Ritratto di Marco Rovaris
Autore Marco Rovaris :: 5 Novembre 2014

Il regista di "Il cigno nero" e "The Wrestler" è stato annunciato come presidente di giuria al prossimo Festival di Berlino, dal 5 al 15 febbraio 2015. Aronofsky è stato di recente nelle sale con l'epos biblico "Noah"

Darren Aronofsky

Darren Aronofsky sarà presidente della giuria della sessantacinquesima edizione del Festival Internazionale del Cinema di Berlino. L'annuncio è freschissimo e il regista formatosi nella school di New York avrà l'onore di guidare la giuria di uno dei festival europei più prestigiosi e rispettati. L'edizione 2015 di Berlinale decorrerà dal 5 al 15 febbraio.

Il direttore del festival, Dieter Kosslick, ha detto in un comunicato stampa che Darren Aronofsky si è distinto come un protagonista all'avanguardia nel cinema d'autore contemporaneo; nel suo approccio estetico il regista ha messo in pratica il linguaggio cinematografico con tutte le sue possibilità espressive. Aronofsky, dal canto suo, afferma che alla Berlinale il cinema è sempre eccitante e affascinante: "non vedo l'ora di vedere le ultime opere dei più grandi cineasti in una delle più prestigiose città del pianeta" ha dichiarato.

[Leggi anche: Il porno come arte: grande successo per il Porn Film Festival di Berlino]

Noah è stata l'ultima fatica del regista: un film storico/biblico che racconta la costruzione dell'Arca più celebre della storia. Digitale a parte, il film è stato probabilmente un passo indietro rispetto a temi e soluzioni registiche che si erano visti negli eccellenti Il cigno nero con Natalie Portman e The Wrestler con Mickey Rourke, che valsero un Oscar alla prima e una nomination al secondo. Forse la grossa produzione ha messo un po' a disagio il regista, abituato a sviluppare liberamente le sue elucubrazioni mentali, fin dall'inizio della sua carriera, nel 1998, anno del primo lungometraggio, π - Il teorema del delirio, il quale ottenne un buon successo di pubblico e critica al Sundance Film Festival. Poi nel 2000 la consacrazione con Requiem for a Dream. Il resto è storia, la partecipazione a Venezia  con The Fountain, prima del succitato The Wrestler, che ottiene il Leone d'Oro nel 2008.

Alla manifestazione di quest'anno è atteso un altro grande nome: Wim Wenders, infatti, sarà presente per ricevere l'Orso d'Oro alla carriera.

Categorie generali: 

Facebook Comments Box