Ritratto di Pierre Hombrebueno
Autore Pierre Hombrebueno :: 27 Luglio 2015

35 fra le presunte vittime di stupro da parte di Bill Cosby si sono riunite per posare in copertina del New York Times, immortalate dalla fotografa Amanda Demme. Fra di esse, le attrici Lili Bernard e Beverly Johnson

Le donne stuprate da Bill Cosby nel Ney York Times

Copertina da brividi per il New York Times, che ha coinvolto la fotografa Amanda Demme per immortalare 35 fra le donne che hanno accusato Bill Cosby di stupro, tra cui l'attrice Beverly Johnson, la modella Janice Dickinson e, dalla serie tv I Robinson, Lili Bernard. Le vittime sono state ritratte in bianco e nero, ognuna seduta su una sedia e con sotto l'anno in cui è avvenuto il presunto stupro da parte di Cosby. Dentro la rivista, un dettagliato articolo di Noreen Malone, la quale ha ricostruito le drammatiche storie di queste donne: finalmente, dopo decenni e decenni di lotta, stanno riuscendo a far prevalare le proprie voci contro l'attore afroamericano, che per troppo tempo ha insabbiato e manipolato le vicende grazie al potere dei propri legali. 

Diverse le dichiarazioni drammatiche delle vittime. “Mi sentivo come una prigioniera, mi sentivo rapita ma era come se dovessi nascondermi. Potevo camminare per una qualsiasi strada di Manhattan e dire 'Vengo stuprata e drogata da Bill Cosby', ma chi diavolo mi avrebbe creduto? Nessuno” - spiega Barbara Bowman, abusata dal 1985 al 1987. Prosegue Tamara Green: “Nel 2005, Bill Cosby aveva ancora il controllo dei media. Ma nel 2015, abbiamo i social media. Non spariremo più. È tutto online e non andrà via”. “Non ho più paura – conclude Chelan Lasha – Ora mi sento più potente di lui”. 

Insomma, Bill Cosby ha ormai decisamente le spalle contro il muro. Anche quelle poche celebrità che l'avevano inizialmente difeso, e pensiamo a Whoopi Goldberg, si sono ormai arrese davanti all'evidenza dei fatti. Ecco poi che cos'ha detto in proposito Joseph C. Phillips, che ne I Robinson vestiva i panni di Martin Kendall: “Certo che Bill Cosby è colpevole. Ho combattuto contro le mie emozioni, ero arrabbiato con lui. Aveva soldi, fama e potere; era un afrodisiaco che camminava! Perché ha fatto tutto questo?”

[Leggi anche: Janice Dickinson: "Bill Cosby mi ha stuprata nel 1982"]

Pochi giorni fa, addirittura un commento del presidente Obama: “Se tu dai una sostanza stupefacente ad una donna, o un uomo, per poi fare sesso con quella persona senza il suo consenso, allora è stupro. E penso che questo paese, ogni paese civilizzato, non dovrebbe avere tolleranza verso lo stupro”. 

Tag: 

Categorie generali: 

Facebook Comments Box