita popolarità, divenne un personaggio più prominente e poi una figura tra le più grandi nell’ universo Marvel.

Frank Castle è un fan degli Earth, Wind and Fire.

In tutte le immagini della skyline di New York manca lo spoglio edificio che dovrebbe essere vicino all'Empire State Building, come è stato realizzato in entrambi i film degli Avengers  e in “Spider-Man Homecoming”.

Jon Bernthal è il quarto attore a rappresentare Frank Castle / The Punisher. È stato interpretato prima da Dolph Lundgren nel 1989, Thomas Jane nel 2004 e Ray Stevenson nel 2008.

Nell'episodio 3, il personaggio di Ben Barnes è su un lettino con la scritta "Image of Dorian Gray". Ben Barnes ha interpretato il personaggio di  Dorian Gray nel 2009.

Marvel e Netflix hanno dovuto ritirare la serie dal pannello di presentazioni del Comic Con di New York del 2017 a causa dei fatti di Las Vegas.

Daniel Webber, che interpreta Lewis Walcott, in precedenza ha interpretato un ex-marine e disturbato allo stesso modo, Lee Harvey Oswald, in “22.11.63” (2016).

Shohreh Aghdashloo e Amber Rose Revah che hanno interpretato madre e figlia nella serie hanno anche interpretato madre e figlia nella miniserie “House of Saddam” (2008) e in cui Steve Lightfoot ha lavorato come produttore.

Ben Barnes, che interpreta Billy Russo, ha interpretato sullo schermo il padre di Charlie Cox in “Stardust”(2007). Cox appare assieme a Jon Bernthal in “Daredevil” (2015).

Claire Temple (Rosario Dawson) è apparsa in cinque dei sei show Marvel di Netflix. Ma non ha fatto la sua apparizione in “The Punisher”, mentre Turk Barrett (Rob Morgan) è apparso in quattro dei sei. Non ha fatto la sua comparsa in “Iron Fist “e “Jessica Jones”.

Ripley Sobo interpreta Sage in “Batman v Superman: Dawn of Justice” (2016). Questo la rende una delle poche attrici ad essere apparsa sia nel Marvel Cinematic Universe che nel DC Extended Universe.

Shohreh Aghdashloo è la settima attrice di “Star Trek” ad apparire nel Marvel Cinematic Universe dopo Chris Hemsworth , Idris Elba , Zoe Saldana , Alfre Woodard , Benedict Cumberbatch e Karl Urban .

Questo è il secondo lungometraggio dai fumetti di Shohreh Aghdashloo , dopo “X-Men: Conflitto finale” (2006).

Riunisce Amber Rose Revah e Shohreh Aghdashloo, che avevano recitato insieme in “House of Saddam” (2008), dove anche lì hanno anche interpretato i ruoli di madre e figlia.

Brett Mahoney (Royce Johnson) è alla terza apparizione in una serie Netflix Marvel. Precedentemente si era visto in “Daredevil” e “Jessica Jones”.

Alla fine del primo episodio Micro dice bentornato a casa - un cenno al fumetto di Garth Ennis che ha riportato il Punitore alla sua popolarità.

Jon Bernthal e Jamie Ray Newman hanno interpretato marito e moglie nel breve show televisivo “Eastwick”.

La foto sul comò del comodino di Dinah Madani è una foto della copertina del libro di Shohreh Aghdashloo “The Alley of Love and Yellow Jasmines”

Sia Tony Plana che Shohreh Aghdashloo sono stati in “24” (2001)

John Bernthal (Frank Castle) e Jaime Ray Newman (Sarah Lieberman) hanno lavorato insieme in "Eastwick" e hanno già interpretato due coniugi.

Jon Bernthal (Frank Castle) e Jamie Ray Newman (Sarah Lieberman) hanno recitato in precedenza i ruoli di marito e di una moglie in “Eastwick” (2009).

Spoiler

Gli elementi di trivia seguenti possono rivelare importanti aspetti della trama.

L'unica serie Marvel / Netflix che non include il personaggio di Claire Temple interpretato da Rosario Dawson .

Questa è la prima volta che Jigsaw / Billy Russo non appare come è raffigurato nei fumetti: e un gangster. Tuttavia, nella serie appare come amministratore delegato fondatore di ANVIL, una compagnia militare privata. Inoltre, appare come il migliore amico di Frank mentre è nei fumetti e in "Punisher - Zona di guerra" (2008), è l'arcinemico di Castle.

Frank Castle e Billy Russo mostrano rispettivamente "Moby Dick" e "The Picture of Dorian Gray". Queste scelte suggeriscono la loro personalità: molto simile al Capitano Achab, Frank è guidato da un'ossessiva ricerca di vendetta, mentre Billy mette troppa importanza al suo aspetto (prefigurando il suo ultimo confronto con Castle, che lo lascerà permanentemente sfigurato).

Nell'episodio 4, dopo che Castle ha ucciso tutti nel magazzino per portare via la Mustang rossa, si può intravedere un uomo che giace morto su di un flipper. Diamond Select Toys commercializza una figurina del Punitore con un uomo che posa su di un flipper di Spider-Man, loro affermano di aver modellato la figurina su opere d'arte di Tim Bradstreet.

"Marvel's The Punisher" | Official Trailer [HD] | Netflix
"MARVEL'S THE PUNISHER" Official International Teaser Trailer (HD) Jon Bernthal Netflix Series
"Marvel’s The Punisher" Official Trailer #2 (2017) Netflix TV Series HD
"Netflix The Punisher" - Hammer Time - Fight Scene

Voto della redazione: 

3

Facebook Comments Box