Ritratto di Pierre Hombrebueno
Autore Pierre Hombrebueno :: 18 Settembre 2014

La Samsung, in collaborazione con l'azienda di tecnologie Barco, è pronta a lanciare le nuove sofisticate sale cinematografiche in formato "Escape", che sfrutta tutti gli spazi a disposizione mettendo degli schermi aggiuntivi ai lati

Le nuove sofisticate sale in formato Escape

Il futuro del cinema? Perchè non allargare ulteriormente lo schermo, magari coinvolgendo anche gli spazi laterali? Così, l'immersione nella pellicola sarà assolutamente totale, e immaginatevi poi se il film è addirittura in 3D, ma un 3D sfruttato bene e non piazzato a caso come ormai fanno molte produzioni giusto per fare un po' di soldi. Sembra un salto in avanti, ma ricordiamoci che Abel Gance tentò già l'esperimento nel 1927 con il suo Napoleon, e chi altro poteva concepirlo se non lui, autore megalomane per eccellenza? Evidentemente, a distanza di quasi un secolo, il suo capolavoro è servito anche a dare ispirazione alla Samsung, che con la compagnia di tecnologia Barco, è pronta ad immettere sul mercato il sofisticatissimo formato Escape che coinvolge tutti gli spazi possibili di una sala cinematografica. La prima pellicola che potrà godere di questa nuova esperienza sarà The Maze Runner – Il labirinto di Wes Ball, film fantascientifico programmato negli Stati Uniti nei prossimi giorni (e il cui arrivo in Italia è invece previsto l'8 Ottobre).

Insomma, dopo lo scoppiare del trend stereoscopico, l'industria pare in fibrillazione nell'inventare soluzioni sempre più avanguardistiche per il coinvolgimento del pubblico. Basti pensare alle sale 4DX, con le poltrone che si muovono al ritmo della proiezione digitale tirando in mezzo anche altri espedienti tra cui getti d'acqua e odori sparati in faccia agli spettatori; oppure alle sale cinesi che permettono al loro audience di commentare in diretta la proiezione tramite sms. Come tutto questo possa influenzare il mondo del cinema è difficile prevederlo, ma è certo che se gli esperimenti avessero successo il lavoro dei registi si complicherebbe ulteriormente, in quanto dovranno poi adattare le proprie opere ai nuovi spazi e possibilità.

Al momento, il formato Escape è già sbarcato in California, Florida, Texas e Illinois, mentre la prima nazione europea che ne testerà il fascino è il Belgio. La Samsung garantisce che sarà assolutamente “una meravigliosa esperienza visiva”, e promette di continuare a curarne i miglioramenti tramite il sostegno delle aziende tecnologiche più avanzate. Per l'occasione, è anche in via di sviluppo Ruin, cortometraggio pensato appositamente per sfruttare al massimo le possibilità di Escape. 

Categorie generali: 

Facebook Comments Box