Ritratto di Redazione
Autore Redazione :: 1 Aprile 2014

La videocamera indossabile Panasonic HX-A500 è la prima sul mercato che conquista la soglia della risoluzione 4K e apre nuovi confini alle riprese in soggettiva

Le videocamere indossabili sono una delle nuove frontiere della ripresa amatoriale e documentaristica. Consentono di mantenere le mani libere mentre si registra e di rendere il puntamento dell’obiettivo solidale con un arto o con la testa. In questo modo è possibile registrare video in soggettiva di alta qualità in tutti i casi in cui non è possibile concedersi il lusso di tenere le mani libere, come per esempio in situazioni in cui ci si trova in mezzo a folle in tumulto, nel corso di azioni belliche o in casi meno rischiosi ma altrettanto impegnativi come l’esplorazione di una foresta.

Il mercato di questo genere di dispositivi è sempre in crescita e la Panasonic HX-A500 mira a diventare il top incontrastato del momento. Se il problema di questo tipo di device è quello di essere dotati di una risoluzione piuttosto limitata e di offrire una qualità di ripresa raramente soddisfacente, l’HX-A500 dimostra che è ormai arrivato il tempo di un modo nuovo di pensare questi strumenti anche per le riprese professionali ad alta qualità.

Basta guardare le caratteristiche tecniche, che rendono possibile la registrazione di video alla risoluzione 4K a 25 fps, 1080p a 50 fps, 720p a 100 fps, oltre all’opzione super slow motion 200 fps alla risoluzione di 480p. Stiamo parlando, in sostanza, della prima videocamera indossabile esistente sul mercato capace di riprendere a 4K. Volendo invece scattare foto singole, la risoluzione può essere spinta fino a 16 megapixel, mentre lavorando in una combinazione di foto e video la risoluzione massima è di 8 megapixel.

L’ottica dell’obiettivo è grandangolare, con un angolo di campo di 160 gradi, apertura di f/2.8 e focale reale di 3,4 millimetri. La messa a fuoco, fissa, consente di ritrarre bene oggetti distanti non meno di 50 centimetri.

Ma non basta, il device può anche essere utilizzato per riprese subacquee, benché non sono consentite immersioni molto profonde: fino a 3 metri è possibile effettuare video eccellenti senza compromettere l’integrità del videorecorder.

La videocamera integra la connettività Wi-Fi e NFC per la condivisione wireless dei contenuti, consentendo così anche il live streaming. Inoltre è dotata di un sistema di autostabilizzazione delle immagini che la rende perfetta per cogliere sequenze qualitativamente accettabili anche in condizione in cui ci si deve muovere molto rapidamente.

Strutturalmente la HX-A500 è costituita da un corpo macchina leggerissimo – al punto da potere essere collocata sulla stanghetta degli occhiali – che effettua le riprese, e da un dispositivo connesso che funge da hard disk e da controller, sul quale trova posto un piccolo display LCD da 1,5″. Sarà disponibile sul mercato a partire da maggio al prezzo di 626 dollari.

Tag: 

Categorie generali: 

Facebook Comments Box