Ritratto di Pierre Hombrebueno
Autore Pierre Hombrebueno :: 4 Maggio 2015

Prima il passaggio dai giornali cartacei a quelli online; ora, è forse in corso un nuovo slittamento dai computer ai telefonini cellulari? Sembrerebbe proprio di sì, almeno stando ad una ricerca condotta dalla Paw Research Center

News dai telefonini

Cambiamenti sottili ma costanti nel panorama dell'informazione: appurato che ormai molti utenti si rivolgono ai siti web di news piuttosto che ai quotidiani cartacei, ora un'ultima ricerca statunitense condotta dalla Paw Research Center svela che gli stessi consumatori preferiscono leggere le notizie dai cellulari, piuttosto che dai propri pc. Le statistiche parlano chiaro: dei 50 siti web analizzati (che comprendono i più importanti su suolo americano), ben 39 ricevono più traffico dai telefonini, invece che dai computer. 

I motivi del fenomeno sono anche abbastanza chiari: ormai ogni compagnia telefonica permette di avere internet sul cellulare ad un prezzo molto ridotto, e se una volta era usanza leggere i giornali sulle metropolitane e i tram, evidentemente l'attuale generazione ha invece trovato nello smartphone il valido compagno di viaggio per tenersi informato sulle ultime notizie durante i propri spostamenti giornalieri. Che cosa significa questo? Più lavoro per i tecnici web nel creare una grafica online sempre più a portata di piccolissimi schermi. 

A guidare la classifica dei siti di news più digitati, in base al numero medio di visitatori mensili: USA Today (54.5 milioni), New York Times (54 milioni), Daily Mail (51.1 milioni), Washington Post (47.8 milioni), The Guardian (28.1 milioni), New York Daily News (25.9 milioni), Los Angeles Times (25.2 milioni), New York Post (22.9 milioni), San Francisco Chronicle (19 milioni) e Telegraph (16.7 milioni) 

[Leggi anche: Come fare buoni video con l’iPhone o uno smartphone: 10 trucchi e tecniche di base]

Per il resto, la ricerca ha confermato la costante caduta dei giornali cartacei: la L.A Weekly, ad esempio, ha perso all'incirca il 18% di lettori dall'anno scorso. Non se la passano meglio i canali televisivi: analizzando gli ascolti medi di Fox News, CNN e MSNBC, è stato constatato un calo del 7%, complice la presenza sempre più massiccia di concorrenza da ogni medium.

A crescere, invece, sono proprio le piattaforme online: le radio web hanno visto un incremento di oltre 20%, mentre i podcast hanno avuto un download totale di 54 milioni di volte durante il 2014, superando di gran lunga i 38 milioni dell'anno precedente. 

Categorie generali: 

Facebook Comments Box