Abbonamento Annuale Completo al canale di informazione libera

Ritratto di Maria Eleonora Mollard
Autore Maria Eleonora ... :: 9 Settembre 2016

In un video le 12 inquadrature perfette della storia del cinema

Il critico cinematografico e cineasta Scott Tafoya ha stilato una lista - non definitiva - chiedendo a 60 critici quali fossero le più belle inquadrature della storia del cinema. Sul sito Fandor potete vedere la personale classifica di ogni interpellato ma facendo una stima di tutti i film citati si può evincere una top 12 (dall'ultima posizione alla prima) che vi proponiamo qui di seguito e il video che celebra il cinema che si trasforma in fotografia: 

12. The Tree of Life - Emmanuel Lubezki, 2011

E' la storia della vita dell'uomo, del suo microcosmo immerso nell'immensità del cosmo: la vita, la morte, e tutto lo spettro di sentimenti ed emozioni in cui si dibatte l'uomo comune ogni giorno. Il Malick del nuovo millennio è un uomo nuovo e con lo sguardo rivolto al cielo che tenta di raggiungere con una nuova poetica visiva.  Il cinema di questo regista è un atto di fede come la vita.

11. The Magnificent Ambersons - Stanley Cortez, 1942

Il secondo lungometraggio del prodigio Orson Welles narra l'ascesa della famiglia Amberson e la sua caduta per l'impossibilità a cogliere lo spirito del tempo, incapaci di adattarsi ai tempi benché il degrado non sia solo a livello economico ma soprattutto spirituale: l'egoismo, la superficialità, l'orgoglio in una saga famigliare scritto, trasposto e diretto con rara maestria e sensibilità: la profondità di campo, i mirabili piani sequenza e la fotografia di Stanley Cortez che venne candidato due volte all'oscar senza mai vincerlo e la cui carrierà fu costellata da collaborazioni importanti.

10. Apocalypse Now - Vittorio Storaro, 1975

La discesa agli inferi del Capitano dell'esercito Benjamin Willard in missione segreta per uccidere il colonnello Kurtz, disertore e immagine speculare del protagonista: La dicotomia è quella che caratterizza l'intero film come suggerisce una battutta nella versione redux diretta proprio al Benjamin dove gli si fa notare che in lui ci sono due uomini: uno che ama e uno che odia. Ma in quella follia che è la guerra, in quel quotidiano incubo che sono diventate le giornate per il Comandante e i suoi compagni, il confine tra i due sentimenti diventa sempre più labile. Candidato a otto premi oscar, il capolavoro di Coppola si aggiudicherà la statuetta per il sonoro e per l'indicibile fotografia di Vittorio Storaro.

9. The Night of the Hunter - Stanley Cortez, 1955

Harry Powell è un pastore protestante, ma sarebbe più giusto definirlo un cercatore d'oro. Il modus operndi è sempre il solito: trova delle vedove, le sposa, le uccide e le deruba. Incontra Wilda, dopo aver condiviso la cella col marito della donna (condannato a mrote per rapina e omicidio) che gli rivela della somma di denaro nascosta in casa sua. Wilda è madre di due bambini che sono a conoscenza dell'esistenza dei soldi e della natura dello strano Harry, predatore senza scrupoli negli anni della Depressione. La prima e unica prova alla regia del grande attore Charles Laughton viene magistralmente esaltato dalla fotografia del grande Stanley Cortez.

8. McCabe & Mrs. Miller - Vilmos Zsigmond, 1971

Prima de I racconti ravvicinati del terzo tipo e il meraviglioso film di Michael Cimino Il cacciatore, Vilmos Zsigmond lavorò a fianco di Robert Altman in questa storia di gente perduta e sconfitti in un vero e proprio anti-western segnando una vera svolta per la carriera dell'artista ungherese.

7. The Red Shoes - Jack Cardiff, 1948

Di rado qualcuno ha colto lo spirito della storia riuscendo a imprimerla nella pellicola come Jack Cardiff con Scarpette Rosse, attingendo a piene mani dall'impressionismo francese per il suo lavoroVicky Page è una promettente ballerina che si fa strada nella compagnia del mefistofelico Lermontov che vede in lei la stessa sete di arte e di trascendere da tutte le cose terrene per votarsi esclusivamente a essa. Vicky, però, s'innamora del compositore Julian Craster mettendo da parte la sua passione per il ballo a favore della loro storia d'amore. La fiaba delle Scarpette Rosse scelta per lei da Lermontov, vero e proprio artefice del tragico destino della sua pupilla, instilleranno in lei un dubbio dilaniante tra le cose più importanti della vita di Vicky: suo marito o la danza? La parabola commovent e folle di chi si offre in sacrifcio all'arte, in qualunque forma si presenti.

6. The Conformist - Vittorio Storaro, 1970

Vittorio Storaro ha vinto tre premi oscar e, nessuno di questi, purtroppo per il film di Bernardo Bertolucci. Ha lavorato per i più grandi nomi del cinema: Coppola, Argento, per Warren Beatty nel bellissimo Reds e quest'anno per Woody Allen.

5. Sunrise: A Song of Two Humans - Karl Struss, Charles Rosher, 1927

Karl Struss fu nominato quattro volte all'oscar e vince una volta sola per Aurora. Charles Rosher vince anche per il commovente film Il cucciolo.

[Leggi anche: La classifica delle 5 migliori pellicole firmate da Spielberg]

4. Citizen Kane - Gregg Toland, 1941

Gregg Toland è colui che realizzo col venticinquenne Orson Welles le indimenticabili sequenze innovative, i grandangoli, i plongée e i contro plongée di Quarto Potere. Dobbiamo a lui i concetti di illuminazione moderna.

3. 2001: A Space Odyssey - Geoffrey Unsworth, 1968

Nella sua filmografia appare Tess di Polanski (per cui vinse l'oscar), collaborazioni con Lumet e quella pietra miliaredel Cinema che rimarrà sempre 2001: Odissea nello spazio 

2. Barry Lyndon - John Alcott, 1975

Nell'addattamento che Kubrick fece del romanzo di William Makepeace Thackeray sulla storia di un giovane irlandese in cerca di avventure e prestigo, si avvalse della collaborazione di John Alcott. Barry Lyndon fu girato completamente con luce naturale e con delle particolari lenti prodotte dalla  Zeiss per la Nasa.

1. Days of Heaven - Néstor Almendros, Haskell Wexler, 1978

Haskell Wexler vinse due volte l'oscar ma il lavoro che fece con Néstor Almendros per il secondo lungometraggio di Terrence Malick è qualcosa di pregievole. Creò una nuova estetica in quel cinema indipendente che cresceva ai margini di Hollywood e fu tra i più influenti direttori della fotografia della storia di quest'arte.

Categorie generali: 

Facebook Comments Box

Per condividere o scaricare questo video: TV Animalista