Ritratto di Pierre Hombrebueno
Autore Pierre Hombrebueno :: 28 Ottobre 2014

Delle immagini dallo spazio cosmico in risoluzione 6K? Non sarà un film di fantascienza, bensì una nuova missione Nasa, che per l'occasione ha stretto un accordo con la Red Digital Cinema Camera Company

Il vasto spazio cosmico

Immaginate un film di fantascienza girato direttamente nello spazio con sofisticatissime videocamere 6K. D'accordo, non succederà molto presto, ma intanto la Nasa ha appena stretto un accordo con la Red Digital Cinema Camera Company, tra i più celebri produttori di strumentazioni professionali per la settima arte.

Certo, è sempre stata una prassi della Nasa portarsi delle videocamere nei loro viaggi spaziali, ma usando perlopiù prodotti di qualità minore, e non certamente assolute bombe come potrebbero essere i gioielli targati Red, considerati da molti registi delle autentiche benedizioni per il loro lavoro. Basti pensare che tra le pellicole girate con attrezzature Red, ci sono rinomati titoli come Pacific Rim di Guillermo Del Toro, The Social Network di David Fincher, Il Grande Gatsby di Baz Luhrmann, Il Grande e Potente Oz di Sam Raimi e Lucy di Luc Besson; senza contare le serie televisive Il trono di spade – Game of Thrones, True Blood, Homeland, House of Cards e Shameless.

Spiega il presidente Jarred Land: “Sin dal primo giorno, Red ha sempre spinto le barriere su ogni livello. Le nostre camere sono andate sul fondo dell'Oceano Atlantico, in cima sul Monte Everest, fino al vulcano Marum. Eppure, andare nello spazio porterà le cose su un nuovo livello. Siamo incredibilmente onorati che la Nasa abbia scelto Red per essere parte della sua missione”. Land non ha specificato quali modelli Red compiranno questo sfavillante viaggio, ma è ormai certo che nel giro di un paio d'anni avremo delle immagini dallo spazio con una qualità mai vista prima. Inevitabile far viaggiare le fantasie dei cinefili più intrippati: a quando un film girato direttamente nello spazio? A quando le riprese in 6K di altri pianeti?

[Leggi anche: Riprese nello Space Shuttle: realtà virtuale ed effetti visivi da Oscar]

Ricordiamoci che tra le videocamere di ultima generazione, la prima ad essere andata nello spazio è stata la Canon C500, utilizzata per riprendere la cometa ISON e diverse scene per un documentario IMAX. La Red compirà invece il suo viaggio tra la fine del 2014 e l'inizio del 2015, e anche stavolta, ne siamo sicuri, le immagini sapranno stupirci come se entrassimo al cinema per la prima volta. 

Chris Hadfield, astronauta a bordo dell'International Space Station, canta Space Oddity di David Bowie

Categorie generali: 

Facebook Comments Box